sabato 18 aprile 2015

SE DIO VUOLE



Commedia che confonde con garbo sacro e profano, anche se a molti è parso insensibile, se non fuori luogo, mischiare toni e messaggi religiosi incartati di sciocchevolezza cinematografica.
Immagino i medesimi alle prese, chessò, con lo scorsesiano L'ultima tentazione di Cristo.. fuggirebbero dalla sala urlando al sacrilegio..
C'è anche un altro lato da sottolineare, probabilmente sconosciuto ai più: l'ex galeotto divenuto prete piacione, dall'eloquio magnetico e le platee acclamanti esiste davvero a Roma, risponde al nome di don Fabio Rosini ed affabula folle con le sue interpretazioni evangeliche sopra le righe tanto da essersi guadagnato l'appellativo di “prete parabolico”.
Da qui al film il passo è breve, un curioso restyling di Peppone e Don Camillo che ammicca a sano sentimentalismo coinvolgendo furbescamente i due eclettici showman, Giallini e Gassman, in un dualismo sfociante in problematiche più ampie pur senza l'ambizione forzata di volerle elaborare “a tutti i costi”,


il tutto sorretto da una sceneggiatura pimpante in vena di quadretti spassosi, e contornati da ottimi caratteristi vestiti di iperbolico grottesco (siamo disposti anche a tollerare gli eccessi della Morante che sembra divertirsela), a fungere da esatto contr/altare ai toni di una storia che prova (se Dio vuole...) anche a investirci di tenerezza, calcando sentieri già testati, ma anche sfrucugliando compitamente l’indagine introspettiva.
Edoardo Falcone (già autore del validissimo Ti ricordi di me?) apparecchia una tavola in fondo semplice, con tutti gli stereotipi del caso, aggrappandosi a incomunicabilità, incomprensioni, superficialità, azzeccandone il giusto mix, anche in un finale non scontato e che ci lascia liberi e appesi - come una pera all'albero - ai nostri quesiti più intimi senza forzare la mano.
In fondo abbiamo tutti bisogno di sognare senza troppe pippe mentali. 
Per quelle arriva Moretti a brevissimo...



28 commenti:

  1. Ah però! Mi hai incuriosito. Non tanto con la commedia quanto con don Fabio. Sai anche dove affabula folle a Roma?
    Mi piacerebbe assistere ad un suo sermone...sse ha ispirato addirittura un film !!! Un abbraccio e buon we ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora è Direttore del Servizio per le Vocazioni in Vicariato.. su internet puoi trovare i programmi delle sue catechesi..

      Elimina
    2. Grazie! Lo cerco...
      Kiss ;-)

      Elimina
    3. Grazie! Lo cerco...
      Kiss ;-)

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Meglio evitare i parolai e chi mischia il sacro con il profano. Accade spesso nella realtà e rivederlo al cinema è masochismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credere Gus.. devo molto a Don Fabio Rosini. la serenità.

      Elimina
  4. Ecco un'altra preziosa chicca del nostro Mollicone del web(be).
    In attesa di andare a vedere questo "Se Dio vuole" ( ma la presenza di Gassman mi scoraggia) ti comunico, caro socio, che ho visto "Interstellar", l'ho trovato ben fatto, ma rimango dell'opinione che non sia spettacolare quanto "Gravity" e ciò per una ragione molto semplice. Il primo ha una trama certamente robusta, con ambizioni contenutistiche di tutto rispetto, ma con una fotografia discutibile e tanti dialoghi d'interni.
    Il secondo invece è privo di un intreccio vero e proprio, ma è spectaculum puro (in senso etimologico) per cui quando sei davanti allo schermo ti sembra di vivere nello spazio ed essere coinvolto totalmente nel dramma gravitazionale che vivono i protagonisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. mi dispiace carissimo ma su Gravity non mi troverai mai in linea.. d'accorso sugli ottimi spunti ma una grossolaneria di effetti da far rabbrividire. Per non parlar di Clooney che bussa con le pastarelle alla porta del modulo... ahah..

      Elimina
    2. I video-effetti che giudichi grossolani, a mio modesto avviso, sono stati realizzati in modo magistrale e la "bussata" di Clooney è semplicemente un sogno ad occhi aperti che fa la "Stone/Bullock", in preda alla disperazione più cupa.

      Elimina
  5. Mi hai convinto con la citazione di Peppone e Don Camillo. Li adoravo da bambina <3

    RispondiElimina
  6. Moretti non mi avrà a questo giro

    RispondiElimina
  7. Sembra curioso e interessante, e i due attori spaccano!^^
    E poi, non mi faccio certo spaventare dai dissacratori :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..pone questioni intimiste in mezzo alle cianfrusaglie.. e questo ha indispettito più di qualcuno..

      Elimina
  8. Non lo vedrò mai. ;)

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah.. grande Ispy.. del resto.. dopo il film invisibile di Salvatores rischiavi di restarci male.. :)

      Elimina
  9. l'ho visto in anteprima, mi è molto piaciuto! E' inoltre riuscito a toccare delle corde in me che davvero non credevo! Comunque il personaggio/macchietta della sorella è quello che in assoluto mi ha fatto ridere di più!!!

    RispondiElimina
  10. Vale la pena di andare a vederlo solo per i due protagonisti...

    RispondiElimina
  11. Grazie per l'accorata segnalazione, egregio Frank... nonché M. R. ;-)

    RispondiElimina
  12. Il film mi incuriosiva. Forse lo guarderò...forse...

    RispondiElimina
  13. Io preferisco le recensioni di libri, già sai.
    MapoinannimorettiNO.

    :)

    RispondiElimina
  14. Giallini non è malissimo, Gassman non mi piace molto invece. Non penso però sia un film di mio gusto, in tutta onestà

    RispondiElimina
  15. La tua frase che potrebbe NON farmelo vedere è "tutti gli stereotipi del caso". È proprio il caso? Io non sono per le pippe mentali, però sono per le idee nuove. E l'italiA da tempo sembra esserne IMMUNE!

    RispondiElimina
  16. è una commedia "pesante" nel senso che con leggerezza, fa riflettere e non fa rimanere sterili sui propri pensieri... plaudo al tuo ritratto che vede l'affacciarsi di un film del cinema classico come la saga dei don Camillo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più facile insinuare meditazione in un contesto leggero che ammorbare di dolore metodicamente plasmato come tenta l'ultimo Nanni Moretti...

      Elimina
  17. ahahaha Franchino , la conclusione mi è piaciuta tantissimo..non hai tutti i torti, ma amando Moretti, me lo "papperò" in un sol boccone...
    Non ho visto il film recensito, ma i due protagonisti i stanno molto simpatici.
    Deve essere un film gradevole,e penso lo vedrò e seguirò il tuo consiglio...
    Bacionissimo e buona serata mio caro!

    RispondiElimina
  18. Uhm.. in effetti è nella lista (come del resto quello di Moretti). Ho riso anch'io per la conclusione del post... Aò, quello che è vero è vero! eheheheh

    RispondiElimina

Sottolineature