martedì 9 dicembre 2014

CRISI D'IDENTITA'


Sono solo davanti lo specchio. O meglio sarei dovuto esserlo.
In (presumo) realtà non ci sono solo io, dirimpettaio e riflesso sulla superficie lucida.
Proprio accanto al me rispecchiato, osservo un mio doppio.
E’ un altro me - lo (ri)conosco -, che guarda, anch'egli sorpreso quanto me, la duplice figura, reputando evidentemente estranea e, verosimilmente, in eccesso, la mia/sua doppia immagine echeggiata dalla parete rilucente.


Insomma, se mi specchio vorrei scorgere solo me, front office.
Ora trovo singolare (anche se, alla lettera, plurale) non solo il soggetto riflettente - che non riesco, come se non bastasse, a percepire al mio fianco in qualità di fonte del paradosso visivo - e la sua traslazione figurata, ma anche, e soprattutto, quest’altra avulsa sensazione che mi pone al di fuori del corpo e dell’immagine, bizzarro riverbero con mie apparenti sembianze, lì ad un passo, a creare un esterno, imbarazzante quadrilatero, ed io quinto incomodo ora, aldilà e fuori dei quattro riflessi/riflettenti.


Sono letteralmente oltre corpo ed immagine, specchio e riflesso, sento aliene le mie membra fisiche erette davanti lo specchio, e smisuratamente lontana quell'accozzaglia di tratti disegnati sulla parete d’un acquoso diafano, pronti a minacciarle; ed infine assurdamente incredulo che una mia illusione ottica riesca a riprodursi come entità straniera, indistinta e vaga, ombra nell'ombra, fantasma tra i fantasmi, iconografia pura, quinta dimensione vagante tra riflesso e riverberante, di interstellarsiana memoria
Inorridendo, poi, a tal punto, da far dileguare ogni allucinazione come miraggio distratto, riqualificandomi, infine, pura e singola effigie su di un ormai docilmente consueto cristallo appeso al muro che comunica, finalmente, solo coordinate e riflessi familiari al cervello - quasi impazzito fino ad un attimo prima - allocato nella mia simpatica scatola cranica adibita per l’occasione, seppur micro attimi, a rutilante multiplex denoantri.



E tu che pensavi de cavattela co’ ‘n’angiografia?!?.... alla Nasa me faccio porta'...


61 commenti:

  1. Mai specchiarsi durante un'acuta crisi d'identità come la tua! Anche Freud lo direbbe. :-)
    Io mi specchio pochissimo, nonostante io sia donna e la natura voglia che io faccia il contrario.
    Però io mi specchio pochissimo. Questo perché da piccola, per dar proprio di essere una bimba coraggiosa agli occhi dei miei cuginetti, guardavo con loro i film di paura che all'epoca erano pregni di braccia insanguinate, teste orripilanti e fantasmi affamati che uscivano dallo specchio.
    Dovevo fare una scelta: o smettere di guardare film di paura o smettere di specchiarmi. Ho fatto una scelta. :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio un horror singolo che una specchiata doppia, dici? Ci devo riflettere...

      Elimina
  2. Anch'io vedo il mio doppio. Entrambe diciamo al riflesso che è lo specchio che allarga :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel senso che potrei avere due Wannabe al peso di una?!? ;)

      Elimina
    2. No, una al peso di due :)

      Elimina
  3. Ridimmelo con parole tue... :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano che risulti ostico un post così specchiato... comunque le parole erano tutte mie, raddoppiate per deforma-zione raccontistica, ma mie..

      Elimina
    2. Per carità, non intendevo accusarti di averle copiate altrove: intendevo dire che di solito (sempre!) sei molto più leggero, arguto, originale, piacevole a leggersi, e che quindi questo post che a me (parere personalissimo) è parso un po' pesante e involuto (quasi da intellettuale ufficiale... :D) sembrava in fondo il vero responsabile (o quanto meno il sintomo) di questa "crisi d'identità"... :)
      Ma mi rendo conto che a volte scrivendo commenti spiritosi e lapidari è difficile capirsi: quell'auspicio di "parole tue" scimmiottava quello delle vecchie maestre al cospetto dello scolaro che s'ingarbuglia proprio perché ha studiato troppo...
      Un abbraccio!

      Elimina
    3. effettivamente non è che sia chiarissimo, come diceva Zio Scriba, dillo come mangi ecco...io ho fatto una mia personale interpretazione...sei preoccupato della tua salute, non ti fidi dei mezzi e dei nostri sanitari e dunque vuoi controlli così specialistici quasi come se dovessi fare l' astronauta, ehm...ti è piaciuta? a mia giustifica ho un po' di febbre :)

      Elimina
    4. Figurati Zio.. voleva solo essere una contro-battuta.. per quanto riguarda il garbuglio volevo proprio ri-crearlo così come si era presentato all'occhio fantasioso; mi spiace si sia rivelato appesantito.. la tendenza è ad alleggerire sempre (anche se il peso poi, contraddice le volontà..) e il gioco di immagini moltiplicate mi sembrava adatto.. ma vedo che non sei stato il solo a preoccuparsi.. evidentemente i miei incubi mi hanno preso la mano...

      Elimina
  4. io mi vedo anche triplo talvolta

    RispondiElimina
  5. Decisamente è una crisi di identità,meglio nascondere gli specchi :-)...poi passa.È già una fortuna vedersi riflesso c'è chi non si vede proprio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La moltiplicazione spesso confonde.. dovrei specchiarmi a luci spente ma poi subentrano strani incubi... :(

      Elimina
  6. Io non mi guardo. Risolvo un sacco di problemi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco perché te vengono i selfie stortignaccoli... dattela un'occhiata!! ;))

      Elimina
  7. Non prendertela, a tutti prima o poi capita di dover fare i conti con la demenza senile...
    Abbraccio ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il mio specchio è giovanissimo!!! ;)

      Elimina
  8. Franco confessa: peperoni ieri sera?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ps: ti consiglio un bel velo. Contessa Di Castiglione docet!

      Elimina
    2. Si, ma peperoni che non si sono riproposti da giù in su, come normalmente usano, ma da destra a sinistra, come allo specchio: inorepep. E' grave?
      Dici che se li velo di maionese rendono meglio?

      Elimina
    3. Meglio patate a tocchetti e salsiccia ;))))

      Elimina
  9. Quando lo specchio diventa un incubo.
    Lasciamo stare va...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo a quante fonti di incubo dentro casa.. devo fa' un post sulla bilancia.. ahah..

      Elimina
  10. Io evito di specchiarmi, perché spesso non conosco quello che mi appare davanti. Non siamo molto amici, si convive per forza di cose... ci incontriamo raramente.

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu fermati all'amico che vuoi vedere. Gli altri due ignorali. Se sono di più confonditi. Il problema è se ti perdi... ;)

      Elimina
  11. Gli specchi, dicono, possono essere pericolosi :)
    Possono risucchiarti... e ne esce il tuo doppelganger. Nel tuo caso, è il Franco che sta ancora a Cipro.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio doppelganger sta girando un blogpanettone, lasciamelo sta' concentrato.. il mio amichetto a Cipro invece si specchia nelle acque turchine e fa il nababbo con una ventina di bonifici giunti a destinazione. Io invece mi specchio nel blog, e cerco di rendere una distorsione minima, quando mi riconoscerò perfettamente la missione sarà compiuta. Per ora sfuggo a un sacco di riflessioni...

      Elimina
    2. Ahaha, e se l'unica vera riflessione è quella che distorce il tempo?

      Moz-

      Elimina
    3. ..che è poi quella che cavalchi tu... ;)

      Elimina
  12. Ti assicuro che tutte queste immagini riflesse frastornano, fanno perdere il senso dell'orientamento.
    Domani sera ci sarai tu in chat, oppure un tuo alter ego?!?
    Buona serata, dotto e scherzoso amico ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani vedrai me o quello che riuscirò a trasmettere in quel wormhole del mio skype.. ;)

      Elimina
  13. Lo specchio guarda i tuoi occhi e si fa una pennichella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che lo specchio pennichi comunque, anche se gli strilliamo contro, credendo di urlarci addosso.

      Elimina
  14. Mah.
    Secondo me hai sognato Pessoa che ti diceva qualcosa. Poi è intervenuto Magritte e ci ha aggiunto sfumature.
    : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti fermi al "sognato", sei già sulla buona strada... ;)

      Elimina
    2. Vero..
      Oltre il sogno diventa periicoloso : )

      Elimina
  15. Io non c'ho capito granchè, ammetto ^^ Comunque di specchi a casa ce n'ho pure troppi, giusto ieri se ne è aggiunto uno... fra un pò faccio la casa degli specchi, come al Luna Park, e alzo due soldarelli, co' sta crisi... non è sbagliato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mortiplicali allora 'sti specchi.. che quanno ariva Paola, deve da riflette...

      Elimina
  16. Tutti contro gli specchi? Ma perché? In fondo quella riflessa è solo la realtà, non vale la pena scapparne.
    Ammetto che il post è abbastanza criptico, ma io amo questo modo che lascia libera interpretazione al lettore ed all'autore rimane sempre uno spiraglio segreto ^.^
    E ad ogni modo, io ho scoperto una grande vanità (ma da anni, ahah) quindi lo specchio è mio amico ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti contro gli specchi chi? Chi crede che riflettano da destra a sinistra, o da sinistra a destra, o la facciata inversa? O che riflettano solo per scarsa precipitazione? Ecco spiegato il mio doppio riflesso... e comunque sempre in pochi hanno tenuto conto dell'imminente angiografia.. eheh.. come state a specchi a Cirò? ;)

      Elimina
    2. Quindi te la sfiuffi di quella? XD
      A Ciró non so come stanno a specchi, ma fanno il vino buono, a saluti xD

      Elimina
    3. Sfiuffi?! Si legge allo specchio?

      Elimina
    4. Scherzi? È internazionale, sfiuffi!
      Significa che ne hai paura. Un po' di cultura, cavolo xD

      Ovviamente scherzo ^.^

      Elimina
    5. Ma certo, un po' me la sfiuffo, ma un po' la giancuisco anche... ;)

      Elimina
  17. Per non sbagliare di specchi ne ho appena rotto uno (oltre a una tazzina, un bicchiere da acqua e uno da liquore...perché io, rompo!)
    Dei sette anni di sfiga non mi curo, era uno specchio che ingrandiva 10 volte...70anni?!?non mi danno un mutuo per molto meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CirINCIAMPASTI praticamente!! ;)) Marchio di fabbrica allora... dovresti preoccuparti se non ti si rompe più nulla.. eheh..

      Elimina
    2. Effettivamente tendo a ripetermi. E ciò mi assicurerà :-)

      Elimina
  18. Franco dopo aver letto questo tuo post , prometto di specchiarmi il meno possibile!
    Un abbraccio serale ..si, senza pioggia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti specchi già nel blog, e rimandi una bellissima immagine... e speriamo che il tempo tenga...

      Elimina
    2. Sei estremamente gentile , mio caro Franco, un grande bel complimento ...grazie..
      Purtroppo un bacio piovoso!

      Elimina
  19. Risposte
    1. Se d'incanto non ci fosse più la possibilità di specchiarsi. La vanità sarebbe la prima a suicidarsi. Il secondo l'amministratore delegato de L'Oréal.. ahah

      Elimina
  20. Preferisci vederti come una figura di Modigliani?
    Naaaaaa...
    Accettiamo quello che siamo e viviamo i nostri malanni con serenità, senza mai smettere di lottare per migliorarsi e migliorare.
    Simpaticissimo post, grande Franco!
    Serena giornata, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..se allungo il collo (oltre lo specchio) varco il buco nero della mia percezione e potrei veder riflesso alla rovescia tutto il mondo (tipo il Comune di Roma che ripara le buche, snellisce il traffico e restituisce soldi rubati agli utenti..)

      Elimina
  21. certe mattine mi spavento... ora provo a non accendere la luce

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti. Pensa che da me ogni tanto è lo specchio che farebbe un salto dallo spavento. Poi si pente dell'ardire però, e va a convessarsi.

      Elimina
  22. Franco... t'avevo lasciato più normale l'ultima volta, giuro!!

    ;D

    RispondiElimina
  23. La visione allo specchio che non sia più un semplice 'controllare se sia tutto a posto', ma che diventa curiosità vera e sentita di vedere se stessi provoca questo tipo di traslazioni, ci si allontana da se stessi e da ciò che è riflesso mettendo in dubbio che chi è riflesso sia veramente il proprio io. A me è capitato pure ed è una sensazione stranissima.
    Passo di qui tramite il Moz! Auguri!

    RispondiElimina

Sottolineature