domenica 29 dicembre 2013

LA GRANDE BELLEZZA (2013) (candidato agli Oscar 2014...)

Ora che il film  rischia di beccare pure qualche premio significativo (è da pochissimo rientrato nella shortlist dei candidati agli Oscar 2014), non nascondo certo la testa sotto la sabbia, 
e  rivendico, su libero blog ed a mio liberissimo avviso, 
l'assoluta inadeguatezza della pellicola in questione a rappresentare il cinema Italiano.

Ed in secondo luogo anche, genericamente, a rappresentare alcunché.
.



"Viaggiare, è proprio utile, fa lavorare

 l'immaginazione. Tutto il resto è delusione e

 fatica. Il viaggio che ci è dato è

 interamente immaginario.” (Céline)


“Sono venuto a Roma per cercare la grande


 bellezza, ma non l'ho mai trovata”

cosi

 confessa sconsolato Jep Gambardella a fine



 pellicola, e ci trova ampiamente solidali 

perché anche a noi (ma quanti eravamo?), al

 cinema per vedere La grande bellezza, ci


 dev'essere sfuggito qualcosa, anzi, 

quasi tutto. 


Fuffa e vibrazioni s'intersecano per tutta la

 visione, anche se le vibrazioni sono poche e

 tutte a favore di qualche taglio fotografico

 bigazziano che predilige il barocco romano

 (da infarto! direbbe qualche giapponese...)

 fotografabile spesso pure ad occhi chiusi

 tanto è il materiale che abbonda, come tanti

 i richiami cinematografici sopratutto di

 felliniana memoria




.
Per il resto facciamo fatica: a trovare


 qualcosa di nuovo, di rivelato, di fresco, di

 illuminante.


Ma siamo romani noi. Passiamo un giorno sì ed

 un giorno no sotto il Colosseo. E le terrazze

 della borghesia decadente e maciullata sono

 ben salde sopra le nostre testoline, le feste

 sfarzose continuano, i salotti brulicano, le

 fuoriserie rombano, le movide impazzano, i

 buttafuori davanti alle discoteche

 controllano credenziali, il botulino dilaga,

 la chiesa vacilla nonostante Bergoglio (non

 ho visto troppi politici però, chissà, timore

 reverenziale o magari qualcos'altro...)





Noi romani, di Grande Bellezza,


 c'abbiamo la metro in sciopero, la monnezza

 che tracima, e tre ore di fila al giorno sul

 raccordo anulare. 

Se passeggiamo all'alba sul

 lungotevere minimo ci scippano. 

In piena  notte a

 Piazza Navona invece, meglio che non ve lo

 dico...



 
E' tutto sedimentato sotto il chiacchiericcio


 e il rumore, il silenzio, il sentimento,

 l'emozione e la paura, gli sparuti

 incostanti sprazzi di bellezza e poi lo

 squallore disgraziato e l'uomo miserabile".


 
Un solo interrogativo:


 cosa sappiamo di più all'uscita del film? Di

 cosa abbiamo preso coscienza? Forse che certo

 clero viaggia a champagne? O che certe opere

 d'arte glorificate al Maxxi le può buttare

 giù nostra nipote all'asilo? O che il vestito

 per il funerale si compra all'atelier (a

 proposito, squallidissimo per elementarità e

 piaggeria fasulla l'episodio del funerale)?

 Lo “squallore disgraziato e l'uomo

 miserabile” hanno nome e cognome?

 
Leggo che si è dovuto documentare frequentando


 festicciole di classe nella Roma bene, il

 buon Sorrentino, ed ha scoperto che si sniffa

 coca in cucina, si fanno i trenini sul


terrazzo ed il dj detta i tempi per i balli di

 gruppo... sarà rimasto sconvolto... e ci ha

 voluto rendere partecipi, noi che adesso,

 passando davanti S.Agnese a Piazza Navona

 potremo rimembrare, emozionati, Isabella

 Ferrari




...
Come dirà a Jep il faccendiere latitante


 vicino di casa arrestato: “Siamo noi che

 mandiamo avanti il paese” (ma un po' pure le

 banche e le birre, continuamente nel mirino

 di Bigazzi...)

 
E non ci bastava il telegiornale delle 20 e


 l'approfondimento della Gruber (ecco una mica

 male per certe soirèe)?

 
 
Servillo, feticcio ormai sorrentiniano, dandy


 dal napoletano strascicato, mi ha ricordato

 troppo spesso il Dudù montesaniano, uno che

 se la sguazza da una quarantina d'anni nella

 nullafacenza per poi scoprire che sarebbe


tempo di mettere la testa a posto

... noi umani, una volta, c'andavamo in

 pensione con quel lasso di tempo





... sorvolerei sui didascalici, quando non

 macchiettistici, Verdone, Ferilli e compagnia

 bella.. pure la santa coi piedi penzoloni, le

 cicogne digitali e la camera al cinque stelle

 lascia il tempo miserabile che trova ed in

 mezzo alla

 “povertà che va vissuta” (rivolgersi alla

 Trinca) 

si chiede ancora come mai Jep non 

ha più scritto un libro

...
ci becchiamo pure un paio di “romanità” alla


 Tomas Milian colte per strada per acuire il

 senso di distanza, per il resto noblesse

 oblige: falsi, ipocriti, ladri e cinicamente

 inattaccabili, ma Roma rimane Via Veneto.



 
Come disse pure Woody Allen: a Cannes mica ce


 posso portà Tor Bella Monaca...


Alla fine si chiacchiera e richiacchiera sempre di fuffe impalpabili, quelle stesse che - in un'istantanea esatta - Sorrentino brucia egregiamente alla capocciatrice di acquedotti. 

Noi negativi abbiamo messo in luce brutture precise e certificate, come - eclatante per cattivo cinema - la pantomima sul funerale, dove si predica una cosa e se ne razzola tutt'altra, e stiamo parlando di oggettività, non di soggettività estetica. 

A meno che non si voglia negare l'evidenza in nome del partito preso.


 
... e noi romani ciechi ed abbrutiti, che il


 sabato andiamo al cinema o poi una pizza

 (mica radici...) tutti insieme, e che dal

 lunedi al venerdi sgobbiamo e che il Colosseo

 continuiamo a vederlo solo dal basso,

 finalmente, la gigantesca scritta di un

 alcoolico superfamoso che incombe

 rassicurante e remunerativa, grazie a

 Sorrentino, ora l'abbiamo scorta pure noi... 

 


(Rimarrò comunque con un dilemma insolubile che solo un attento osservatore, e magari estimatore, della pellicola, potrà risolvere: com'è che sparisce la giraffa?)


16 commenti:

  1. Visto, bellissime le immagini di Roma...stupende, ci ho lasciato gli occhi!
    bravo il protagonista, piaciuta molto la Ferilli.....serate mondane da suicidio
    La tragedia, per dire, è che lui la grande bellezza non l' ha mai trovata...ma la cercava di notte? mi chiedo... che dici tu? :-)
    POI per il tuo commento da me ti rispondo anche qui:
    Lampur sono sei giorni che non sto bene! Troppo stess, non riesco più a seguire le mie amicizie più care e inviti da persone splendide, come Mauro, Luisa, Maria, Lucia, che ho detto no troppe volte, soprattutto amici d' infanzia che mi conoscono da una vita e sanno che persona sono. Mi chiedi come ho vissuto il Natale? Dalla mia adorata mamy, ho preparato il pranzo per loro e all' una sono crollata..distrutta.. io non avevo fame, l'inr è sceso molto, quindi eparina subito. tutti qui, un disastro.
    Il bene di Cristo lo conosco, mi ha salvato la vita più volte quando ero in rianimazione, molto poco è quello dei cristiani, soprattutto i praticanti, come avrai notato. incomprensioni? questi manco le vedono, non accetto ,però, che persone piene di odio gratuito, insegnano il cristianesimo ai bambini, no! ti pare che io abbia mai cercato la dagioia?
    Beh, dopo tanti, tantissimi problemi, tra l'altro dimostrati in questo mio blog-testimonianza, sarei anche in pace con me stessa, se il RESTO del mondo mi lasciasse tranquilla.
    Ti pare? LEI è impazzita di rabbia (come i cani) quando gus ha apprezzato i miei commenti TI SEI ACCORTO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non leggo risposte. Sei nel clan anche tu? Certo che si...

      Elimina
    2. Non leggo risposte. Sei nel clan anche tu? Certo che si...

      Elimina
    3. Il film non mi è piaciuto affatto. Il post lasciava spazio a qualche apertura? ;-)

      Elimina
    4. Riservato al clan? Forse? Dove stava scritto??? ;-)
      Anche la faccia di culo Angelo si è venuto...ti sei accorto?

      Elimina
    5. Riservato al clan? Forse? Dove stava scritto??? ;-)
      Anche la faccia di culo Angelo si è venuto...ti sei accorto?

      Elimina
  2. Non l'ho visto, sinceramente... recupero e ti farò sapere della giraffa :)

    Moz-

    RispondiElimina
  3. vabbè, io sono il fratello figlio unico e sto film l'ho bollato come ciofeca senza prima/ prima vederlooo.
    che se uno ha lavorato in costa smeralda un certo triste mondo lo ha visto, e francamente non ha nessuna voglia di andare al cinema a farselo raccontare in comoda confezione intellettuale.
    un film così lo guarderei solo con la regia di Romero, o di Elio Petri.

    RispondiElimina
  4. Con Romero regista lo sapevo che fine aveva fatto la giraffa... ;-)

    RispondiElimina
  5. Le giraffe? Molte fanno una brutta fine. Ma lo vogliono loro.
    Ops, angelo e ' venduto non venuto, dove vuoi che vada poretto.

    RispondiElimina
  6. sono talmente daccordo che il film proprio non l'ho visto. a scopo preventivo.

    RispondiElimina
  7. http://anitali50.blogspot.it/2013/12/lo-ripropongo-fatevi-una-sana-risata.html#comment-form
    ANCHE QUESTO E' UN BEL FILM. I COMMENTI SOPRATTUTTO. PUOI ANCHE COMMENTARE, conosco le "cerchie" E NON TI PAGO! :-) si ride...dal piangere. :(

    RispondiElimina
  8. Io a Roma ci sono venuto l'anno scorso, l'ho girata in lungo e in largo per quattro giorni, e la Bellezza l'ho vista eccome, respirata in ogni vicolo... e questo filmucolo non ho nessuna intenzione di sorbirmelo... l'Arte italica sta morendo, grazie a editori e produttori!

    RispondiElimina
  9. Ha vinto l'Oscar!!! Arghhhhh!!!!

    RispondiElimina
  10. Ecco, ora che l'ho visto ti dico:
    film bellissimo.
    Dell'Oscar me ne fotto, ma i premi li ha meritati, per me :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. si vede che vivi in provincia.. eh eh.. beato te che La Grande Monnezza la vedi solo in tivvù.. ;))

      Elimina

Sottolineature