mercoledì 17 maggio 2017

ACCUMULATORE SERIALE


Si, sono un ammucchiatore compulsivo. 
In teoria. 
In pratica non è che faccia troppi danni perché non accumulo navi da crociera, oppure autovetture o mobili antichi, e neanche ombrelloni da mare o macchine da cucire, ma roba molto meno ingombrante, tipo biglietti di teatri e cinema, fotografie, libri, vhs, cd, magliette e sciarpe, penne e matite, ricevute di hotel, business card di ristoranti, piantine di città visitate, biglietti della metro di mezzo mondo, lettere ricevute, copie di lettere inviate, articoli di giornali ritagliati...
insomma..
che differenza passa tra un fine collezionista ricercato e un accumulatore incasinante seriale compulsivo?


Ve lo dico io:


lo 

 spazio

 a 

 disposizione.




Ad esempio io consumo le pareti di quadri, foto, quadretti, impicci, tele pastrocchiate, disegni, manifesti, cornici vuote.

Ogni cosa alla quale possa essere apposto sul retro un chiodo e, tramite quello, appesa al muro, mi attizza oltre un lecito e comune buon senso.

Poi mi chiedo se questo accumulare, all'esterno, rifletta un gemello accumulare interiore, nello stesso scompiglio ma, anche, con la stessa, intensa, voglia di tenere tutto, seppur disordinatamente, a portata di mano, d'occhio, di respiro, di fruscio.


Ora mi chiedo: lo spazio dentro è sempre un po' di più di quello fuori?

O quando ti operano, ad esempio, perdi fascicoli? Quando vomiti ti si disintegrano i rimpianti? Quando sudi cacci via i desideri assieme alle tossine?


Quando lanci un'occhiata scappa. di straforo, anche un ricordo che una volta avresti custodito geloso, come un quadro in camera? 


47 commenti:

  1. Io ho il disturbo opposto, cioè il bisogno compulsivo di liberarmi di tutto quello che mi circonda. Per esempio, prima di risponderti sulla mia scrivania c'era un fogliettino con un numero telefonico. Lì sulla mia destra. Mi impediva di scrivere e subito sono andato in cucina a buttarlo nella spazzatura. Il rapporto interiore è la necessità di portare allo scoperto qualsiasi stato d'animo. Ieri è venuto l'idraulico ad accomodare la doccia e gli ho raccontato che mi avevano rubato la fede nuziale, la mia e quella di Bruna procurandomi un dolore immenso. Stranamente il signore che conosco da più di un anno mi ha detto che lui ha 4 figli avuti da quattro donne diverse e non ha nemmeno una fede nuziale.
    L'ho invitato a restare a cena con me (brodetto di pesce). Prima di andarsene mi ha detto: "Una volta ero buono come te, poi dopo che una donna mi ha lasciato sono diventato cattivo".
    Concludendo, caro Franco, i nostri sono disturbi mentali. Non ci resta che andare dallo psicologo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo psicologo non mi avrà mai. Se vuole, viene lui da me e lo aiuto a cambiare mestiere. ;)

      Elimina
    2. Anch'io sono come Gus
      Detesto vedere cose im giro e tenere cose che non mi sono utili :)

      Elimina
  2. Sulle tue pareti di casa confermo l'accumulo ^^ Però a me piace, Paola invece è più rompiscatola e mi dice sempre che a casa nostra vorrò solo pareti bianche con il rilievo, dello stesso colore leggermente più scuro, di Tizianello... che amarezza ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahhaha, povero Maurizio :D

      A me in realtà non piacciono molto i muri bianchi...ma fortunatamente a casa mia non c'è questo problema.

      Elimina
    2. Meno male che ho letto questo commento perché sennò passerebbero solo bugie sul mio conto.
      A parte il fatto che si, Franco, devo dirti che una volta entrata a casa tua ed a quella di Mizio ho sentito il desiderio irrefrenabile di togliere tutte quelle cose sulle pareti xD Cioè, penso che lui mi abbia dovuto tenere ferme le mani più volte perché era un gesto quasi automatico xD
      Ed ogni volta che sono a casa sua passeggio un pochino e dico sempre la stessa cosa "uhm...però io li toglierei due quadri dalle pareti" xD

      Comunque non è vero che voglio i muri bianchi. A parte che a casa mia, intendo quella dei miei genitori, i muri sono MANCO A FARLO DI PROPOSITO di giallo e rosso!! Ma comunque io farei una cosa sobria nella mia futura abitazione.
      Tipo su ogni parete la mia gigantografia xD

      Io accumulo CD di Tiziano, agendine, bigliettini e bei ricordi (e rancori, odio e gelosia ahahahahah)

      Elimina
    3. ahahah, le mani più veloci del west, ti giri e ti ritrovi la parete bianca

      Elimina
    4. Credo che già l'accumulo di Tiziani Ferri possa giustificare terapie accurate... ;)

      Elimina
  3. Se si tratta di ricordi li tengo. Biglietti di viaggio, teatro, cinema, o libri o altro ancora. Non ho la casa invasa ma potrebbe sicuramente essere più vuota :-))) I ricordi sono importanti, ed avere anche qualcosa di visivo che te li rinfresca è stupendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..è come avere uno scrigno magico.. lo apri e un mondo passato ti assale...

      Elimina
  4. Anche io sono un accumulatore compulsivo...di Topolino ad esempio. Ma in effetti si parla più di collezioni. L'effetto però è lo stesso: librerie piene e stracolme. Così anche per il Guerin Sportivo, che ora è ridotto a un mensile. A portata di mano ho tutti i fascicoli rilegati del Film del Campionato del Guern Sportivo, finché è esistito. Il resto è finito negli scatoloni in soffitta o cantina, come i giocattoli che non ho ritirato fuori per il nipote.

    Alla fine però ogni tanto non mi dispiace fare spazio e buttare via qualcosa. Se devo farlo, lo faccio.

    Per il resto, i vari biglietti scontrini, ecc. in effetti secondo me è riconducibile alla volontà di non separarsi dai ricordi interiori ad essi legati.

    Io faccio una via di mezzo: nei quadernoni ad anelli, sopravvissuti a scuola e università,tendo a raccogliere articoli di giornale, foto, biglietti ecc. in modo tale da conservare questi ricordi..e non buttarli via, senza però fare disordine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..io riesco a gettare via qualcosa solo quando trasloco.. e non trasloco di rado... ;)

      Elimina
  5. Il riflesso esterno può essere lo specchio dell'interno ma anche un opposto secondo me e solo tu sai cosa può essere.
    Io non amo il caos sia fuori che dentro, al massimo accumulo ma poi sento il bisogno di liberarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pier ha colto il lato malinconico e interrogativo.. forse il caos fuori serve a giustificare quello dentro...

      Elimina
  6. Ti circondi di tanti ricordi, io invece vado a periodi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..è più forte di me.. e poi faccio fatica ad archiviare con criterio..

      Elimina
  7. Sentir parlare di accumulo mi ha generato ansia. Alla fine penso che ognuno di noi abbia le sue manie. Tu accumuli, io mi sento felice quando riesco a buttare un po' di roba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ci sono i momenti di "pulizia generale".. ma corrispondono ad un altro me che si introduce abusivamente a castigare le mie tendenze...

      Elimina
  8. Tze' mi fai un baffo Franco!...
    Accumulatrice seriale come me non so...
    Bri, specialmente d'arte con firme e tirature, quadri, oggetti stiva varia cazzi, ehmmm no...mazzi, e tutto quel che mi piace!
    Libri, te ne bastano 10.000 @_@

    RispondiElimina
  9. Cosa accumulo io? film e serie tv in quantità industriali, la mia lista praticamente non finisce più :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..il problema è comunque uno solo: l o s p a z i o

      Elimina
  10. Quando abitavo nella "vecchia" casa anche io accumulavo oggetti, libri ecc ecc...
    Con il trasloco ho scelto il Space Clearing dentro casa e dentro di me e devo dire che funziona. Abbraccio caro amico :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io c'ho lo space sporcking...

      Elimina
    2. Ihihihihi sei forte amico bello! Buona serata :D

      Elimina
  11. Io sono una "buttatrice" compulsiva. Ho pochissimi oggetti e non tengo assolutamente nulla che considero superfluo. I cosiddetti souvenir non mi appartengono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...dimenticavo le mie casette che colleziono vacanza dopo vacanza... però le uso anche per il presepio... ahahah

      Elimina
  12. Allora, qui sfondi una porta aperta, anzi due. La mia e quella di mio marito, due accumulatori seriali di professione. Lui è un collezionista, per cui, dai trenini in scala alle monete, ai cd, ai fumetti di Bonelli... capisci a me... altro che buttare!
    Io sono peggio, ma la mia passione, oltre ai libri, è tipicamente femminile. Tralasciando scarpe e borse sono collezionista di Barbie vintage e di collane.
    E ho dovuto rinunciare a tante altre cose, pensa che collezionavo anche i sacchetti di confetti dei matrimoni. Ma se continuavo così sarei presto andata a dormire sul pianerottolo.
    Però le pareti mi piacciono bianche e pulite. Pochissimi quadri, il minino indispensabile.
    Abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo due accumulatori con le pareti bianche... o tuo marito ci fa correre i trenini? ;)

      Elimina
    2. Nel suo studio fa quel che vuole. Ho dimenticato la parte "Milan". Apre perfino il tavolo su cui fa girare i suoi trenini. Fuori da quella porta decido io��

      Elimina
  13. Io non accumulo, archivio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io.. anche se immagino che il mio concetto di "archiviare" sia leggermente differente dal tuo... ;)

      Elimina
  14. io butto le cose che non servono più. mia mamma conserva tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dice il saggio: se non usi una cosa per tre anni puoi buttarla. Io dopo tre anni, però, non la trovo più.. ;)

      Elimina
  15. Molto bello il parallelismo che hai fatto.
    Io sono uno pseudo accumulatore, non da restarci soffocato ma quasi^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sei un serial accumulator... e pericoloso anche... ma hai più case... e ti avvantaggia...

      Elimina
  16. Il consorte, come te, accumula oggetti inutili e simbolici, tipo gli scontrini che immancabilmente sbiadiscono, o le carte dei cioccolatini, o le bottiglie vuote. Io, ancora come te, accumulo dettagli da ricordare, date su date, com'ero vestita il tale giorno, che tempo faceva. Abbiamo un gran caos, dentro e fuori, ma ancora non siamo saturi, per fortuna! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cose che conserva tuo marito sono segni d'amore verso di te. Dopo il caos si presenta la calma interiore ed è bellissimo.

      Elimina
    2. ..."gli scontrini che sbiadiscono".. mi si è stretto il cuore leggendolo.. ogni tanto apro agende di, tipo, dieci anni fa e trovo scontrini illeggibili, ma dall'anno e dal giorno riapro una finestra spazio temporale che ricolora magicamente quel pezzetto di carta... e voilà.. viva tuo marito!

      Elimina
  17. Se non togli il "vecchio" non fai spazio al "nuovo" ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe sempre lo stesso spazio poi... ci si stringe un po'invece.. ;)

      Elimina
  18. Il cervello funziona come un hard disk, con una funzione speciale. Un qualcosa che non viene evocato si cancella in automatico, come se non fosse mai esistito. La nostra vita in pratica è monca perché priva di accadimenti spariti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ecco perché accumulo... un bigliettino riapre portali altrimenti inesistenti.. il ricordo "materiale" è una periferica esterna salva dati... ;)

      Elimina
  19. Accumulatrice anche io, anche se momentaneamente (tranne i libri) fuori gioco a causa di una minaccia concreta: trasferimento immediato "nella cuccia del cane, insieme alle mie cinfrusagle"(cit. testuale :))) ) se non mi fermo.
    Ho notato che tra "i beni accumulati" figurano molti "beni succedanei altrimenti definiti inutili". Sei anche tu un cultore della necessità, ed utile, dell'initile? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve avere una mega cuccia il tuo cane!.. ahah

      Elimina
  20. la soluzione c'è per liberarsi ..Cambaia casa e fai un trasloco , vedrai di quante cose inutili ti libererai. Caio, Antonio

    RispondiElimina

Sottolineature