lunedì 13 febbraio 2017

FRANCO BATTAGLIA PRETE...


Quella di attribuirmi atteggiamenti da prete è carina, potrei fare il novello Luciani:  mi farebbero fuori al primo accenno di voler regalare tutto ai bambini poveri (quelli famosi del Burkina Faso), quelli che la tv non la conoscono, internet nemmeno, non c'hanno un blog, e non fanno  manco playstation, ma solo la fame

Franco Battaglia prete, che  preti e suore li manderebbe tutti in missione.
Franco Battaglia prete cristiano molto poco cattolico,  prete(rintenzionale) bombarolo qualunquista, Franco Battaglia prete(nzioso) che torna a casa scosso, forse, se scompaiono Dave Gahan o Chris Martin. O Greg Lake, Pace all'anima sua..

Ma questo folletto prete sarebbe ancor più scosso, dalla scomparsa di Baricco 

o dalla notizia di  uno tsunami nel Salento? 

Perché mi dite “niente classifiche”, quando si tratta di morti? 
Dove invece  le facciamo tutti i giorni le classifiche, ci classifichiamo tutti i giorni, classifichiamo cinema TV musica libri avvenimenti, intenzioni, blog, post, utenti ed intenzioni degli utenti, commenti e contro commenti. 
Ma non sento delle "casette" zozze e usate, montate ad Amatrice... mentre la Raggi si che tira...

Soprattutto si discute sul come vivere e sul come nascondersi, dissimularsi, disilludersi. 
Ora che ci penso potrei scrivere un post: 

"Morte: tipologie ed aspettative”


Ma ora il prete(stuoso) Franco Battaglia ripensa, ad esempio, a Amy Winehouse, la (ri)scorge barcollante sul palco di Belgrado, brillantemente intossicata, 
e poi scorge un giovane morto di ipotermia sotto un quattro stelle abruzzese, E cerca agganci.

Poi vede ancora le macerie di Aleppo, e nell'altro emisfero i Lapo scagionati.

Poi i Bertone che si muovono per casa con i bus navetta, mentre una vecchietta dopo la chiusura del mercato, cerca di raccattare qualcosa tra gli scarti della mattina. Poi ancora quei cantantini sanremesi che tra una settimana ma chi se li ricorda più ... 

E poi pensa ancora che nei dieci minuti che ha impiegato ad impalcare il suo post moralistoide sono morti (di stenti, di malattia, di incuria, di ingiustizia, di egoismo, di fame o di qualsiasi altra causa che inneschi la mannaia della più cruda delle statistiche), due bimbetti anonimi nel profondo di un'Africa che possiamo solo immaginare
 
Il prete Franco Battaglia, allora si, che mette in ordine queste morti. 


Le mette in fila proprio per importanza, ci  fa il post e la povera Amy, da qualsiasi punto di vista io la guardi,  'stà macabra classifica,  è sempre in fondo; perché sarà pur vero, come fatto notare da più utenti, che la Morte livella tutti e che quella di ognuno merita tutto il Rispetto. 

Ma, a mio modo di vedere, è la vita che andrebbe apprezzata, quando ce l'hai in pugno, e garantita invece, quando nel pugno hai solo le mosche a nutrirsi del tuo scheletro.

Poi sai che c'è? Ognuno si scuota come meglio crede.  
 

37 commenti:

  1. Dopo Andrew Garfield, pure tu ti metti a fare il prete?

    Eh no, dai. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .ahah.. però me sa che me viene mejo Brendan Gleeson.. ;)

      Elimina
  2. Non possiamo farci una colpa se ci sono disparità: non nel mondo, che forse è un po' colpa nostra, ma nei nostri sentimenti.
    Ti dispiace per qualcosa di frivolo, ma poi pensi giustamente alle cose serie.
    E allora le cose frivole non devono farle più?
    Magari tanti soldi spesi per realizzare un grandioso film, soldi che possono essere usati in altri ambiti.
    Ma non è così che funziona...

    Moz-

    RispondiElimina
  3. ma sai che ti ci vedrei...ahahahaha!!!!!!

    RispondiElimina
  4. La morte non ti dà nemmeno il tempo di riconoscere i tuoi errori.
    Pert altri, invece, arriva tranquilla, ti dice anche quando sarà il momento giusto. Per questo non è uguale per tutti. La La morte è stata sconfitta perché qualcuno è Risorto aprendo la strada a chi crede in Lui.

    RispondiElimina
  5. Diciamolo pure: i morti purtroppo non sono tutti uguali. Ci sono quelli di serie A e quelli di serie B. E ce n’è pure qualcuno di serie C. Se un pazzo terrorista si fa saltare in aria con una bomba in una qualsiasi città dell’Occidente causando decine di vittime innocenti, ebbene quei morti sono di serie A. Ma non solo: diventano anche eroi, simboli dei nostri disgraziati tempi moderni, offerti in pasto ad un pubblico televisivo sempre più morboso e sempre più impaurito. E succede poi che non passa giorno senza che in qualche altro paese del mondo (Afghanistan, Pakistan, Libano, Siria, Irak ecc.) non si commetta un attentato, con centinaia di persone innocenti trucidate. Ma quelli sono morti che non fanno notizia…non diventano eroi. Morti di serie B. E non hanno un prete come Franco Battaglia che possa dare loro la giusta dignità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Remigio ti ringrazio ma purtroppo più che sfogare la rabbia su un blog possiamo poco altro.. magari facciamo volontariato.. sovvenzioniamo Organizzazioni.. ma resta questo distacco abissale tra il nostro mondo e l'altro, quello che arranca paurosamente. E del quale siamo responsabili. E profondamente.

      Elimina
  6. Più che prete, confessore :)
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. Forse mi sono perso qualcosa, ma non riesco proprio a immaginare chi abbia potuto associarti ad un prete, visto la tua pretesa di bacchettare ogni tanto eminenze e pontefici, specialmente quello attuale, che secondo te farebbe "ammuina".
    Evidentemente, sarai un prete sui generis, contestatario, che crede pure nella teoria eliocentrica o, peggio, nell'Infinito e che perciò potrebbe finire allo spiedo nel bel centro di "Campo dei Fiori"
    A ben rileggerci, reverendo Frank, a ben rileggerci...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monsignore non mancherò... forse ho messo io i manifesti anti Francesco a San Pietro e dintorni... ;)

      Elimina
  8. Ti leggo amaro e polemico ed è giusto così. Non ti vedo molto prete però.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo.. amaro e polemico... dopo Sanremo del resto...ahah

      Elimina
  9. Cazzo Franco, come riesci a tirare fuori il peggio della nostra banalitudine con un post breve e sferzante. Ci sta tutto, tutto quanto. Ma prete no, mi piaci così come sei 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dicevo a Pippa qualche riga sopra... una Belardata m'attizzerebbe...

      Elimina
  10. Prete direi proprio di no, invece acuto osservatore, molto molto realista pur usando sapiente ironia, quello lo sei sempre :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo caruccio Maurì... a volte ci sfoghiamo..ma tanto stanno tutti a pensa' allo stadio... ahah

      Elimina
  11. Eccerto che se parti così...sarà un'intensa settimana... 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si.. sono un po' storto.. Raggi, Papa, PD, illazioni, sospetti, chiacchiere...

      Elimina
    2. D'Alessio eliminato a Sanremo....

      Elimina
  12. Ci sono anche preti che sono brave persone.

    RispondiElimina
  13. Prete mai. Mammaimai eh! Ti "conosco" poco, ma prete non ti ci vedo per niente. Mi stai troppo simpatico per esserlo :)
    E poi i preti sono una brutta razza... di 'sti tempi.

    RispondiElimina
  14. Se questi fossero i preti, forse rivedrei il mio agnosticismo. Bel post!

    RispondiElimina

Sottolineature