lunedì 10 febbraio 2014

SMETTO QUANDO VOGLIO (2014) .


Era un bel po' che il cinemello italiano non tirava fuori qualcosina di effervescente, supportata tra l'altro da attori navigati ma tutti di seconda fascia, comprimari di fiction e cinema minore, assemblati dall'esordiente Sibilia con sagacia e perfetto equilibrio, in questa avventura alla Ocean's Eleven ricca di personalità, di sarcasmo e di fresche trovate dove i richiami ad Una notte da leoni si sprecano, con Fresi che zafianakiseggia alla grande ed Edoardo Leo alter ego di Bradley Cooper con venature alla Morelli.


La banda di ex universitari, tutti di gran talento (dagli antropologi ai latinisti ai neurobiologi) e dalle verbosità stilistiche surreali, mette su un piano per spacciare una nuova droga sintetica e finalmente si dà alla pazza gioia (la scena in cui Piero confida ad una escort russa la sua futura paternità - e qua farò inorridire gli infiniti estimatori scorsesiani - brucia nella sua inaspettata prurigine quasi tutto lo sfacciato The wolf).

Il film fila via e se la cava egregiamente anche quando sembra che si incanali in un cul de sac sceneggiatoriale.
E' vero che in sala si sente ridere molto quando scatta la parolaccia, ma per fortuna non si abusa e sono poche le occasioni per rinverdire l'immarcescibile vezzo italico, al contrario le gag ed i dialoghi si supportano vicendevolmente sempre con verve e montaggio frenetico e lo spaccato di realtà affrontata, che si ribella all'impotenza del nostro asfittico mercato del lavoro, non si allontana dal cogliere l'effettivo stato delle cose, con i nostri laureati costretti ai lavori più disparati per riuscire a pagare le bollette.



A navigare tra questi ottimi caratteristi in gran spolvero - Edoardo Leo e Stefano Fresi su tutti -, anche la Solarino (che adoro a prescindere) oltre ad un Neri Marcorè che si “macchietta” col giusto eccesso che richiede l'occasione (ed ogni riferimento agli eccessi dei capitali umanoidi non è per nulla casuale) divertendosela da matti nei panni di un truce boss da quartierino. 
Ed anche se il trailer si brucia le cartucce migliori i cali di tensione sono impercettibili e la storia appassiona, e con l'esatto gusto della novità, evidenziando come i cinepanettoni e le tremende frescacce da commediola italica possano essere parcheggiati, per una volta,  a distanza di sicurezza.



23 commenti:

  1. Il cul de sac rovina tutto.
    Ti piace Valeria Solarino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non quanto Jennifer Aniston però.. :-P

      Elimina
    2. Potrei anche non essere d'accordo.
      Ci sono volti non sempre belli nel mutare delle espressioni.
      Ma parliamo delle attrici o della bellezza delle donne?

      Elimina
    3. La bellezza percepita è sempre soggettiva... ;-)

      Elimina
  2. Dunque, se ho ben capito, l'alter ego di Bradley Cooper non sono io.
    Merda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è rimasto un posto da alter ego di Zafianakis.. ahah!

      Elimina
  3. Avevo già letto recensioni che lo definivano intelligente e divertente. Se poi arriva la conferma da un recensore "cattivone" come te... :D

    RispondiElimina
  4. Scopro il tuo blog solo ora, beh già dal titolo mi ha incuriosita parecchio eh. ^_^ Complimenti, recensito anch'io oggi questo piccolo spiraglio di luce per il cinema italiano. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la visita.. nel blog si parla occasionalmente un po' di tutto, e spesso non propriamente in punta di tastiera, ma il cinema rimane un grandissimo amore!! .. ti vengo a fare un saluto!! ;))

      Elimina
  5. Me ne avevano già parlato bene, caro Lamp!
    Un mix tra Ocean's e Breaking Bad, no?^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... indubbie anche le strizzatine d'occhio a Una notte da leoni .. eh eh..

      Elimina
  6. L'attore della terza foto, con la maglia grigia, l'ho già visto da qualche parte, forse in qualche sitcom... boh, ricordi sbiaditi, magari sbaglio ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sbagli.. è tutta gente che lavora nei vari distretti, squadre, romanzi criminali, fiction di tutti i tipi e B movie mai visti... è la loro ora... si parla già di se quel.. ;-)

      Elimina
  7. ah ah ma il titolo del post si riferisce alla tua fede milanista?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, quello è un altro: I segreti di Seedorf County, dove arriva un fighetto che secondo me torna in Brasile prima delle Europee.. ahah..

      Elimina
  8. ess, è vero, a sentirti parlare bene di un film viene voglia di vederlo, e mò che scusa mi trovo per non vedere questo?

    ...

    ah, è vero che sono un'entità aliena sprovvista di organi fotorecettori, vado ad annusarmi una torta di mele, va.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trova subito un fotorecettore!! Magari in un buco nero galattico dove la visione non è disturbata da nessun raggio fotonico... ;)

      Elimina
  9. ti ho trovato per caso, saltando di blog in blog... mi sa che tornerò spesso a trovarti! ;)
    tornando in tema... l'ho visto pure io questo film... e lo reputo davvero una produzione molto carina nel mare magnum delle produzioni italiote!!! ;) mi è davvero piaciuto!
    a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace essere scoperto saltando di blog in blog.. che poi è quello che faccio io spulciando in un blog e poi nel suo blogroll e cosi via... una volta mi so' perso e non ritrovavo più il blog di casa.. ahah..

      Elimina
  10. Io non vedo l'ora di vederlo,soprattutto perchè potrebbe esser la mia fine futura xD

    RispondiElimina
  11. ... come chimica sintetizzatrice di droghe alternative chi t'ammazza?! Procurati Limitless, gran bel film per menti dagli ampi orizzonti
    ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, no, pensavo più al lavorare nei fastfood o dal benzinaio xD Son contraria alle droghe, io xD

      Elimina

Sottolineature