venerdì 7 agosto 2015

TRE ESISTENZE


Siamo signori vestiti a cipolla.

Una Prima Esistenza si mostra al mondo
un’apparente facciata di luoghi comuni, a distribuire convenevoli, organizzatrice di lacrime anche, sofferenze da vetrina, scenografie.
Il festival del vorrei e del mi piacerebbe sotto naftalina.
Devota alla strategia dell’apparenza,
ma anche più esposta alle intemperie, ai giudizi, ai confronti.
E' lei ad inumidirsi, a porgere il suo dolore all'Universo.
E spesso senza neanche comprendere i meccanismi del fato.

La Seconda abita e percorre cunicoli invisibili.
Cerca una superficie di sfogo, tra magma indigesto, e coltiva universi paralleli, interseca piani temporali impossibili, sfarfalla sull'onda dell'incredibile, tesse sogni gualciti dal continuo generarsi e ripiegarsi su se stessi come nuvole capricciose e si lancia da montagne russe iperboliche che inchiodano il fiato in devastanti apnee. 
Rischia l'inenarrabile afferrando per la coda altere comete di desiderio.

La Terza, è quella con la testa sulle spalle 
- così almeno crede -,
quella che le altre due le osserva dall'alto dell'ambita sediola da regista;
raccoglie macerie di sogno frantumato
e va in giro logorandosi dignitosamente l'anima.
Nascosta nel buio spia lo strano involucro.
Cuce gli strappi, rattoppa le incongruenze, para i disastri.
Odia e invidia in devoto silenzio. E’ spietata principalmente verso se stessa.
Non ha sorrisi, non conosce nessuna lacrima.

Vive di riflessi, eco, tremori attutiti.
Ostenta indipendenza, vorrebbe eliminare quel groviglio di nervi e contraddizioni che la separano dall'esterno,
dall'atmosfera del (pre)giudizio. Dal salto nel vuoto.


Dipendesse da lei lancerebbe il Destino - un qualsiasi destino - contro il signore vestito a cipolla, ridurrebbe gli ostacoli in briciole, arderebbe tutti quei sogni in un unico, impietoso falò,
urlando a quell'esterno negato il suo stupore felice, il suo piano perfetto.

Ma lei è la Rete di Protezione sotto le acrobazie dei suoi coinquilini

Anche oggi, quando la rivoluzione tornerà quieta a cuccia, si sorprenderà ad immaginare il lento, caldo sapore di quella lacrima mai stillata.

Chissà non ne esista ancora una, che orchestra le prime tre addomesticando - apprendista mago - le congiunzioni astrali destinate, altrimenti, a frantumarsi.

Una Quarta Esistenza che immagini una serata a bordo piscina, 
finalmente assieme alle altre Tre, 
a chiacchierare amabilmente da vecchi amici, 
ché stavolta anche la luna, entra senza invito.






28 commenti:

  1. Io, Super-io, Es e la quarta è la vita completa. Pirandelliana forse, ma tanto umana.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di umano ci mettiamo l'incasinamento emotivo. Quello che ti prende la gola.
      Che sfugge a ogni inquadramento. Che si fa beffe del super e pure dell'es.

      Elimina
  2. Allora. Con ordine. L'esistenza dei vorrei io l'ho ammazzata così: "i poeti si fanno le pippe coi loro ricordi la casa, la mamma, le cose che perdi e poi strisciano sui congiuntivi se fossi, se avessi, se avessi e se fossi, se fossimo vivi".
    E le esistenze diventano due. Quella che mostri al mondo e quella che ti si agita - agita non vive agita - dentro. Io e pure tu (credo spero sento) mi muovo nel mondo obbedendo all'agitazione che sento dentro. Certo. La vita di fuori è più pettinata, vestita con cura, diplomatica, non manca mai di sorridere. Ma sorridendo assesta colpi o accoglie secondo la musica di dentro. Non dar loro appuntamento per una specie di pace, non si piacciono sedute allo stesso tavolo. Lavorano bene e si alleano se le lasci su piani diversi. Brinda tu, a bordo piscina, quando riesci - e so che ci riesci - a fare della vita di fuori la rappresentazione della vita di dentro. In giacca e cravatta? Che sia. Nel mondo bisogna starci. Che poi il volo radente di un gabbiano ti commuove alle cinque del mattino e sei capace di chiuderlo nel nodo della tua cravatta lo sai solo tu che influenzerà la tua giornata. Più della giacca. Lo sai solo tu e "le chiacchiere degli altri stanno a zero". Brinda a te e io con te. Tu "senti". Non tutti sono così fortunati. Scusa la prolissità, la sintesi mi sfugge sempre. E baci. Indivisibili. Col dentro e col fuori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mio dentro lo sa quanta roba c'è da tenere in ordine fuori, apposta continua a tenersi per se certi tramonti chiusi nel nodo della cravatta, e le immagina divertito certe scene a bordo piscina. Allo stesso tavolo. Roba da film...
      Grazie per la tua prolissità. E anche per tuoi frammenti.

      Elimina
  3. Ecco un aspetto che ignoravo: il Franco Filosofico, che strizza l'occhio ( come argutamente ha osservato il dottor Moz) a Platone, Aristotele e al vecchio e caro Freud, per illustrarci le oscure forze che si agitano in noi.
    Naturalmente il Franco Nazionale non ignora che alla fine dei giochi a decidere tutto è l' IO quello che media fra le varie istanze ed agisce concretamente.
    Senza un po' di razionalità, la nostra vita sarebbe o troppo ingessata, oppure animalesca.
    Profitto per lasciarti i saluti, caro socio, e un cordiale a rileggerci a settembre, quando dovremo dare una smossa al nostro blog.
    .
    .
    .
    ^___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo ignoravi affatto carissimo.. non lo hai mai ignorato.. ;)
      Buona estate sempre.. a Settembre scintille in ogni dove..

      Elimina
  4. Tutte le esistenze che hai elencato rappresentano la nostra vita secondo una turnazione incontrollabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Turnazione incontrollabile.. e chi decide la turnazione?

      Elimina
    2. Io scrivo turnazione e tu leggi tumazione :(

      Elimina
    3. No no.. la tumazione lo so chi la decide. . ;)

      Elimina
  5. Interessante articolo che induce a riflettere sui desideri... i sempre presenti e, ahinoi, spesso insoddisfacibili.
    Ciao amico Frank ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. ma noi giochiamo a disegnarli i piani temporali impossibili..

      Elimina
  6. Oggi odio tutte le mie esistenze.

    RispondiElimina
  7. Franco, non sarà il caso di rilassarsi con una nuova vacanza? Con questo caldo eddai .... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..la Grecia, la mia Grecia isolata e sperduta, si avvicina a grandissime falcate.. riposerà, cuore, anima e sogni.. oppure no.. chissà..

      Elimina
  8. Sono assai di più, per quanto ne so.
    Ogni decisione importante della vita, ti impone di attingere all'una o all'altra delle esistenze, che come le hai descritte tu le chiamerei anche varie opportunità che l'esperienza ti suggerisce.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma l'esperienza è condizionata da un dna imprescindibile.. sbattiamo sempre nello stesso spigolo.. e continuiamo...

      Elimina
  9. Uno, nessuno, centomila....Sei personaggi in cerca d'autore.....piu' di qualcuno si è cimentato sull'argomento di quante Esistenze convivano in un essere umano....Quante lui (l'essere umano) vuole che convivano dentro di sé.
    Spesso utilizziamo il paravento di ...non so neanche io cosa voglio, soprattutto nei rapporti sentimentali o amicali. Menzogne, sappiamo fin troppo bene cosa vogliamo, diciamo che propendiamo per la "bucia" (per noi romani) per non dover convivere con le conseguenze dell'essere veri, puri, forse crudeli; perché la vita è dura, già troppi pensieri, ma chi me lo fafa' (sempre per noi romani). La VITA è un ottovolante, è una montagna russa dell'ultima generazione , perché se non hai l'adrenalina a mille perché: rincontri un amico dopo 20 anni, incontri la tua metà, ti imbatti in un bacio insperato, un tramonto inaspettato, l'incommensurabile incredulità di fronte ad un'opera d'arte....sei semplicemente già morto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'adrenalina a mille è una droga sintetica che non vendono in discoteca: te la spaccia un tramonto che ti si liquefa negli occhi o un bacio rubato mille anni fa.
      Noi continuiamo a farne tesoro, perché siamo vivi e palpitiamo. Che sia risacca impalpabile o un Vermeer che flescia dalla tela.

      Elimina
    2. Non capisco la tua risposta. Nel leggerla trovo solo conferma a quanto ho esposto. Per cui deduco tu sia d'accordo con me...mio caro Franco ..bancario per hobby, blogger per vocazione. Un saluto speciale🙌

      Elimina
  10. Vestirsi a cipolla è cosa saggia e raccomandabile. Non ti fa sudare né esporre a inutili raffreddature. Hai usato una metafora azzeccata. L'importante è che ci sia una certa coerenza tra i tre strati. In modo da evitare il rischio dr. Jack e mr. Hyde.

    RispondiElimina
  11. In continuo conflitto, eppure l'una non può sopravvivere senza le altre... con il Destino e il Caso a dirigere l'orchestra di fantasmi.
    ;-)

    RispondiElimina
  12. Se togli l'invidia e se sottolinei la mancanza di pietà verso sé stessa..credo di essermi trovata. Tutta in una.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Convinti di esserci trovati. Mai mia cara.. mai..

      Elimina
  13. ClixSense is a very popular get-paid-to site.

    RispondiElimina

Sottolineature