venerdì 16 dicembre 2016

HO VOTATO RAGGI




Ho votato 5 stelle come tanti che volevano piazza pulita,
finalmente.

Ma fin da subito, come anche i più profani osservatori, ho storto il naso vedendo i precedenti di questa nuova, presunta rivoluzionaria, trasparente e impavida, giunta grillina.

Non ci voleva molto a capire che qualcosa non quadrava

Se ne erano accorti anche i vertici 5 stelle, che avrebbero voluto fuori dal giro un sacco di quella gentaglia che da decenni aveva contribuito ad affossare Roma.


Non ce l'hanno fatta. Forse in virtù dell'uno vale uno.
E hanno lasciato carta bianca alla Raggi.
E mai in questo caso sarebbe stata meglio la famosa "casalinga di Voghera".

Ora BASTA. Spero che la caccino via la sindaca, E che si rivoti al più presto.

Per ora hanno ancora il mio consenso. Soprattutto se smettono di gridare "al complotto".

Ma ogni giorno che passa in queste condizioni,  rischio di cambiare opinione.


27 commenti:

  1. Io penso solo che se non mi chiamava per lo scrutatore era meglio, stavo meglio ^^
    Per il resto beh... cambia tutto ma, al fondo... nulla. Purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le cose restano cosi.. con questa deficiente che insiste a difendere le sue scelte.. hai ragione. Non cambia nulla.

      Elimina
  2. Il Movimento 5 stelle è una truffa. Nasce dal blog di un comico che guadagna palate di soldi. Non sa niente di politico, ma capisce che la gente è stupida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il principio su cui si basa non è malvagio:
      via tutte le zozzerie della vecchia politica.

      Se poi le fai tu, però.. è ancora peggio.

      Elimina
    2. Il fatto è che le zozzerie sono inevitabili. Il sistema Italia è corrotto e se entri pulito, alla fine esci sporco.
      La politica è una cosa seria. Deve affondare le proprie radici nell'esperienza della storia.

      Elimina
  3. Purtroppo la Virginia ha ultima parola. Gli altri grillini non credono possano fare molto. E che a Roma è davvero tutto infettato...

    Magnoli@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I grillini sanno benissimo che Roma è la cartina tornasole per la loro scalata al governo nazionale. Se si consentono tali figure..ma chi li vota a livello nazionale?

      Elimina
    2. Ma a Torino non va tanto è la raggi che non è capace e non ascolta nemmeno.

      Elimina
    3. Torino è un quartiere di Roma quanto a problematiche.... certo se c'era la Raggi al posto dell'Appendino un Marra magari lo trovava pure là...

      Elimina
    4. Se Torino va bene il merito è di chi c'era prima. Anche li stanno a capire chi sono i cinque stelle. E niente, io sono felice di vedere che come normale che sia abbiamo il trionfo di incapacità associata a non esatta onestà.

      Elimina
  4. Anch'io ho votato la Raggi e non me ne pento. Fino a questo momento non ha ancora rubato un centesimo, a differenza di tutti i suoi predecessori che hanno spolpato Roma. Se dovesse dimettersi, voterei ancora 5stelle. Senza indugio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per ora sono fiducioso anch'io. Ma le premesse sono tutto meno che incoraggianti. Non volevo certo miracoli dalla Raggi, ma neanche che si circondasse da tutta gente che da anni e anni bazzica i governi che hanno affossato Roma..

      Elimina
  5. Vi sta solo uno stracazzo di bene. Fateli anche andare al governo così siamo costretti ad abbandonarlo sto paese che già non va tanto bene ma con loro porterebbe i libri al tribunale fallimentare

    Ps: a parte che mi pare che se uno è dipendente comunale e iscritto a m5s, si licenzia e viene riassunto a stipendio triplo, quello a casa mia si chiama rubare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. France' non fa una piega. Magari imparano qualcosa.
      Forse.

      Elimina
  6. Da qui io non posso seguire completamente la politica italiana quindi non sono in grado di dare un giudizio sul partito di Grillo (anche se lui continua solo a gridare e non prende impegni). In ogni caso qui in Francia è proprio malvisto. Come dici tu, più sopra, il principio di buttare fuori tutti i vecchi potenti non era male ma, poi, bisogna anche proporre nuove cose e non solo criticare il passato. Tienimi informato dell'andamento e grazie per essere venuto a trovarmi. Buone feste natalizie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..oddio..voi mi sa che avete altri problemi ora.. a cominciare dall'incubo Le Pen...

      Elimina
  7. Ogni città esprime sindaco e giunta che si merita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con questo metro avremo sempre e solo sindaci ladri e coglioni. ;)

      Elimina
    2. Beh, è difficile che da un campo di peperoni esca un ravanello oppure un mazzo di sedano.

      Elimina
  8. Qui da me, provincia provincissima del nord (quello più a sud XD), il Comune è affidato alle stesse famiglie di "sinistra" da prima che nascessi. Va tutto male - dalla viabilità, alla mancanza di lavoro, all'assenza di servizi, ecc. - ma i miei concittadini tutti - fedelissimi a che cosa non so dire - e non solo quelli "bene e dei giri" continuano a sostenere i candidati che provengono direttamente o sono legati a quella casta. E qui i numeri sono piccini rispetto alla Capitale...
    Temo che sia soltanto questione di "posti liberi", non c'è partito o ideologia che tenga al momento. Bisognerebbe votare le persone degne, e bisognerebbe poterlo fare, anche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinto, visto i malesseri diffusi della capitale, che davvero la "casalinga di Voghera" farebbe meglio di una Raggi qualsiasi. E si circonderebbe di buone e belle persone, gente mossa da vera passione e che non ha mai fatto danni, non di marra e muraro...

      Elimina
  9. io pure ho votato la Raggi. Perché avevo appena finito di lavorare a un progetto col municipio e avevo toccato con mano le schifezze della precedente amministrazione. A Novembre ne ho seguito un altro e ho notato la situazione è uguale a prima- In più alcuni impiegati, siccome non hanno più le conoscenze "in alto" che avevano promesso di aiutarli a fare carriera, tendono alla sociopatia.
    Ciao Frengo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah.. andiamo bene... posso capire l'incompetenza e la lentezza. E le giustifico nel caso di Raggi.
      La connivenza e la difesa ad oltranza di soggetti assolutamente indecorosi, invece, no.

      Elimina
  10. Non so se esistano o meno violazioni di legge da parte della Raggi, (ce lo sapranno dire i magistrati) né amo il Movimento 5 Stelle (che a parte taluni principi del tutto condivisibili, si muove nel caos più totale) ma ho l'impressione che da un po' di tempo in qua fare il sindaco a Roma sia diventato piuttosto rischioso. Sta andando di moda il tiro al sindaco, uno sport incomprensibile quanto inquietante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io auspicavo un deciso cambio di rotta. Poi vedo che la vecchia nomenclatura affolla il Consiglio comunale... permetti che mi incaxxo?

      Elimina
    2. Quando ho accennato al " tiro al piccione (=sindaco) non alludevo a te, ma alla classe politica (compresi i 5 stelle) e ai mass media ^___*

      Elimina
  11. Dal debutto alle governative il movimento di Grillo ha assunto toni arroganti quando non decisamente offensivi, che non mi piacciono, con la pretesa di essere dalla parte del giusto e gli elettori degli altri partiti trattati alla stregua di disonesti o scemi.
    La Raggi mi pare telecomandata.

    RispondiElimina

Sottolineature