lunedì 29 settembre 2014

a LUCY spente


Besson s'invola sulle ali dell'action fantasy con mezz'ora di film di gran classe e sicuro acchiappo. 
In contemporanea ad una conferenza 
- dove l'eterno Morgan Freeman ci espone la teoria (reale) della storia dell'uomo, illustrando come il nostro cervello sia utilizzato di media al 10 % con punte massime del 20,  esponendo le eventuali e fantastiche facoltà potenziali di quell'ottanta percento inesplorato -
assistiamo all'odissea di una povera crista costretta a improvvisarsi corriere della droga, in questo caso una potentissima combinazione sintetica, sistemata nel pancino della stralunata e spaventatissima Scarlett Johansson.
L'accidentale rottura del “prezioso” plico all'interno della nostra predestinata provoca una serie di reazioni psico/fisiche che incrementeranno le potenzialità cerebrali di Scarlett dal suo anonimo cinque/sei per cento fino a vette che vedremo svilupparsi in un crescendo pirotecnico ad alto tasso di effetti speciali (e non).

E qua evolvono anche i problemi.

Finché Luc produce cinema col suo cervello al dieci/dodici per cento, le suona di santa ragione a tutti, ed infatti assistiamo a un incipit coi fiocchi che avvinghia alla poltrona, thriller ben congegnato, inserzioni evoluzionistiche alla Resnais, metafore, parallelismi tra predatori umani e animali ad alto impatto scenografico, inserzioni e citazioni ben calibrate, dialoghi serrati, giuste facce e tensioni tangibili, oltre a rimandi tarantiniani di pregevole fattura.
Poi c'è il salto della protagonista (piccole nikite crescono) oltre il fatidico 20 per cento delle massime attitudini intellettuali umane, e i suoi killbilleggi ammantati di poteri ultracervellotici che le permettono di manipolare uomini e oggetti diventano, con l'aumento di percentuale raggiunta, quasi patetici, visto l'utilizzo elementare, scombiccherato e sciocchino che ne fa (“fermami quelli la fuori” chiede al poliziotto trasecolato che l'accompagna - ma fermateli da sola no?! -).



Il problema è che chi pretende di illustrare questa escalation verso il 100 per cento dell'utilizzo del nostro caro cervello, lo macina e lo interpreta (sia chiaro, come anche noi che assistiamo assisi e sbigottiti) con quel suo appena dieci per cento o poco più, avvitandosi attorno a una serie di cialtronerie filmiche e di arzigogoli new age che, di epico, provocano solo imbarazzo.



La stessa Scarlett, efficace e credibile nella sua iniziale e accidentale evolution passa da un espressivo visetto molto in parte (bellissimo il dialogo al telefono con la madre dove le illustra i suoi progressi, l'illuminazione e la potenza che le sta fermentando in testa) ad un faccino stampato delle serie “ho visto la madonna”, che non le si scollerà più fino al the end.

Insomma siamo mille miglia lontano dal mitico Limitless, dove sogni, potenzialità e genio, imperversano alla grande lasciandoci attoniti.
Oddio, pure Besson, a suo modo, ci lascia attoniti.

La sua teoria finale, abbeverata di visionarietà rubacchiate qua e là (Kubrick saccheggiato a ripetizione) è che il Tempo regoli il Tutto.


E infatti ci trasmette tangibile rammarico per queste belle due orette perse...



31 commenti:

  1. Ieri potevo scegliere tra "Lucy" e "La buca".
    Ho scelto quest'ultimo ma non mi ha convinto.
    Tutto sommato, però, dopo averti letto, ho fatto la scelta migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La buca ce l'ho in agenda anch'io.. ma è ancora periodo di magra al cinema (come se altrove, invece.. )

      Elimina
  2. non ho visto il film ma il titolo del post è grandioso...azzardo un'ipotesi...ma non è che possa essere gradito solo da spettatori che ci sprechino solo il 10 % del cervello?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. tutto sommato è una visione che puoi supportare anche in totale assenza del secondo organo preferito da Woody Allen...

      Elimina
  3. Sembra fantascienza ma viene affrontato un problema reale. E' vero non sviluppiamo adeguatamente le potenzialità del nostro cervello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e potremmo anche avere un sacco di brutte sorprese a svilupparlo.. soprattutto delusioni... ;)

      Elimina
  4. a me non è spiaciuto...
    ma non mi ha fatta impazzire...
    è un film di sfumature e di incertezza, con una frase finale che mi è rimasta attaccata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pure volevo attacca' Besson da qualche parte... ;))

      Elimina
  5. > Il problema è che chi pretende di illustrare questa progressione (escalation) verso il 100 per cento dell'utilizzo del nostro caro cervello, lo macina e lo interpreta (sia chiaro, come anche noi che assistiamo assisi e sbigottiti) con quel suo appena dieci per cento o poco più

    Eheheh
    :)
    Se gli homo usano la loro crapa al 10% e fanno i disastri che fanno, a parrtire dall'ecocidio globale in realizzazione, se la usassero al 90% o al 100% cosa succederebbe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai su.. esponenzialmente potremmo migliorare anche nella sfera del Bene.. o no? :(

      Elimina
  6. Ma infatti, dal trailer mi sembrava la Nikita del 2014!!

    Moz-

    RispondiElimina
  7. Sono molto dubbiosa sul fatto di guardarlo. Il trailer non mi ha colpita ma l'argomento, tutto sommato, mi interessa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero abbia visto Limitless allora, con Bradley Cooper e Rober De Niro... un altro pianeta...

      Elimina
  8. Ho letto recensioni contrastanti. Ora sì che sono indecisa se andarlo o no a vedere... :)

    RispondiElimina
  9. Non credo di vederlo, Paola guarda solo splatter/horror :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..be'.. un po' di orrore (per il cinema) lo provoca pure questo... hihi

      Elimina
    2. No, infatti non mi pare proprio un granché. Anche se il libro non si giudica dalla copertina, ma no, non lo andremo a vedere xD

      Elimina
  10. Tutto ciò che ha sentore di fantascienza è miele per me.... ne fanno talment epoca che va bene tutto (la dieta fa sempre questi effetti)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo a Mareva, sparati Limitless (se non già fatto.. ) o visto che per te è miele, consiglio District 9, un fantascientifico.. da fantascienza!!.. eheh

      Elimina
  11. Adesso la Scarlett... ma non ha sempre la stessa espressione a prescindere?

    RispondiElimina
  12. ..ma guarda.. la prima mezz'ora mi ha piacevolmente stupito in espressività e spontaneità.. poi s'è imbalsamata... ;)

    RispondiElimina
  13. Ciao Franco,
    lasciati ringraziare per la cortese visita all'Angolo;
    saremo sempre lieti se continuerai a onorarci della tua
    attenzione e, all'occorrenza, t'inviteremo a darci una mano.
    Complimenti per il tuo interessante blog e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi.. mi intrigano sempre queste iniziative comunitarie..

      Elimina
  14. Ho capito! Eviterò di andarlo a vedere...Abbraccio

    RispondiElimina
  15. Ciao Franco grazie per aver visitato il mio blog...mi fa piacere che hai una moglie catanese, motivo in piu' per seguire i tuoi post :)
    Un caro saluto
    Francesca
    P.S. Bedda Catania!!!

    RispondiElimina
  16. Tanti auguri di buon onomastico!
    Dani

    RispondiElimina

Sottolineature