martedì 26 aprile 2016

DICONO CHE SONO TROPPO AGITATO



Quando sono in riva al mare, ad esempio, a origliare risacca sui sassi.
O quando passeggio per viottoli di storia
che mi raccontano gesta dal fascino incredibile.



Forse sono troppo agitato quando mi blocco a margine del traffico
perché un tramonto che allaga l’orizzonte merita pausa e silenzio.
E occhio grato.


  
Troppo agitato mentre sfoglio un libro,
e ricreo sensazioni attorno forgiate dalla pagina.

O mentre fisso il cielo in un suo giogo di nubi.


Dicono che sono troppo agitato,
quando assaporo un prosecco prima di cena,

o mi strappo versi dal cuore che sembrano non voler venir via,

o mentre respiro - in una quiete irreale - sogni dai capelli
del mio amore addormentato.

Si.  Forse sono troppo agitato,


perché amo.

27 commenti:

  1. Mi sa che gli "agitati" sono tutt'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...infatti... era per ribadirlo ai "mi dicono"... ;)

      Elimina
  2. Beh, che tu sia "inquieto" s'intuisce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..l'inquietudine è uno stato d'animo...

      Elimina
  3. Ti voglio rigirate una considerazione fatta su di me, da mio marito per raccontarmi: "mia moglie e' una donna viva" Alla prima lettura questa affermazione può suscitate ilarità, ghigni vernacolari; ma se si ha voglia di entrare nelle parole si comprende che Gli Agitati vivono!

    RispondiElimina
  4. La questione, secondo me, verte sul fatto se questa tua agitazione sia temporanea o permanente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Agitazione costante, di mare anche talvolta apparentemente quieto, ma che non ristagna mai...

      Elimina
  5. I mi dicono non immaginano cosa accade dentro un cuore che sa ammirare certe cose.
    Belle le foto ...buon inizio settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I "mi dicono" lo sanno benissimo invece .. ma hanno preferito dimenticare...

      Elimina
  6. Molto belli questi versi...vorrei dire di più ma la mia inquietudine non mi lascia scegliere le parole più adatte...che sia ansia, invece!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ansia arricchisce... certa "pace" addomesticata invece... no.

      Elimina
  7. Ma che bello questo post! Complimenti! Se l'amore porta agitazione ben vengano
    Abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna... l'amore porta agitazione... sempre... ma non tutti comprendono...

      Elimina
  8. Risposte
    1. ..agitazione calmante... l'immobilità è un'altra cosa: come l'incapacità di scorgere, l'indifferenza all'ascolto, la pigrizia dell'immaginario, l'apatia e l'indolenza...

      Elimina
  9. Risposte
    1. ...l'ho usata questa metafora.. tempesta in un bicchiere esattamente... capita a chi.. rinuncia.

      Elimina
  10. Io ho appena bevuto un Berlucchi in eurostar

    RispondiElimina
  11. Inquietudine e senso di colpa, aggiungerei.

    Giovedì dove sei collocato? Io dalle parti della mia filiale preferita (col direttore gnocco....)

    RispondiElimina
  12. La tua agitazione in città si chiama: noia mortale da assenza di sensazioni.
    e nella tua vita: paura che le sensazioni finiscano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che le sensazioni finiscano, spesso, è un pio desiderio.

      Elimina

Sottolineature