venerdì 12 agosto 2016

..E SONO PROPRIO LORO...



Succede che li conosci da tempo questi due.
Li conosci come bloggers, ovvio.  Paola  e  Maurizio

Li conosci sul web, dai loro post e dai loro commenti. Non sai neanche se si chiamino effettivamente così, ricchi dubbi anche sui luoghi da dove scrivono. 
Ma ti piacciono e ti intrigano. 
Ti affascina soprattutto – inutile negarlo – questa loro storia d’amore nata sul web, questo  attirarsi solo per la capacità di essersi scoperti, letti e compresi attraverso un modem, prima ancora di vedersi o ascoltarsi. 
Poi finalmente l’incontro, il rivelarsi di affinità elettive solo supposte, il contatto visivo, umano, epidermico.

E’ un amore che esplode e cresce anche per noi, che facciamo il tifo e prenotiamo un posto in chiesa, tra post travolgenti e  tenere dichiarazioni, un amore che continua a cibarsi di blog, e ad espandersi nella rete, a beneficio di tutti quelli che hanno visto nascere, e crescere, questa storia bellissima, perché in fondo è proprio al blog, che deve tutto.

Alla capacità di comunicare noi stessi, di trasmetterci quali siamo e spesso anche più intimamente. Una scommessa vinta subito se non si bara, se ci si apre al destino, se si comprende che un’anima gemella può respirarci tenerezza anche da un display. 
E noi altri a cullare questo avvenimento, questa sorta di nascita in cattività, come se la blogosfera non potesse permettersi di sfornare sentimenti nobili, ma solo rapporti surrogati, confidenze burocratiche. Che non palpitano.

E succede che finalmente riesci ad incontrarli, li inviti a casa e loro sono titubanti perché anche tu, comunque, sei un prodotto del web, potenzialmente inaffidabile, parole senza sorriso, sentimenti senza sguardo. E un giorno, finalmente, le circostanze sembrano favorire l'incontro, uozzap, messaggi, indicazioni stradali, una voce al cell... e di punto in bianco l'incontro di "terzo tipo"

E sono proprio loro, per mano come due innamorati non del tipo 2.0, ma old style, vecchia maniera, tipo.. incontrati a una festa o in spiaggia. 

Invece no. 
Loro hanno sfidato la banda larga, hanno attraversato il portale della diffidenza, hanno smagliato la rete, hanno azzerato le distanze, e hanno vinto.
E sono belli e giovani, luminosi e sorridenti. E anche tu che hai imparato a scorgere sguardi e sorrisi solo da un post,  ora li hai lì per te, davvero, con tua moglie basita, incredula che certe storie possano accadere davvero, che poi ti dirà sorridente, “potrebbero essere nostri figli”, finalmente rassicurata da quella candida innocenza, dai sogni che tracimano dai loro occhi, dal futuro che li avvolge potente.
Dai loro modi spontanei, dalla loro felicità, dalla loro scommessa vincente.

Perché se è il cuore che detta le regole, non si può aver paura di nulla.

Grazie di tutto!


15 commenti:

  1. Piu che sul web è un amore nato tra le stelle :)

    RispondiElimina
  2. Piu che sul web è un amore nato tra le stelle :)

    RispondiElimina
  3. Carissimo Franco,
    ti ringrazio anche qui di averci ospitato ieri a casa tua, è stata un ora e mezza piacevolissima in compagnia tua e della tua simpaticissima dolce metà :)
    Dopo tanto "tentennare" alla fine abbiamo improvvisamente deciso di farla, 'sta cosa, e ne sono molto contento, anche perché davvero sei come mi ti immaginavo leggendoti qui sul blog, non vendi fumo insomma, ora posso dirlo con certezza, a beneficio dei tuoi denigratori (ahaha ^^).
    Scemenze a parte, è stato un bel primo pomeriggio, abbiamo parlato tanto, ci hai pure offerto i gelati e da bere (del resto però mi so fatto 80km fra andare e tornare e quindi ce poteva stà... ^^), soprattutto fatto splendida compagnia :)
    Poi beh, qui, adesso, in questo post e non solo, hai scritto cose estremamente lusinghiere su di noi, è un qualcosa che non era certo "dovuto", e quindi proprio per questo ancora più apprezzato... :)
    Prima di incontrare Paola non avrei mai pensato che certe cose potessero capitare, invece adesso che ci sto dentro... ha cambiato tutta la mia vita, e guardo quindi a questo mezzo con più fiducia, perché appunto come ho trovato lei, che è tutto per me, mi ha anche messo in contatto con splendide persone che, pur se non incontrate direttamente, ritengo ottimi amici. Tu sei tra questi, ancor più dopo ieri :)

    Vorrei scriverti qualcosa di più ma, davvero, mi ha colpito molto questo tuo post e... non so cosa aggiungere se non il ringraziamento ulteriore, e sincerissimo, per tutto questo :)

    RispondiElimina
  4. Post molto rivelatore...
    Ora conosco meglio anche te e mi hai sorpreso con questo delicatissimo post...
    Ci hai dorato soprattutto speranza.
    Ciao e grazie.

    RispondiElimina
  5. Bello quando si supera quella diffidenza, ci si prende di coraggio e si va oltre queste letterine nere :)

    RispondiElimina
  6. Ma che bello immaginarvi lì seduti in salotto col gelato :))))

    RispondiElimina
  7. Non so se riuscirò a fare il commento che merita questo bellissimo post che ci hai dedicato :) Sicuramente non vedrò l'ora di ricambiare da me, al tempo giusto.
    Intanto qui ancora una volta ti ringrazio per le bellissime parole che hai speso per noi, per il tempo che hai condiviso insieme alla tua gentilissima moglie, per i gelatini buonissimi e per la compagnia.
    Nonostante la diffidenza che mi contraddistingue (e per quella di Maurizio il noioso), sentivo che sarebbe stato positivo incontrarti e che sarebbe stata una bella esperienza, dato anche il fatto che in questi (forse ormai) anni, ci siamo scritti e letti rivelando magari più di quanto avremmo fatto se ci fossimo conosciuti in altre circostanze.
    Certo sappi che ho sofferto quando vi ho avuti davanti a non potervi dare del lei (o del voi come il Sud insegna) come invece sono abituata a fare quando incontro qualcuno più grande di me, ma come detto la confidenza che ormai si è creata tra queste righe, me lo ha proibito xD :-D

    Ad ogni modo sono stata davvero felice di constatare che quello che ho letto qui corrisponde a quanto ho conosciuto tra quelle belle mura ricche di quadri.

    Ti abbraccio nel frattempo e spero il tuo braccio ti sti dando più pace dell'ultima volta :-P

    RispondiElimina
  8. Solo per salutarti, sperando di rileggerti presto.
    Cri

    RispondiElimina
  9. Che bello....il post e questa storia d'amore.

    RispondiElimina
  10. Che bello....il post e questa storia d'amore.

    RispondiElimina
  11. Ma dai, mi sono persa questo fantastico post!
    Ah, le vacanze.
    Che gioia Franco, incontrare persone che per lungo tempo ti sei solo immaginato e poi scopri essere anche meglio di quanto pensavi.
    Mauri e Paola a me paiono una coppia di splendidi ragazzi, a cui auguro con tutto il cuore un futuro radioso e bello come loro.
    E anche io spero di conoscerli un giorno.
    Spero pure di conoscere te, finalmente.
    A proposito come stai?
    Smack.

    RispondiElimina
  12. E'una storia vera?
    Veramente intrigante ,non conosco i protagonisti ,ma auguro loro tanta felicità.
    Ciao Franco

    RispondiElimina

Sottolineature