sabato 11 gennaio 2014

AMERICAN HUSTLE - IL RIPORTO.. OPS! L'APPARENZA INGANNA (2013)





Per essere lungo è lungo, dai. Venti minuti di voice over in meno e servivamo un semiottimo film.
Un Happy days dai toni polizieschi cogli straordinari al trucco e parrucco
Pettinature stravaganti, scollature maschio/femmina a rotta di collo, anni ‘70 serviti e riveriti sotto forma di grandi addobbi e cotillons, ultrarecitazione supportata da almeno quattro fenomeni in stato di grazia; Bradley Cooper su tutti, un uomo che può recitare, e credibilmente, di tutto basta osservarlo come come imbecca serio la mamma coi bigodini in testa 


o come scimmiotta il suo capo incupito sul divano a fine pellicola, una fucina inesauribile di espressività, altro che certi monoliti tanto celebrati..., 

Christian Bale - che io solitamente adoro - ma che ho battezzato eccessivamente recluso nei suoi quindici chili di panza da ostentare, nel riporto da addomesticare e negli occhiali da sistemare sul naso in continuazione...),
ci si sovraccarica di chiacchiera ed ultrachiacchiera, come se l'intreccio thriller già di per se di buona fattura, non bastasse a se stesso, come se l'intreccio di sentimenti ed aspirazioni non fosse sufficiente ad avviluppare la storia in una spirale dal fascino perverso, come se questi ragazzetti non stessero già dando il meglio di loro, incrociando facce e voltafacce, sentimenti e tradimenti, istericismi e voglia di emergere dalle loro vite inadeguate.


Jennifer Lawrence poteva anche incarnarla quell'apparenza ingannevole, ed invece rimane vittima della sua evanescenza senza abbindolare nessuno, nascondendo quasi tutti i “lati positivi” che l'avevano proiettata nel firmamento dei fenomeni, Amy Adams se la diverte con le sue scollature vertiginose, invece



ma l'aiutano parecchio quelle due tette a clementina che si ritrova, perlomeno cambia pettinatura, lei, potendo sfoggiare poco altro.

Illuminante De Niro invece, con un cameo da sballo a personalizzare da solo tutta una scena.

Insomma, venti minutini di sforbiciata alla pellicola, visto che le parrucche erano inamovibili, non ci stavano niente male. 
Tra dieci anni ci ricorderemo sempre La stangata, a sproposito accostata più volte, e assolutamente per nulla di questo American Hustle. Il riporto inganna.

9 commenti:

  1. sono decisamente d'accordo sul film in generale e sull'ottimo bradley cooper.
    meno su de niro, che io ho trovato qui decisamente ridicolo, e sulla jennifer lawrence che a me ha abbindolato, eccome :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Jennifer mi era piaciuta assai di più 'lata positiva'.. ;-)

      Elimina
  2. Wao, sai che sono proprio in periodo 70's?
    Stanotte ho rivisto La Febbre del sabato sera...
    ...dici che questo potrebbe piacermi?

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Urca! Ci mancava giusto John Travolta.. ;-)

    RispondiElimina
  4. Film noioso e incasinato
    Uomini belli e bravi non ne ho visti. Bellissima la Lawrence

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. ah ah Bale ha dovuto sistemare anche il riporto di colesterolo nel sangue...per fare quella panza chissà che s'è magnato....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo che, beato lui, tra un mese già potrebbe girare L'uomo senza panza.. ahah..

      Elimina
  7. più ne leggo e più penso che il film sia raiassumbile tutto nel RIPORTO!

    RispondiElimina

Sottolineature