venerdì 17 febbraio 2017

DI UNA SENSAZIONE


Dopo quasi sette mesi in compagnia della nuova, e permanente, protesi in titanio al posto della testa dell'omero destro, e sventata una nuova operazione a causa di un'infezione alla protesi medesima, eccomi finalmente all'appuntamento con la riabilitazione in acqua, che doveva iniziare, senza contrattempi, già a Settembre.
Nel frattempo fisioterapia al lumicino, per scongiurare ogni focolaio di infezione, e antibiotici a palla per tre mesi.

Ma vi sto annoiando. Era di una sensazione che volevo scrivere.



Mi avevano avvisato che la terapia in acqua è miracolosa, quasi bere una pozione magica, in un certo senso.
Gesti soltanto teorizzati, in condizioni normali, diventano realizzabili grazie all'effettiva perdita di peso, immersi in acqua, che alleggerisce la resistenza e rende incredibilmente facilitati i movimenti, è quasi un volare e, per chi come me, amante del mare, è abituato a sentirsi a casa in acqua, è un ritrovare se stessi, le proprie possibilità, potenzialità che in sette mesi si sono come assopite quando non dissolte.

Il deltoide, il muscolo che permette di alzare il braccio in alto e lateralmente, è ridotto a uno straccetto logoro.

Ma già ieri, al primo appuntamento in piscina, mi brillavano gli occhi assistendo ad una vitalità impensabile una volta fuori.. è stato un tornare bimbo, un riassaporare antichi entusiasmi, e alla fine, riattraversando tutta la vasca per guadagnare la scaletta di uscita, anche approcciare un paio di bracciate - tentativo subito appesantitosi di dolore vivo - , mi ha comunque riempito di gioia, vera, di ricontatto con una realtà fino allo scorsa estate normale routine, passionale consuetudine...



Sono uscito dalla mia prima piscina con la stessa felicità del tizio che ha attraversato la Manica a nuoto la prima volta.

Euforicamente orgoglioso.


Godiamoci sempre le piccole cose, quelle che ci sembrano serenamente alla portata di mano (o di spalla). 


46 commenti:

  1. Che bello Francone. Da balenottera amo molto la piscina. Ma ad averci tempo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ora spero ti potrai dedicare qualche ora in più.. ;)

      Elimina
  2. Bellissimo post, ti dico solo questo.
    (e anche un W LA PSICINA)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Dai franco che sei un combattente d'acqua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei tornarlo anche di terra... mi manca correre.. la bici anche.. ma piano piano.. ;)

      Elimina
  4. Ne so qualcosa, a proposito di una protesi al femore. Ci misi un anno ad abbandonare il bastone e la piscina ebbe molti meriti .
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'acqua rende movimento e rida' tono al muscolo... spero stia bene ora.. mollare il bastone deve essere un'altra particolare sensazione.. ;)

      Elimina
  5. Ah..non sapevo. Felice per te che ritrovi il movimento!!!👍🏼

    RispondiElimina
  6. bene bene
    sistemato il deltoide.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Sistemato" è un parolone... però la strada è quella.. ;)

      Elimina
  7. Da quanto ho letto è un percorso abbastanza lungo ma che dovrebbe dare i suoi frutti. Questa euforia è importante per darti la forza di avere la pazienza di saper attendere i tempi necessari, cosa non facile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti dicessi che sette mesi sono volati? Forse mentirei.. niente vacanze, notizie contraddittorie, riapertura della ferita per esame istologico... però ora sono qua.. forse tra un paio di mesi lavoro di nuovo.. e con la testa sto già pensando a riprendere lo scooter... bello sognare però... ;)

      Elimina
  8. non sapevo di questa disavventura...mi dispiace.
    Per fortuna, anche se lunga la riabilitazione, tutto si aggiusterà.
    in bocca a lupo.
    p.s. comprendo la " sensazione" .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci spero si.. come si dice "le cose accadono" e conviverci resta sempre uno sport ad alto tasso educativo.. ;)

      Elimina
  9. Il nuoto, nella riabilitazione motoria, è una mano santa. Non è la solita frase consolatoria, ma una testimonianza provata sulle mie spalle.

    P.S.
    Comunque, amico mio, l'imperativo e uno e categorico: tieni duro
    .
    .
    .
    .
    ^___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonio caro.. si.. facciamo il possibile.. e aggiungere soddisfazioni al lavoro.. crea bei sorrisi... ;)

      Elimina
  10. ottimooooooooooo FRANCO !!!!!!

    RispondiElimina
  11. Daje Franco, e che questa brutta disavventura, passi prima di subito con il nuoto e riabilitazione in piscina.
    ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Veramente incredibile quanto aiuti l'acqua.. e amarla da sempre.. è la ciliegina sulla torta...

      Elimina
  12. Sono contento se inizi a migliorare, son passati davvero tanti tanti mesi e sarebbe davvero ora che tu riesca a riprenderti al meglio :)

    RispondiElimina
  13. Uguale uguale a me. Soltanto che per me la cosa era parecchio più grave. Un protesi nel femore di 38 centimetri che tuttora ho dal 1995. E dopo essere stato operato al San Raffaele qui a Milano ero andato in Liguria e frequentavo la piscina per fisioterapia sotto il Grand Hotel del Mare a Bordighera.
    Tutto in seguito a un disgraziato incidente in moto.
    Vedrai che ti rimetterai in sesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Importante è poterle raccontare...fanno miracoli con le protesi ormai.. ;)

      Elimina
  14. Risposte
    1. Ci proviamo Pietro.. anche se non sarò mai più al 100%.. ma giuro mi interessa poco.. l'importanza anche del poco e del necessario, la scorgi solo quando ti viene a mancare del tutto... allora scendi dalla luna e sei felice anche solo di impolverarti le scarpe.. ;)

      Elimina
  15. L'acqua è inaspettatamente e meravigliosamente l'elemento di molti. In questo caso ha fatto molto di più. Inoltre è sempre bellissimo, almeno per me, starci dentro a sguazzare *.* per cui trovare una cura che sia così piacevole, penso sia un bel diversivo in una situazione che di piacevole non ha avuto molto :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio di così.. difficile descrivere... grazie!

      Elimina
  16. Niente come l'acqua ci porta ad azzerare il superfluo...é il mio elemento...😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro il mare...e non ho mai amato tanto la piscina!!

      Elimina
  17. In queste particolari situazioni la cosa che conta è non demoralizzarsi, coraggio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo momento sono particolarmente euforico.. certo c'è da tenere d'occhio i valori dell'infezione.. che sia passata definitivamente... ;)

      Elimina
  18. Ma Franco! Piano piano daiiiii

    RispondiElimina
  19. L'euforia e l'entusiasmo con cui ne parli sono commoventi. Spero davvero che questa riabilitazione porti i suoi frutti il prima possibile, te lo auguro di cuore. Buon lunedì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi terza seduta... di dieci... parallelamente fisio a mano, tecar, radioterapia..e tutte quelle rogne sciogli muscoli...
      diciamo che dovrei aver scollinato.. ;)

      Elimina
  20. So che le protesi sono una rottura di palle a volte, al punto che poi devono sostituirti anche quelle, ma sento nell'aria l'odore del recupero e mi fa piacere :) Daje!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa hanno detto che rimane a vita... l'anca va sostituita ad esempio.. comunque una palla si... ;)

      Elimina
  21. credo sia importante e fondamentale, io sto riscoprendo ora la piscina perché portiamo la bimba a nuoto
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia moglie non nuota e ha paura anche della piscina... fare i abituare i bimbi all'elemento acqua è fondamentale.. fai benissimo...

      Elimina
  22. Tre mesi di antibiotici?! Uh povero! Ti auguro di tornare in forma prestissimo!

    RispondiElimina
  23. Ti consiglio di prendere opportune contromisure per contrastare gli effetti collaterali degli antibiotici.

    RispondiElimina

Sottolineature