domenica 13 luglio 2014

L'EVOLUZIONE DEL (RISTORANTE) CINESE

E' successo.
Mia moglie non ne voleva sapere. Ma l'altro giorno, presa alla sprovvista l'ho costretta ad una serata di asian fusion, (l'evoluzione del consunto ristorante cinese, tristo e vuoto, con quei ravioli al vapore e quegli involtini primavere stantii  e poverelli, e del soprattutto pochissimo rassicurante "nessun gatto nel raggio di tre chilometri).


Insomma PINGUSTO EDEN WOK  ha spalancato le sue rutilanti porte introducendoci in uno dei più spericolati All you can eat romani..

Qui ti puoi uccidere (con 10 euro a pranzo e 20 la sera) passando dal sushi carpacciato  allo spaghetto verduroso,  senza che nessuno interferisca sulle tue priorità e i capricci delle tue papille gustative.



Il trucco è uno solo: fare un paio di giri tra mezzo miliardo di composizioni diverse, piatti colorati, crudità e bracità, churrascaria e pasta al pomodoro, insalate a girandola, fiamminghe di pesci ignoti, tagli di carne non identificabile neanche con un decriptatore, il tutto senza cedere alla tentazione di riempire il piatto con selvaggia compulsività.

Bisogna prendere pochissimo di quello che ci attira (il fatto che intrighi vista, olfatto e sensazioni non vuol dire che il palato non ci dia degli imbecilli una volta assaggiato..) e tentare una vaga,  discreta e misuratissima degustazione globale (l'evoluzione del cinese prevede anche fantasiosi restyling che potrebbero inizialmente lasciarci perplessi e la frenesia del assaggiotutto può fregare chiunque ... )

Una volta individuato una o più specialità degne di essere strafogate - ma solo allora -
 si passa all'attacco frontale con operazione saccheggio.


Tra le curiosità più simpatiche di questi locali, l'omino che passa per i tavoli con spiedi sempre diversi e ti taglia a richiesta ananas caramellato, pollo croccante, tagliata solo da fettinare, kebab tostato,  e altre robe che siano in grado di essere inspiedinate.. (insomma il consommé ve lo prendete da soli al banco..)



E oltre ai mille piatti freddi o caldi belli pronti, un fottìo di altre cosine da portare ai cucinieri a  vostra disposizione: vi friggeranno le fragole o vi piastreranno le balene.. tutto esattamente come volete voi.. è un po' tornare bambini questo modo di sregolatissimo ingozzarsi .. Moz ci andrebbe a nozze.. e ora che ci penso.. lo vedo proprio bene un All arrosticins you can eat,  ai piedi del Gran Sasso...  ;))



 

21 commenti:

  1. il wok che sta vicino a casa mia in tema di cucina fusion fa pure le olive all'ascolana e se vuoi nella roba da cuocere ci sono gli arrosticini....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. infatti mi sa che per "fusion" intendono qualsiasi cosa di ciancicabile.. eheh.. gli arrosticini ormai me li trovo pure dal mobiliere sotto casa.. infilzati in spiedini di noce tanganica...

      Elimina
  2. Non so da te a Roma, ma qui a Milano ci sono ristoranti cinesi di alta qualita' o dove la cucina cinese e' quella meno servita ai tavoli. Credo che a parte rare eccezioni (che trovi re e comunque in tutta la ristorazione) il loro tratto caratterizzante sia far mangiare discretamente bene e accontentarsi di.... Guadagnar meno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una discreta strategia per avvicinare un sacco di gente scettica verso la cucina orientale, fornendo diversi "appigli" gastronomici più familiari che sfumano diffidenza e contrasti, a prezzi oltretutto realmente fuori mercato...

      Elimina
  3. ahahaha Franco, sono andata parecchie volte in ristoranti giapponesi e tailandesi evitando gli altri per allergie varie..e fino ad ora ne sono uscita salva..
    Che dici sarà un caso?
    Un abbraccio domenicale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. guarda che te la rischi molto di più in certe trattoriole presunte casarecce... ;)

      Elimina
  4. Non sono mai stato in un ristorante cinese; in genere frequento poco i ristoranti e quando devo proprio mangiare fuori, preferisco quelli italiani. Mio figlio, invece, è un assiduo frequentatore di ristoranti cinesi e devo dire che ne parla sempre bene. Forse perché ancora non lavora e cerca di risparmiare??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me sa che non ti fidi troppo del sangue del tuo sangue... ;)

      Elimina
  5. Vado di corsa a qualche ristorante cinese, ma di certò finirò per mangiare ravioli pieni di carne di gatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sereno! I gatti li usano per il maiale agrodolce...

      Elimina
  6. Ad un All You Can Eat non ci sono mai stato (credo abbiamo una mia foto, sulla porta, con su scritto "io non posso entrare") ma adoro i ristoranti etnici ed ogni volta che salgo a Milano mi sbizzarrisco :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..è una bella sfida.. se ti controlli è piacevole altrimenti diventa un'eiaculazione precoce..

      Elimina
  7. Io ci vado spesso, certo la qualità è bassa ma è divertente.
    Ogni volta che i cinesini ci vedono, mandano le loro maledizioni, "bastaldi, questi ci falanno fallile!" :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', se gli apri un localino concorrente.. li rovini del tutto.. eheh..

      Elimina
  8. Io il cinese lo rifuggo come la peste. Pero' dalle foto piu' che cinese vedo molto jappo... che invece adoro:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è di tutto. Pure un po' di cucina kosher.. tanto per riallacciarmi al post più recente...

      Elimina
  9. Io manco dal ristorante cinese da almeno dieci anni. Andavo matta per gli involtini primavera e gli spaghetti con le verdure croccanti ^_^
    Poi siamo stati invasi dai cinesi e non mi ha attratto più...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. se ci pensi mangiamo solo il frutto di mille invasioni.. ti vuoi mica mettere a dieta forzata?

      Elimina
  10. Ti mando un paio di amici all'all u can eat degli arrosticini.
    Io dopo 10-12 sono MORTA, loro 25, 30 e nemmeno il sentono...

    RispondiElimina
  11. Io vivo di ristorante cinese.-sushi-pizza.

    :D

    RispondiElimina

Sottolineature