mercoledì 13 maggio 2015

Steve McCurry a Roma!!! Spettacolo nello spettacolo!!...




Non solo l’ovvia meraviglia procurata dalle foto di un grande creatore di suggestioni.. gran merito anche alla coinvolgente e surreale scenografia dello Studio 1 di cinematografia di Cinecittà, e i suoi pannelli ad incrociare foto e video in un magico labirinto di immagini, ritratti e colori.
Un teatro di tagli luminosi, drappeggi semi trasparenti in tela nera che scendono dalla volta, oscurità di fondo ad esaltare luce, colori e sfumature; 
possibilità e voglia di perdersi tra le evocazioni, le quinte a sorpresa e le visioni che ci rimandano mondi lontani eppure scavati ed esaltati dall'obiettivo, e diversi video con McCurry voce narrante a svelare segreti e retroscena.
Le comode e maneggevoli audio guide narrano la “storia” di parecchie delle foto in mostra e, per quanto, spesse volte, McCurry stesso tenga a ribadire la casualità di molti dei suoi scatti, rimaniamo convinti che uno dei talenti maggiori del fotografo di genio sia anche il “saperla pensare” la foto, costruendo movimenti, gesti e circostanze su misura.
Usciamo emozionati e colmi di magia. Con occhi e cuore nuovi. 
Come sapessero dipingere ora..   





















37 commenti:

  1. beh, dicono tutti che sia bravissimo. se lo dicono tutti sarà per forza vero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho allegato qualche suo scatto.. tanto per ribadire.. :)

      Elimina
  2. Per nome non sapevo chi fosse poi ho riconosciuto gli scatti! Deve essere stata una bella mostra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastica! Supportata da una scenografia che ti coinvolge sapientemente..

      Elimina
  3. Belle... e pure parecchio famose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi stanco mai delle sue foto... ci lavora e mi piace decostruirle anche, equivale a passeggiare in quei luoghi, prendere confidenza con le misure e i colori saturi..

      Elimina
  4. Il nome non mi diceva nulla, ne so poco di queste cose sinceramente. Però gli scatti cavolo, molto belli, mi colpiscono molto gli occhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu che sei tra i fortunati "romani" (ce l'avremo pure noi qualche vantaggio ogni tanto, si o no?!?..), corri subito - ma anche con calma, dura fino a Settembre - a godertela!!

      Elimina
  5. La ragazza afgana è un'immagine del 1984 ma conserva un fascino stupendo.

    RispondiElimina
  6. http://www.bergamopost.it/wp-content/uploads/2015/03/844400-image-1424905945-833-640x480.jpg


    Ecco la foto dell'afgana oggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scovata in fondo a una classe.. il tempo di una foto rubata, dice Steve..

      Elimina
  7. Anche nella casualità c'è il genio, perché saperla captare (catturare, cogliere) non è da tutti.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e non è casuale il commento di un altro genio.. ;)

      Elimina
  8. che fico, io ci vado la settimana prossima. Ma devo ammettere che sono molto più eccitata per la mostra di David LaChapelle ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Chapelle adoro solo quella Sainte, a Parigi.. ahah

      Elimina
  9. Saperla pensare e saperla vedere grazie alla conoscenza che ha della luce e del movimento. Grande artista, posso capire la tua emozione.
    .
    Cristiana

    RispondiElimina
  10. L'utilizzo dei colori - casuale, ricercato, come colpo di fortuna - che fa a me estasia ogni volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il colore come macchia, che ti rimane indelebile...

      Elimina
  11. Alcuni scatti (più della metà) li avevo già inseriti nel mio sguardo per farne memoria. Io amo fotografare......ma sono più validi gli scatti dal vero...cioè: mi fermo, guardo, riguardo, se si tratta di un fiore, annuso, e poi...stop! Ciao "romano"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...l'occhio rimane la nostra reflex più valida.. ma sai quante volte rimpiango di non riuscire ad "immortalare" l'attimo che ti emoziona?! ;)

      Elimina
  12. Scatti meravigliosi! Li conosco... così tanto che son salvati nella mia cartella personale! la mia preferita rimane comunque la seconda... quelle due bimbe firi ad un vetro bagnato mi emoziona sempre!
    "Saper pensare la foto"... Bello!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma e figlia in realtà, Steve racconta che in quella foto vede il divario tra la ricchezza e la povertà, lui comodo in auto e fuori un mondo che si arrabatta (e senza volerlo fa arricchire ancor più il mondo dentro l'auto.. )

      Elimina
    2. Oh... madre e figlia... la percezione è ancora più forte! Grazie!

      Elimina
  13. Lo adoro. Visto a Milano è tempo fa gli avevo dedicato un post. Tanto per ribadirne la grandezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..visto anch'io sempre a Roma.. ma stavolta col valore aggiunto di una scenografia avvolgente, che ci fa partire con Steve, per terre remote...

      Elimina
  14. Eh...magari.
    Qui non arriva nulla... :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..non arriverà il bello (poco), ma neanche valanghe di brutto (tantissimo..)

      Elimina
  15. Meravigliosi attimi colti così all'improvviso perchè cercati.
    Immagini reali, molto reali della vita comune di persone di cui non conosceremmo nulla se non scoprirle solo un pochino grazie a questi geni della fotografia.
    Non sono solo belle, le trovo affascinanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, emanano fascino e intrigano cuore e pupille...

      Elimina
  16. È diventato famoso per un paio di occhi (meravigliosi) che non sono i suoi. Strana la vita a volte vero? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che se vedeva una vichinga ...finivi in mostra!! ;)

      Elimina
  17. Steve racconta - in alcuni dei video sparsi per la mostra - che molti dei soggetti fotografati hanno recuperato lavoro e stato sociale grazie ai suoi scatti. Un piccolo contributo in cambio delle meraviglie "rubate"..

    RispondiElimina
  18. Confesso, non lo conoscevo.
    Anzi il nome non mi diceva proprio nulla. Poi ho visto gli scatti e ho deciso che ne voglio un paio in salotto. :)))

    RispondiElimina
  19. Corri a vederlo. La fermata Metro A Cinecittà è proprio davanti al cancello di ingresso... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'ho ancora Chagall, in sospeso :((

      Elimina
  20. Devo andarci assolutamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. ne vedo a bizzeffe di robe a Roma... questa è IMPERDIBILE!!

      Elimina

Sottolineature