sabato 2 dicembre 2017

TRA KAFKA E JACK LONDON



L'era glaciale sembrava tornata.
Ruminavo ghiaccio.
Nessun essere umano, solo bianco spettrale.
Volevo gridare a quei rami ossuti
ma la voce era già morta dentro, 
riconobbi solo un fantasma, riflesso e immobile, 
a ridermi in faccia.

26 commenti:

  1. No, Franco. No.
    Già detesto 'sto freddo che mi scavo una tana e ne esco a marzo. Poi tu mi parli di rami ossuti e fantasmi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...bisogna farli i conti con i propri fantasmi...

      Elimina
    2. E si! e i miei sono proprio cattivi di fantasmi.

      Elimina
  2. Ah caspita, come mai questi pensieri 'glaciali' e pessimisti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...mi piace percorrere i miei lati intimisti, ogni tanto.. e comunque, uno spettro ghignante, è sempre più sincero di una fake new da campagna elettorale... ahahah

      Elimina
  3. La vettura si avvicina a una fermata e una ragazza è pronta a scendere.
    E' vestita di nero, le pieghe della gonna si muovono appena, ha la camicetta attillata con un colletto di trina bianca dalle maglie minuscole.
    Ha il volto bruno, i capelli castani scuri e piccoli ciuffi disordinati sulla tempia destra.
    Io non posso nemmeno giustificare perché mi trovi su questa piattaforma, perché mi aggrappi a questa maniglia e mi faccia trasportare da questa vettura, perché la gente si scansi davanti alla vettura o cammini imperterrita, o si riposi davanti alle vetrine. Del resto nessuno me lo chiede, ma ciò non ha importanza.


    Adoro Kafka

    RispondiElimina
  4. ... ero io stesso.

    (Finale della poesia) ora riflettici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riflesso nel lago. Potevo essere solo io... brava Anna.. ;)

      Elimina
  5. Abbiamo tutti dei fantasmi contro cui combattere. Spesso siamo noi stessi i nostri fantasmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. non è neanche detto che ci si debba combattere, alla fine... ;)

      Elimina
  6. Sei il solito razzista culturale, sai che sono ignorante e ti diverti a scrivere versi impenetrabili ed a citare nomi di personaggi mai sentiti: Kafka... London... etc. etc
    Mi spiace Franco ma ti levo il saluto! :((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre interessanti e originali le tue creazioni. Complimenti!
      .
      .
      .
      .
      ^___*

      Elimina
    2. ..sei uno sballo Guardiano.. !!

      Elimina
  7. E pensare che c'è tanta più poesia in questo periodo che nei restanti undici mesi dell'anno.
    sinforosa

    RispondiElimina
  8. Un po'pessimista ultimamente?
    Ti auguro una buona serata Franco.

    RispondiElimina
  9. Ma verrà primavera. E finché ci sarà primavera ci sarà speranza.

    RispondiElimina
  10. Scarna diretta e profonda. La tua sensibilità si evidenzia con forza in questi tuoi versi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ogni tanto ci si spoglia e si resta lì, a guardarsi dentro.. cose belle, ma anche macerie...

      Elimina
  11. Mi è venuto freddo, brrrr!

    RispondiElimina
  12. L'hai scritta pensando a casa mia, vero?xD

    Comunque è molto bella. Quante volte ci si trova nella condizione di vedere sé stessi riflessi, di non riconoscersi, di voler urlare e di non farcela?E quante altre ci si trova congelati. Dalla paura, dalla tristezza, dalla noia, dall'amore.
    Però si può sempre cogliere il meglio, prendere un po' di neve e cominciare a giocarci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Casa tua in realtà, la vedo come una festa perenne, un focolare giocoso pieno di dolci e bimbi.. molto al femminile magari.. ma ricca di affetto...

      Elimina

Sottolineature