giovedì 17 luglio 2014

ATTENTI A QUEI DUE!



Bollani e De Holanda insieme: occhio - anzi, orecchio - alle vostre capacità percettive, questi due fenomeni scompagineranno in un’ora e mezza tutti i vostri obsoleti parametri di ascolto.


Virtuosi funamboli del piano, Bollani, e del mandolino De Holanda, sconvolgono ritmi e casistiche sollecitando oltre misura i loro strumenti, dai quali non mi sarei sorpreso fosse uscito fumo verso la fine, tanto è stato il diabolico squassarci dei due musicisti, a ritmi e intrecci indiavolati.


Un’intesa perfetta, tra il più compìto mandolinista brasiliano e il giullare Bollani, con quella collezione di smorfie e danze sulla tastiera, scatenato a tamburellare sul suo piano accompagnando gli assoli di De Holanda, con le dita direttamente sulle corde dentro la coda, rendendocelo “vivo” quel pianoforte, a far svolazzare gli spartiti in preda a frenesia interpretativa, uno spettacolo nello spettacolo mentre il compagno svirgolava armonie frenetiche in assoluta simbiosi col pianista apparentemente posseduto. 

Una complicità che si avverte a pelle e che diventa interazione micidiale quando la musica diviene come originata da un unico, incredibile strumento .
Un mix di brazil e bluegrass, melodico, “pizzicato” e rock.




I due saccheggiano repertori moderni, classici, popolari e sanremesi senza guardare in faccia a nessuno, che siano Jobim, Piazzolla, o De Moraes, ma ricolorando ogni nota di passione e tecnica.


Un concerto che vola via con il pubblico impazzito a chiedere bis su bis.
E loro a concederli, con una grandissima voglia di stupire e divertire.


14 commenti:

  1. Ti ho invidiato, lo sai vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi avevano accennato di performances fuori dai canoni, ma non credevo... ;)

      Elimina
  2. il pubblico impazzito ? ma sei sicuro ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un pubblico dal deciso zoccolo over 60 con l'ultimissimo bis in piedi a urlacchiare e smanovrare video con gli smarthphone che manco a una delle merendine pomeridiane degli One Direction s'era mai visto.. (non vorrei esagerare ma mi è sembrato veder volare sul palco uno di quei reggipetti stile prima guerra d'indipendenza color carne viva con ferretti e stecche vintage...)

      Elimina
    2. Eh! Eh! Questi bancari, che ne sanno di zoccoli e reggipetti color carne. (gli over 60 non portavano reggipetti)!!...però hanno un buon udito.
      Le meraviglie di Bollani, purtroppo poco conosciute.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Bella roba che riconcilia con la musica e le esibizioni live...

      Elimina
  4. non è un concerto, ma un piccolo grande orgasmo questo

    RispondiElimina
  5. Bollani l'ho conosciuto due anni fa in un concerto che ha fatto in una cava qui in zona
    che dire
    sono rimasto di sasso.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...in effetti può dirsi pietra miliare del nuovo panorama jazz italiano...

      Elimina
  6. Divertiti Franchì! Secondo me saranno fenomenali! :)

    Moz-

    RispondiElimina

Sottolineature