martedì 18 luglio 2017

PIEGARO: FESTIVAL DEL VETRO



Per chi da sempre rimane affascinato da un riflesso; di una finestra, di una lampada, o anche solo di una pozza in strada; 






il contatto con degli autentici Maestri artigiani del vetro, riuniti da tutta Italia per questo Primo Festival del Vetro di Piegaro, a due passi dal Trasimeno e da Città della Pieve, è un'esperienza esaltante.




Il fuoco, la pasta da modellare, il bagliore e i lampi, il calore, il vetro che prende forma e acquista vita. 





Tutto fantastico, pulsante, tangibile.



I nostri obiettivi si incantano a catturare istanti e movimenti, mani veloci e sicure attorno a questo impastare sabbia e silicio.



Una fragilità e una potenza incredibile si sprigionano, assieme, dal calore e dal fuoco, lastre a sfoglia nascono da un solo soffio, mentre suggestivi intarsi prendono vita dalle contorsioni di mani sapienti e vigorose tenaglie che agiscono con la precisione di un bisturi..



Cristallizziamo anche noi - come questi maghi che trasformano la viscosità in trasparenza - gli attimi dai quali nascono luce ed armonia.



L'omaggio raccolto in questi giorni diviene, ora, immagine/Mostra per il Museo.

Un Museo che ci ha visto passeggiare tra memorie evocative, silenzi quieti ed occhi voraci a curiosare.



Un ricordo che non sbiadirà mai, come gli infiniti ricami di vetro che hanno preso vita e colore tra volte e fornaci.



34 commenti:

  1. e la madonna "non sbiadirà mai" ! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ho visto la luce articolarsi praticamente dal nulla.. ;)

      Elimina
  2. Risposte
    1. .. un talento.. dono soprannaturale quasi...

      Elimina
  3. Piegaro è a 10 minuti dal mio paese, ma sei qui?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora no.. ;) ma ci torno il 5 agosto... vieni alla mostra?

      Elimina
    2. Paciano e Panicale.. che te possino!!

      Elimina
    3. Sì, sono di Paciano ;)

      ma da 3 anni sto a Perugia

      Elimina
    4. ... mimimetro!.. che sballo.. ogni tanto lavoro da quelle parti.. a Ferro di Cavallo..

      Elimina
  4. Da piccolo adoravo le piccole sculture di vetro...deve essere suggestivo vedere gli artisti all'opera...

    RispondiElimina
  5. Il lavoro dei mastri vetrai a me è sembrata sempre una piccola magia. In seconda media andai a visitare Murano e rimasi letteralmente incantata da quel turbinio di colori, dal fuoco, da quel vetro che sembrava plasmarsi come creta. Sogno ancora di tornarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..è proprio magia che sembra diffondersi nell'aria calda, fiumi di vetro liquido che si adagiano all'estro umano.. siamo capaci di cose meravigliose.. e di nefandezze efferate..

      Elimina
  6. Risposte
    1. ..tipo si.. al Festival c'erano anche artisti muranesi.. ;)

      Elimina
  7. Splendi...adoro i riflessi.
    Sensazioni che io ho provato tantissimi anni fa a Murano.
    Ciao Franco un abbraccio 🤗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..infatti penso che a New York impazzirò... ;)

      Elimina
    2. ...New York!?... 🙄e che c'azzecca col mio commento Fra?...😳
      A parte gli scherzi...qual è il collegamento? Andrai a New York in vacanza?
      By

      Elimina
    3. ..ahah.. t'ho preso in contropiede.. "adoro i riflessi" scrivi.. e NY è la città dei grattacieli a specchio, del riflesso impazzito che si insegue e si rimbalza... spero per giugno prossimo.. ;)

      Elimina
  8. Da bambini degli anni 50 le palle dell'albero di Natale erano solo di vetro. I loro colori e le loro trasparenze ci facevano sognare. La plastica quasi non esisteva. Dovevamo trattare con cura gli addobbi dell'albero perché si potevano rompere. E ci abitavano al rispetto x le cose belle....amarcord. Vabbè, Non vogliamo sconfitta are nel patetico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche ora le cose più fragili restano vetro e...cuore.. e tra albero e presepe ne aggiungiamo a non finire...

      Elimina
  9. Come vedi non mi sono inventato niente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..però che da te non siano consentiti commenti.. depone male.. e comunque sei entrato te per primo a gamba tesa su Iacoponi (e a casa sua..). Purtroppo non conosco il resto della diatriba da Sabina K.. ma conosco la tipa.. che ho smesso di frequentare, infatti.. ;)

      Elimina
    2. C'è altro altrove, tu appunto non conosci il resto perchè cancellato. La mia gamba era solo un po' tesa, l'altra ben più sporca. Vecchie e stucchevoli storie da web cui io per fortuna non appartengo più. Adieu

      Elimina
    3. "commenti chiusi,e quasi certamente, un gran silenzio a coprire questo luogo". Questo scrivi nella presentazione del tuo blog blindato. Bello sforzo che resta il silenzio quando ti chiudi dentro... ;)

      Elimina
    4. Il silenzio spesso è una cosa preziosa e lo sforzo di non comunicare più liberamente è maggiore di quanto tu creda. Bisogna superare il primo momento ma basta pensare alla quantità di idiozie e cattiverie degli ultimi anni per non rimpiangere la scelta. So benissimo che su questo punto abbiamo idee diverse.

      Elimina
  10. Mi ha sempre affascinato il lavoro del mastro vetraio, veder prendere via oggetti così delicati è una bella esperienza.
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  11. Un'arte forse poco conosciuta. Grazie di averci raccontato... Abbraccio

    RispondiElimina
  12. Amazing !!! come dicono gli americani . Faccio collezione di fermacarte e sfere di vetro per non dire di vasi in vetro sommerso , mi piaccion meno le "murrine" qualcuna però la ho , non posson mancare :)

    RispondiElimina

Sottolineature