domenica 4 ottobre 2015

OTTANTACINQUEMILIONI DI EMENDAMENTI


Io lo sapevo che Michele Serra mi fregava.. nel senso, mi avrebbe fregato comunque.. ma nella fattispecie erano giorni che covavo le stesse obiezioni che il Nostro, sulla sua Amaca quotidiana di Repubblica, e precisamente in quella di venerdì 2 ottobre, sviscera e sberlina come solo lui...
Si parla ovviamente degli ottantacinque milioni di emendamenti atti a bloccare le attività del Senato che Calderoli avrebbe compilato grazie a un algoritmo monello di quelli che ti spostano una virgola, un punto, una graffa, una sillaba e i pensierini del giorno si trasformano in tanti “scopri le differenze” dall'insignificante pregnanza oggettiva, che una volta percepito l'inghippo Grasso avrebbe dovuto leggere un solo comunicato ad aule unificate:

Calderoli, sa dove se li può ficcare tutti i suoi ottantacinque milioni di emendamenti?





24 commenti:

  1. Un interrogativo di difficile soluzione...:-) purtroppo, caro Franco, siamo nelle mani di una classe politica di pagliacci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ottantacinque milioni di pagliacci..

      Elimina
  2. Risposte
    1. Se ricordo bene i catto-comunisti nel loro fanatismo rozzo dettero del razzista a un leghista che paragonò l'invasora Kyenge ad un innocente w assai meno pericoloso orango.

      Questo dimostra ancora una volta che è sufficiente osservare il linguaggio degli antirazzisti per notare il loro razzismo tanto latente, dissimulato quanto violento.

      Elimina
    2. Franco, quil sei cascate male anche tu, eh?!

      Elimina
  3. Se ci pensiamo, questo è però un ottimo e terrorifico esempio di come la porca tecnologia ci stia inculando la vita invece di migliorarla... Il Parlamento potrà "ghigliottinare", com'è giusto che sia, questo delirio, mentre assai più difficile, per il povero essere umano medio, è ghigliottinare gli infiniti flussi di cagate "uazzappifere" che gli annegano la vita ogni giorno di più...

    RispondiElimina
  4. Ma seriamente bisogna rispondere a queste cose?
    Veramente le varie opposizioni si stanno lamentando che il Senato rasenta la dittatura perché si vogliono ignorare solo ottantacinque milioni di emendamenti fasulli?

    RispondiElimina
  5. Uno degli aspetti positivi della rottura del monopolo cattolico-comunista ovvero finto dipolo DC-PCI, poi PD±L ora il Partito Dellanazione che è avvenuto con il M5S è, che dopo decenni di finta o inesistente opposizone (dati sconcertanti qui, evidenziati da Carlo Cerbone), da qualche anno c'è una opposizione in Parlamento.

    Anche la Lega quindi tenta di opporsi e lo fa in un modo abbastanza creativo, direi.
    Questa farloccata della pseudo abolizione del Sentato è una riforma che oltre ad essere una riforma della cacca per i contenuti, è diventata pure una riforma pateracchio per i modi.

    In ogni caso, dato questi governi criminali, che usano il potere contro gli elettori, ogni aumento di "governabilita'" è uan velocizzare il malgoverno, l'azione criminogena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. UomoCoso, anche te, insisti a volere entrare nel merito. Per esempio a QUALI ARTICOLI si applicavano gli emendamenti di Calderoli. Non hai capito, non serve andare a vedere quali leggi e quali articoli stanno approvando, tutto quello che propone e dispone il PD, lo fa nell'interesse del "progresso sociale e civile" (vedi sotto). Certo, l'ideale sarebbe se invece del PD fosse SEL, quelli invece del "progresso sociale e civile" hanno il mandato per realizzare il Regno dei Cieli.

      Elimina
    2. Come sarei entrato nel merito?

      Elimina
    3. Qualsiasi cosa sia utile a sovvertire i piani di questa élite corrotta cattolico-comunista-globalista-massonica è straordinariamente ecologica.

      Elimina
    4. Non sei entrato nel merito infatti. Nessuno qui o altrove, dato che non abbiamo idea di cosa contengano gli articoli in discussione. Però sappiamo di Calderoli e tanto basta, per i motivi sopra detti.

      Elimina
  6. Ce la prendiamo con il "povero parlamentare " e con tutti quelli come lui, ossia il 99,99% dei politici che ci rappresentano nelle sedi deputate a cio'. ERRORE. i dementi siamo noi che ad ogni elezione ritorniamo a votarli!!! Anche se , ai tavolini del bar si sente dire: "ma chi l'ha votato sto c.......io no de cccerto!"

    RispondiElimina
  7. Mi spiace, Franco caro, che canzoni un illustre esponente della Lega, e mi spiace non solo perché ignori il suo spessore politico, ma anche perchè sottovaluti il contributo che egli sta dando al progresso sociale e civile del nostro paese.
    Francamente, amico mio, penso che Calderoli sia la prova che Qualcuno lassù esiste veramente... anche se a volte si diverte a creare degli inutili ca...oni e perditempo...
    .
    .
    .
    ^____*

    P.S.
    Sinceri auguri per il tuo onomastico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe interessante esaminare il significato della espressione "progresso sociale e civile".

      Elimina
    2. Il progressismo è uno dei sei principali fattori di degrado delle società attuali.
      Per dirla con le loro parole, il più efficace metodo di realizzazione di oscurantismo e (mie) idiozia di massa.

      Elimina
    3. Il progressismo è uno dei sei principali fattori di degrado delle società attuali.
      Per dirla con le loro parole, il più efficace metodo di realizzazione di oscurantismo e (mie) idiozia di massa.

      Elimina
    4. No no, il progresso è un conto.
      Il progresso SOCIALE e CIVILE un altro.

      Elimina
  8. uh vero...auguri!!
    comunque cancella un po' di cronologia forse va meglio...
    per il resto io uso iPad dunque c'è una voce apposita che svuoto con regolarità
    per Pc ho un programmino per le pulizie
    ciao :)

    RispondiElimina
  9. E qui la discussione è impegnativa, si parla nientemeno che di un... gigante della politica ;-)

    RispondiElimina
  10. La prima brillante idea ' calderoliana' fu il porcellum.
    e questa mi sembra proprio un minchiellum.
    Ciao, ben tornato.
    Cristiana

    RispondiElimina
  11. Quanto ci è costato ognuno di quegli emendamenti?
    Altra domandina per Calderoli, ovviamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se una persona osserva il costo della reazione (costo degli emendamenti da parte dell'opposizione) perché non si chiede il costo del'azione ovvero della proposta di riforma (della cacca etc. etc.)?

      Se io ti dessi una bastonata in testa, tu ti chiederesti quanto potrebbe costare una tua reazione (di difesa)?

      Elimina
  12. il problema grosso è che l'emendamento sarebbe uno strumento democratico certi personaggi lo usano a loro uso e consumo... dico anche che in passato è stato utilizzato contro le porcherie fatte dal governo berlusconi (come sappiamo è servito a poco)

    RispondiElimina

Sottolineature