domenica 8 marzo 2015

MINORCA "l'isola preferita dal mare"

Panorama da Cova d'en Xoroi
Febbraio ventoso e freddo. 
Prendiamoci una pausa allora, 
e tuffiamoci nei ricordi estivi..  


 Minorca è una splendida isola che invito tutti, con la più profonda convinzione,
                      a NON visitare.
Perlomeno nel periodo nel quale l'abbiamo girata, sviscerata e cappottata noi. Seconda metà di agosto.
L'isola è relativamente piccola, a forma di fagiolo allungato, 45 km di lunghezza per una trentina di
larghezza. Circa duecento chilometri di costa,

 un'ottantina di spiagge
e un centocinquanta calette, anche di genere monoposto,  raggiungibili giusto in sogno.

Nei nostri quattordici giorni di peregrinazione folle, oltre a straricchi sentieri spesso estrapolati dal Camin de Cavals (sentiero che corre tutto attorno all'isola) cercando lembi di spiaggetta paradisiaca calpestabile, abbiamo spulciato anche l'inesplorato, rimanendo spesso di sasso, prima dinanzi alla natura selvaggia e incontaminata, poi disarmati constatando che il posto spiaggia - se non ti muovi all'alba - rimane chimerico intento.

Antico mercato riconvertito a "tapaseria" da assoluto sballo

Ma noi siamo capoccioni e, colti da sindrome di girandolismo, siamo riusciti a scovare cale innominate e non segnalate persino sulle cartine più minuziose, individuate solo, come succede in questi casi, a rade macchine parcheggiate a fare da esca su cigli di strade improbabili, in prossimità di accenni di tracciolini a confondersi nella macchia mediterranea più fitta.

Es Mercadal: cuore di Minorca

Ma Minorca affascina anche per l'offerta variegata: dai paesini sperduti  col mix di architettura che coniuga soluzioni all'inglese, volute spagnoleggianti e arabeschi orientali, alle sue passeggiate serali di vispi lungomare costellati di ristorantini e vele ormeggiate, oppure per gli innumerevoli siti archeologici ancora intatti testimoni di civiltà perdute, per le cibarie intriganti, per il relax contagioso che somatizziamo con missioni suicide sul Camin de Cavals al quale accennavo sopra: 184 km di percorso ad anello che peripla l'intero circolo costiero, anche se a mio personale giudizio, tutto questo giro non fa un'isola, ma un viaggio vero e proprio.

Per quanto affrontabile  e intrigante non rappresenta la mia ideale idea di isola  ;)

Siti archeologici dal fascino inquietante


Una sentieristica capillare e ottimamente segnalata

Le vele ti riportano in epoche remote


C'è stato solo un momento, a Minorca, nel quale mi sono sentito felicemente "isolato". Sul monte Toro, coi suoi pur non eccessivi 356 metri di altitudine svettanti quasi al centro dell'isola,  che ti permettono di delineare con lo sguardo tutti i contorni della costa in una suggestiva panoramica a 360 gradi e farti abbracciare dall'intero Mediterraneo.
La sera a passeggio tra localini e negozietti
Ogni affaccio una sorpresa
Immancabili mulini...
Per il resto obbligatorio almeno un cenno alla deliziosa capitale, Mahon (che dona il suo nome alla mitica maionese, ivi creata.. immagino che Moz verrà a tributare degno omaggio..ahah..), uno dei più grandi porti naturali del Mediterraneo, orlato di casette bianche e basse che hanno risucchiato stili architettonici di tutte le potenze susseguitesi in cerca di riparo strategico;  alle mirabolanti tapas che  imperversano in ogni dove, alle calette microscopiche che offrono scorci e atmosfere  magiche, alle casette candide di Binibèquer Vell, antico porticciolo di pescatori resuscitato a nuova vita e di un posto in particolare, che da solo merita il soggiorno minorchino:

L'acqua non è il massimo in effetti..  manco è potabile!
Cova d'en Xoroi, un dedalo di grotte e cunicoli affacciati su una falesia a strapiombo sul mare: uno spettacolo di rara bellezza che vale tutto il ticket (il costo di un cinema a 3D) da pagare per l'accesso.



Tipica maniglia minorchina




Le calette ti sbucano così,
dopo un'ora di sentiero verdeggiante sotto il sole a picco. 

33 commenti:

  1. Ricco ed interessante reportage iconografico, corredato - come sempre - da una descrizione con i fiocchi!
    Buona giornata, socio e a presto ^__*

    RispondiElimina
  2. A quanto pare te la vai spassando, Franco caro!
    Complimenti per il servizio fotografico e Buon Otto Marzo a tua moglie ed alle tue lettrici ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. che sia otto marzo tutto l'anno, Giovy cara.. ;) p.s. me l'andavo spassando.. memorie estive per contrastare gli ultimi scampoli di freddo.. brrr.!!

      Elimina
  3. Come scrivi tu riesci a trasformare in bello anche quello che non lo è.
    Quando un giorno le donne festeggeranno la Festa del maschio, allora sì, che sarà vera festa e liberazione.
    Comunque Giovina mi piace e quindi viva la donna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..è ancora oggi Festa del Maschio, Gus, specie quando c'è da capire perché una suora non potrà celebrare messa per secoli ancora.. ;)

      Elimina
    2. La festa della donna è il regalino che fanno i padroni maschi, la festa del maschio è l'esatto contrario.

      Elimina
  4. Ci sono stato ad agosto, 2006. Premesso che non fu una bellissima vacanza per questioni personali, mi sembrò in di quei posti di cui dici "è bello ma non so se ci tornerei"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad agosto neanche pagato.. ;)

      Elimina
    2. Ci sono luoghi che possono diventare meravigliosi od orribili a seconda del fatto che siano deserti o sovraffollati.
      In genere è difficile, nei mesi di picco del turismo, che si salvi qualcosa nei luoghi alluvionati dallo tsunami antropico.

      Elimina
  5. Ottimo reportage. Indubbiamente ti hanno pagato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. per bruciargli tutto il periodo agostano?! Masochisti i ragazzi.. ;)

      Elimina
    2. massì davvero masochisti ;)

      Elimina
  6. Però potrebbe essere la MIA, di isola XD
    Quando non voglio sentirmi isolato... mi sembra ricca e festosa^^

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. ..si, potrei tornarci, ma ben attento al periodo..

      Elimina
  8. non puoi scrivere questi post a marzo che poi mi affaccio, vedo la prenestina e mi viene un attacco di claustrofobia.
    La foto di Es Mercadal è troppo bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ci penso anch'io, in tangenziale.. e mi vengono anche altri attacchi.. sigh!

      Elimina
  9. Ne avete percorso il periplo a piedi!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono previsti appositi tour a tappe per il giro completo ma devi dedicargli una decina di giorni.. noi abbiamo estrapolato svariati inserti qua e là; un'isola l'ideale per un amante del trekking...

      Elimina
  10. Oddio. Sono pronta. Quando si parte?

    RispondiElimina
  11. Di lunedì mattina questo post non aiuta :P

    RispondiElimina
  12. Al di là del periodo di visita il posto sembra invece molto bello, cavolo :) Insomma, consigli partenze intelligenti a giugno? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ci sono concerti di Tiziano in vista puoi prenotare.. ihih..

      Elimina
  13. sono in crisi l'astinenza da iodio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..si lo so.. è durissima... ma lo scopo è somatizzare l'assenza con pillole di memoria...

      Elimina
    2. mi sembra un rimedio omeopatico e salva-vita al tempo stesso!

      Elimina
  14. Evviva le vacanze a settembre! :-D Bel reportage, viene proprio voglia di andare alla scoperta...

    RispondiElimina
  15. non è assolutamente vero tutto quello che scrivete, certo visto con gli occhi di un turista per una settimana vanno bene anche i dintorni di casa vostra ma chi ci vive come me da 4 anni che ho fatto la cattiva scelta di comprare una casa vi dico che minorca è piena di incompetenti ladri non puoi comperare una cosa se non per internet non comperate case a minorca perché poi non riuscite a venderle se vi pentite dell'acquisto negativa l'isola al 1000%

    RispondiElimina

Sottolineature