giovedì 20 aprile 2017

SE SI VOLESSE...


Parafrasando un celebre paradosso di internet, che riduceva la popolazione virtualmente ad un villaggio di 100 persone così da poter capire in termini molto più crudi, chiari e toccanti le differenze di ceto, religione, razza e modalità di vita sulla terra... io, solito farabutto, ho tratto spunto dalla medesima iperbole per farvi capire meglio come si vive a Roma...  

Raggi fotonici... 

Se si volesse ridurre la popolazione di Roma a 100 persone mantenendo le proporzioni con la reale vita metropolitana otterremmo una composizione simile:

50 lavoratori
50 che girano a vuoto

60 dentro il raccordo
40 sopra.. il raccordo
(e altri 100 che vengono da fuori la mattina
e tornano fuori la sera)



20 che cercano di fregarti
40 che ti fregano
40 fregati

20 politici
20 che cercano lavoro
20 inattivi
20 pensionati
20 malati
20 minorenni
Dite che fa 120?
Avete ragione.. è che inattivi e politici sono, in effetti, doppioni


40 sono della Roma
15 della Juve (ma dicono che sono laziali)
10 del Milan (ma dicono che sono della Juve)
10 dell'Inter (ma dicono che il calcio non gli interessa)
25 della Lazio (ma solo quando vince)

30 stanno su facebook
40 al cellulare
10 con le cuffiette
5 leggono un libro
5 vedono Il segreto
5 Beautiful
5 Amici


30 parcheggiati in doppia fila
30 non riescono a uscire perché qualcuno gli ha parcheggiato davanti
20 cercano di scendere dalla metropolitana
20 cercano di salire sulla metro prima che quelli della riga sopra scendano


30 fanno colazione al bar
40 fanno colazione a casa
30 rifanno colazione al bar dopo averla fatta a casa



30 comprano il giornale
30 non lo leggono
40 leggono il giornale di chi lo compra

30 fanno la raccolta differenziata
30 fanno la raccolta indifferenziata
20 buttano i materiali ingombranti su strade poco frequentate
10 se ne fregano
5 frugano nei cassonetti
5 sono dell'Ama


20 romani non sono mai entrati nel Colosseo
10 non sono mai entrati dentro San Pietro
20 non conoscono l'Appia Antica
20 non hanno mai navigato il Tevere
30 non conoscono i vicini di casa


40 a pranzo mangiano pizza e chattano
30 panino da casa e chattano
20 pasta primo secondo contorno frutta ma non chattano
5 pasto sostitutivo proteinico e chattano
5 chattano e basta

30 in fila alla Posta
20 lavorano al Comune
20 lavorano alla Posta
20 vanno alla Posta mentre lavorano al Comune
10 vanno al Comune mentre lavorano alla Posta






45 commenti:

  1. Roma la fanno i romani.
    Anche i politicanti romani sono espressione di Roma e votati dai romani.

    Direi che le tue osservazioni riportano alla realtà.
    Un sgradevole e ottimo punto di partenza per poter iniziare a tornare nella realtà e capire come migliorarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Roma la fanno i romani".. ed è vero... come anche che chi viene da fuori si trasforma di botto in romano.. indolente e menefreghista.. così come il romano che arriva a Stoccolma (ma che dico.. basta anche Brescia..) non getterebbe per terra neanche un mozzicone. Uno sgradevole punto di partenza per iniziare a farla rispettare questa città, allo sbando quasi totale..

      Elimina
  2. Ci sarebbe da ridere, caro Franco, se non ci fosse da piangere...e te lo dice uno che abita a Roma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Remigio caro.. meglio prenderla a ridere.. e se hai la fortuna di risiedere nella caput mundi.. sai bene in che realtà ci dibattiamo... ;)

      Elimina
  3. STRAORDINARIO, POST DA STANDING OVATION!!!! Sono ancora piegati in due dalle risate!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..sei troppo buono Danie'.. sono un po' cattivo vero.. ma vivendoci (resistendoci direi..) è il peggio che ti salta agli occhi irrimediabilmente.. perché ci fai i conti quotidianamente..

      Elimina
    2. Il tentativo di cambiare il vecchio per il nuovo è fallito, perché è stato scambiato il diverso come nuovo.
      Il tentativo del cambiamento si è sviluppato verso i Valori morali sostituiti da una serie di piaceri scandalosi. Il fratello diventa il nemico da abbattere, la moglie del tuo amico diventa la donna da scopare, la falsa testimonianza è il supporto delle tangenti. Intanto le donne massacrano i feti. Impotente la Chiesa richiama le pecorelle smarrite a frequentare le parrocchie. Il confessore diventa l'analista psicologo e caso per caso assolve subito, oppure suggerisce cambiamenti di facciata.

      Elimina
    3. Mi unisco ai complimenti di Daniele, è lo stesso effetto che ha provocato in me la lettura di questo post. L'ultima strofa, poi, esprime davvero l'essenza di Roma XD, città che non ho mai avuto la fortuna o sfortuna di vedere...

      Elimina
    4. Gus, la tua visione è universale.. non è che solo Roma sia la nuova Sodoma e Gomorra, vero è che che con La grande bellezza ci hanno fatto ulteriori soldi scoprendo l'acqua calda.. sarebbe ora che il mondo cambiasse..
      Riccardo non sei mai stato a Roma?!?.. che dire.. io adoero la provincia.. ma cinquantasette anni di Roma metterebbero a dura prova chiunque.. però.. due o tre giorni puoi passarceli... vedi un paio di cosette.. e te ne torni a casetta tua tutto felice.. tu che puoi.. ahahah

      Elimina
  4. 5 che leggono un libro? Siete sopra la media nazionale e pure di molto... :)
    Forse però sei stato un po' cattivello coi tuoi concittadini: quando ci sono stato mi hanno rubato il cuore, sia la città che gli abitanti.
    (Però, minchia, così tanto gobbetti?) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una città che te lo ruba il cuore... se ci stai tre giorni e poi riparti... già al quarto te lo restituisce tachicardico e fibrilloso.. ;)

      Elimina
    2. davvero, 5 lettori su 100 non è affatto una cattiva media :)

      Elimina
    3. In effetti.. me sa che me so allargato... ;)

      Elimina
  5. Menomale che non vivo a Roma allora! ;)
    p.s. ovviamente sono ironico..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene Pietro... Roma è da visitare... non da vivere.

      Elimina
  6. beh, i romani hanno tantissime responsabilità nei mali di Roma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente.. Roma la fanno così pessima specialmente i romani.. andremo raddrizzati.. è l'unica..

      Elimina
    2. non mi pare semplice. per voi è sempre colpa degli altri. peggio di così solo De Magistris a Napoli !

      Elimina
    3. Colpa degli altri che non ci raddrizzano?!? ..e certo.. Oltre a prendermi le colpe da romano indolente che dovrei fare? Raddrizzarmi da solo? Pretendi un po' troppo... qui esce fuori il milanese che c'è in te... ahah.. ringrazia che non ho detto che siamo perfetti... ;)

      Elimina
  7. Francesco, ma quanti sono i romani e quante persone sono lì a Roma per tornaconti personali?
    Se la politica muore non è colpa dei politici ma di chi non partecipa alla politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..io la politica la farei fuori. Ormai la Politica di Aristotele è un miraggio lontano anni luce. Il politico attuale è solo una sanguisuga che cura esclusivamente i propri interessi. Roma è allo sfascio, come l'Italia.

      Elimina
  8. Figlia di romani, nata a Roma-Trastevere,cresco,lavoro,mi innamoro, mi sposo, ho due figli, frequento tanti amici...tutto , sempre a Roma.E' come un amore. Ci litighi, spesso lo vorresti diverso, pensi che forse sarebbe meglio allontanarsi per un po', ma alla fine c'è un feeling che non sai spiegare ma che è più forte di ogni critica. Non vorrei vivere da un'altra parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' impossibile non innamorarsi di Roma.

      Elimina
    2. Io vivrei volentieri altrove. A Lucca per esempio. O a Ponza. Amo la quiete e il mare, la vita a misura d'uomo, come suol dirsi. Roma è un caos totale. Non può bastare la sua indubbia e fascinosa bellezza a corrompere un animo sensibile. Non può.

      Elimina
    3. Ho abitato due anni a Roma, ma ero un ragazzino. Da adulto e per molti anni da Pescara andavo a Roma, quasi ogni settimana. E' troppo bella, un grande libro di storia.

      Elimina
    4. Troppo bella Roma... si... se vieni da fuori e la prendi a piccolissime doti.. poi ovvio anche che uno che arriva da Pescara.. dove quella che riuscite a chiamare "piazza salotto" è un vero obbrobrio architettonico, una volta a Roma resta a bocca aperta.. ;) ma tu abitaci per un po'.. vivila, lavoraci, attraversala tutti i santi giorni...poi mi racconti... ;)

      Elimina
    5. Grazie Franco, mi commuovo :') finalmente qualcuno che non ama incondizionatamente Roma xD pensavo di essere un alieno :)

      Elimina
    6. ..se ci fai caso.. la maggior parte degli estimatori di Roma.. sono tutte persone che non ci vivono.. normale direi.. elementare direbbe il mio Sherlock.. ;)

      Elimina
    7. Non lo so, Maurizio ancora cerca di corrompermi e convincermi xD

      Elimina
  9. Insomma un grande guazzabuglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roma è guazzabugliosa per antonomasia..

      Elimina
  10. Roma resta una delle città più belle del mondo, anche con i suoi problemi.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo... anche io, abitando da un'altra parte, sarei felice di venirla a visitare!.. ;)

      Elimina
  11. Ho letto il post e ho letto i commenti. È vero che Roma la fanno i romani e non solo la cattiva politica, ma purtroppo il problema di inciviltà è caratterizzante di tutta l'Italia, probabilmente ancora di più dal centro al sud.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..fiù in Sicilia ho visto roba anche peggiore... mio cugino senza casco in moto ad esempio.. quando l'ho rimproverato ha detto "ma ogni tanto lo metto dai..". Ma non è colpa sua... è dei vigili che chiudono gli occhi. A Roma magari non la passi liscia senza casco.. ma per altre cento cose nessuno ti dice nulla.. parcheggi selvaggi, zozzerie per terra, urla e schiamazzi... e una cosa che mi viene in mente adesso: quando si esce dal cinema, metà delle persone, anche adulte, lascia il suo posto ridotto a porcile. Non credo accada a Berlino, ma neanche a Bolzano. :(

      Elimina
  12. ... Intanto vivi nella città più bella del mondo, fortunato te.
    sinforosa

    RispondiElimina
  13. Ma i 5 che chattano e basta senza nutrirsi poi schiattano, giusto?

    CervelloBacato

    RispondiElimina
  14. un post di numeri e i numeri sono manipolabili...la statistica raramente è usata per dire la verità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..in effetti le cose stanno anche peggio...;)

      Elimina
  15. Roma visitata in viaggio di nozze: bellissima, stupenda! Dai, ci torniamo....non ho quasi visto niente!
    Roma visitata in un tempo di Pasqua con i tre figli: State qui, vicino a me....Vi perdete....non allontanatevi....non scendete dal marciapiedi! (non ho visto niente....ritorniamo?)
    Roma visitata durante una visita al Papa (dopo l'udienza): bellissima...San Pietro....San Giovanni in Laterano..... uffa ma che caldo...ci ritorneremo, vero?
    Roma visitata pochi anni fa: Sì sarà bella, ma questo chiasso, questa confusione......dai torniamo da Do (mio cognato)
    Roma rivisitata nei sogni: Che bella Villa Borghese e ti ricordi come i bambini si divertivano davanti al teatrino? E lo zoo? E il Colosseo: bellissimi quei gattini.....Paolo: prossimo viaggio Lourdes, ma poi certamente una tappa a Roma.
    Una città dove vorrei vivere: Merano!!!! Ciao Franco. Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco.. Merano anche io perché no..ma pure Ortisei.. comunque Lucca resta in pole position.. ;)

      Elimina
  16. Dite quello che vi pare ma Roma bisogna averla nel cuore, e io ce l'ho, dai tempi lontani dell'Università. Era diversa? non so, ero giovane e tante cose non le vedevo.Certo non ci vivrei, ma non vivrei neanche dove vivo ora come in nessun altro luogo del mondo. Vivere per me è passare oltre

    RispondiElimina
  17. Fantastico. Ho fatto la naja a Roma. ci sono stato in segueto decine di volte e non c'ho mai capito nulla :-D
    Hai fatto chiarezza!

    RispondiElimina

Sottolineature