domenica 7 giugno 2015

REDENTORE DAL LATO OVEST

Scalare il Redentore sembrerebbe impresa da anime pie, ma noi vagamente più profani, lo abbiamo raggiunto in un paio d'ore, partendo da sopra Maranola, delizioso borghetto medievale tra Formia e i primi avamposti degli Aurunci,  seguendo il percorso che affaccia la parete a uno squarcio di splendido Tirreno, fino a 1300 metri, in splendida panoramica su Ischia, Ventotene e Ponza.

Cosa chiedere di più ad un caldissimo fine maggio foriero di precoce estate?

Null'altro in effetti.
Ci godiamo l'aria rarefatta, i fragorosi silenzi, l'occhio perso all'orizzonte, i gheppi a velocità di crociera, il respiro che si regolarizza, brandelli di nubi curiose,  pizza  mortazza e banane, tutto senza fretta.
Che le magliette asciughino il sudore in beata altitudine

Poi un affettuoso stringere i lacci e si riscende tra chiacchiere di amici veri, pensando alla meritata stramagnata di pesce e bufala che ci attende la sera in quel della magica Gaeta..

La parete chiama..

Paesaggi altrosistemici


Aurunci lato est



San Michele. La chiesa nella roccia


Scolliniamo?

In cima



A tu per tu con le nuvole

Ischia in lontananza, giuro.

Ecco a voi: il Redentore. In bronzo e ossa

Particolare di Maranola


Gaeta nottambula

41 commenti:

  1. Insomma, una giornata stupenda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò di più: un weekend stupendo! ;)

      Elimina
    2. Ti dirò di più: un weekend stupendo! ;)

      Elimina
  2. Ciao,
    volevo passare e lasciare un commentino, ma poi ci ho ripensato... perciò fai finta di non avermi letto.
    .
    .

    ^___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zone quasi tue tutto sommato... dai ripassa e lascia un commentino!

      Elimina
  3. Sono posti dove regna il silenzio: ideali, per uno che vive tutti i giorni a Roma. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo puoi dire forte.. mi ci trasferirei di corsa..

      Elimina
  4. Anche noi Franchino abbiamo un monte che si chiama Redentore al confine con le Alpi Francesi, ma è molto più severe e caparbio, purtroppo...
    Mi ricordo di avere percorso la parte alta della stradina con la Francia( dove Grillo ebbe l'incidente con la jeep e se non ricordo male ci furono dei morti...) ma lo ricordo con piacere..
    Queste gite fatte tra amici" veri" nuvole, risate e sudore sono le migliori..e poi quando ci aspetta una deliziosa cenetta ancora meglio...
    Buon fine serata amico mio..bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piccole parentesi che rinfrancano e legano ancor più rapporti comunque consolidati..

      Elimina
  5. Risposte
    1. .. luoghi cui non siamo (almeno io) più abituati me che ci accolgono a braccia aperte...

      Elimina
  6. Ecco: sto rosicando.
    Però... bella gita. E belle foto.
    Bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si fanno queste gite, si devono fare.. mia moglie era da un anno che organizzava.. una volta un impegno, una volta brutto tempo, una volta un contrattempo.. ma è una tenace.. e ha avuto ragione.. ;)

      Elimina
  7. Battute a parte, gli Aurunci (ed in particolare Sessa) mi sono molto cari, perché vi nacque mia nonna. Sono stato spesso in quelle zone, alla ricerca di tranquillità e cibi genuini.
    Dai paesi poste più in alto (Gallo, Galluccio, Roccamonfina, oppure il Santuario di San Michele non è difficile distinguere il sinuoso profilo dell'isola verde.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conto più le giornate a raccogliere castagne a Roccamonfina... ;)

      Elimina
  8. Meraviglioso! Un posto perfetto in cui ambientare una storia d'amore di un libro ^.^
    Stupenda anche la montagna, così imponente...certo a scalarla ci vuole una gran, bella volontà xD io, da brava pigra che sono, sarei passata direttamente all'abbuffata ihih

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi!.. ma guarda che mi eravamo in cordata.. bella salita ma tornanti abbordabili.. eppoi l'aria ti aiuta, il paesaggio corrobora, la chiacchiera tiene compagnia e "rompe" piacevolmente il fiato...

      Elimina
    2. ..e poi guardo giù da quell'altezza e muoio xD comunque è indubbiamente bello e se ne avessi l'opportunità non la sprecherei alla fine, sarebbe un peccato

      Elimina
  9. Voglio il racconto in diretta, con annesso gelato :D

    RispondiElimina
  10. Sono troppo pigra per conoscere abbastanza le meraviglie che mi sono intorno però sì, Gaeta è magica anche lei... :-)

    RispondiElimina
  11. Spigrati un attimo... non è che neanche ai Giardini Norma e Ninfa mi sei stata?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No... c'è sempre troppa fila lì xD

      Elimina
    2. No... c'è sempre troppa fila lì xD

      Elimina
    3. Oh my god veramente ... vergogna!!! :-)

      Elimina
  12. Il posto sembra bello. Ma io voglio sapere di più della "stramagnata" che la montagna non fa per me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Nostromo a Gaeta (regno incontrastato dello spaghetto alle vongole), e Fratelli La Bufala a Formia (quest'ultimo un ristorantino gestito da due ragazzi in gamba e appassionati che tra un po' cammineranno con le proprie gambe senza servirsi più del brand che ha dato loro visibilità, in grado come sono di conferire personalità e creatività ai loro piatti di mare e di terra, che coniugano i sapori mediterranei alla più classica tradizione napoletana.. una scoperta davvero golosa..)

      Elimina
    2. Spaghetto alle Vongole! Il secondo mio piatto preferito dopo la pasta al forno. Ok ho preso nota del posto a Gaeta. Su Fratelli La Bufala ho le mie riserve...

      Elimina
    3. No, ti prego, il nostromo no ... c'è di meglio a Gaeta

      Elimina
  13. Bellissime foto! Con sto caldo io non esco di casa molto facilmente, ma gite di questo tipo solitamente ne valgono la pena ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il primo grosso caldo della stagione non era il massimo ma in cima, a sprazzi, ha creato piacevoli vortici di nuvolaglia fresca.. ;)

      Elimina
  14. Essendo un'amante sfegatata della natura selvaggia ed incontaminata, non ho in veritá granchè gradito la civilizzazione di un luogo magnifico, in precedenza sicuramente più intatto e incontaminato.

    Mi fa incazzare anche la breccia che hanno gettato sul sentiero che costeggia il versante lato mare, spaccando a pezzettini le rocce, che prima era sterrato e bazzicato prevalentemente da mucche e capre.

    È un luogo delizioso per chi sa apprezzarlo, e immagino ancora più delizioso per chi viene dalla cittá ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo con piacere che conosci.. il sentiero è quello praticato per le processioni quindi ogni anno ricreano sbreccio e qualche pezzo viene anche giù in autonomia. Resta la delizia, come sottolinei, per chi come noi è affogato tutto l'anno in città invivibili, in mezzo anche a troppe persone che ancora non hanno idea di cosa voglia dire respirare un po' di mondo a cielo aperto...

      Elimina
    2. Si, conosco bene.
      È un piccolo angolo di paradiso, a due passi da tutto.

      Elimina
  15. ...........................................................
    (senza parole Franco......uno splendore! ...giuro)

    Ciao.
    Grazie di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre carinissimo... sono momenti che ritemprano, decisamente.. e dobbiamo cercare di ritagliarceli con forza, passione, determinazione.. altrimenti si finisce fagocitati dal quotidiano, da valanghe di incombenze "doverose"... che non lasciano più spazio.. ;) un abbraccio!

      Elimina
  16. Lo sai cosa mi è venuto in mente guardando San Michele, la chiesa nella roccia? Petra. E bada, non c'entra il paragone (che sarebbe assolutamente privo di senso), bensì il dove siano state costruite: un tutt'uno con l'elemento naturale. Cose meravigliose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato anche io a Petra, una Petra denoantri ovvio.. ma l'idea immensa rimane, quella di compenetrarsi nella natura.. ;)

      Elimina

Sottolineature