domenica 3 aprile 2016

FUOCOAMMARE Lo sbarco dell'ipocrisia



L’occhio pigro di Rosi ci offre una Lampedusa di vecchi e bambini, alternata ed estranea all'invasione migratoria di vivi e morti.
La fine del turismo, i campi di accoglienza selvaggi, la convivenza forzata con un problema mondiale divenuto fenomeno locale interessa poco.
Salvare la pellicola affermando che il messaggio era per l’Europa poi, sembra ridicolo.. un po’ come la nonna di Samuele che ciancica un “poveri” quando la radio clava locale parla di nuovi sbarchi…

Il medico di Lampedusa è l’unico intermezzo che ci dona umanità affranta e impotente verso questa sciagura immane.
Un intermezzo reale, intenso ed efficace, relegato giustamente da  Rosi a brevissimo spot..
Il resto del documentario svaria lento come solo a Rosi riesce, tra il déjà vu e l’inutile: saracinesche che si alzano, motorette che rombano, vecchiette a pulire il pesce, pomodori da tagliare, visi di immigrati rigati di lacrime nelle più convenzionali e strainutili delle riprese.
Mi chiedo cosa sia stato a fare due anni a Lampedusa, Rosi, per cogliere il nulla cosmico, per sottolinearlo, per esaltarlo, per farci sentire ancora una volta come attorno a quel sacro GRA, già vilipeso a suo tempo…


Lampedusa divisa in due..  nessuna vita trasformata.. nessun tentativo di mostrare una convivenza difficile, solo una malmessa e dimessa radio locale a immalinconire gli animi, e figli di pescatori col mal di mare, un curioso controsenso che fa il paio col regista che non sapeva girare film.

Il ragazzino coi sottotitoli che succhia gli spaghetti come Bombolo, alla fine spara al cielo mimando un fucile a pompa.
Un po’ come Rosi che spara a salve per tutto il docufilm cercando di far capire, forse, all'Europa, come sia lontana da Lampedusa.. ma chi è animato di sensibilità avrebbe voluto scorgere ben altro che lo strepitìo delle lenzuola di cartapesta a riparare dal freddo e i primi piani di gente che sui barconi ha lasciato un pezzo d’anima, anche se respira ancora.


Un’isola di sogno e flemma da contrapporre alla frenesia dei corpi che si accumulano nella fuga dai loro mondi invivibili, anche a costo della vita in acque dove pescano di frodo anche i residenti, e dove bimbi dall'occhio pigro qualche passerotto, alla fine, lo salvano pure loro dall'infallibile fionda.


Noi a Rosi no.  Gli mimiamo una mitragliata come Samuele.

In quel letto rifatto a carezze ripetute fino a sconfiggere le pieghe e nei baci alle mille icone nella stanza, scorgiamo un quotidiano penetrato nelle ossa e nell’anima dei residenti, ma a Rosi sfugge che esternarci la pacata lentezza di questi isolani continua solo a rivelarci il suo modo incartato di muovere (anzi di non muovere) la macchina da presa.
Se Rosi resta due anni a Lampedusa per rivelarci che la zuppa di pesce bolle lenta di sapore masticato dal tempo, ha sprecato il suo di tempo, girando pure due pseudofilm che si incastrano pochissimo tra di loro, quasi niente.


E se con l’ipocrita Orso d’Oro berlinese hanno fatto finta di prendere coscienza sul fatto che esista un problema Lampedusa, sono ancor più con la coscienza sporca.
E di più Rosi, che approfitta delle tragedie per fare fama e soldi.
E non ultimi, quelli che escono dal cinema con l’applauso in canna, convinti solo ora di saperne qualcosa di più.




10 commenti:

  1. PEN sa QUAnti soldi hanno GIRATO sull'P.E.C.cato ORIGINALE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..stanno arricchendosi tutti.. in nome di Dio

      Elimina
  2. Franco, ti rendo la visita, no, volevo proprio leggerti. Non sono stata a Lampedusa, non ho visto il film e allora cosa commento?A me spiace per i nostri migranti. Ha ragione papa Francesco, non abbiamo mai versato una lacrima. Per capire queste persone dovremmo indossare le loro scarpe....ma forse non ne posseggono! Mio figlio lo scorso anno è andato con moglie, figli e amici. Era felice. Enrico è assistente sociale e sapessi quante arrabbiature si porta a casa per come questa gente vive anche qui a Novara? Non dico di più altrimenti mi aumenta il mal di stomaco. Ti auguro che esca una bella pellicola e che ti faccia contento! Abbracci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...si.. ieri ho visto Race e mi sono anche commosso... grazie del pensiero... ma sono arrabbiato anche con Francesco... troppe chiacchiere... le posso ammettere da un politico... non dal Papa.

      Elimina
    2. Da BANCHI eri ... TUTTO è POLItica.

      Elimina
  3. Non l'ho visto e il tuo commento mi sembra molto duro, eppure non dubito di ciò che hai scritto, perchè questo è il periodo di massimo splendore per chi tira l'acqua al proprio mulino con la massima naturalezza.
    Ciao.
    Cristiana

    RispondiElimina
  4. Lo straniero ti permette di essere te stesso, facendo di te uno straniero […].
    La distanza che ci separa dallo straniero è quella stessa che ci separa da noi
    Che questa distanza sia ponte o baratro dipende solo da noi
    Enzo Bianchi – L’altro siamo noi
    La tua conclusione è più che amara
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amarissima, si. Mi infastidisce profondamente questo cinema.

      Elimina

Sottolineature