sabato 30 maggio 2015

AMO L'ATTESA



Non so cosa cerco,
cosa attendo apparire
nel buio riciclato
o dai silenzi che affastellano
ricordi di sonno perso.

Potrei scrivere di stelle luminose
emerse dall’oscurità,
o di pensieri allagati di vento
che mi portano regolarmente
in riva ad un mare.

In realtà amo l’attesa.

E il suo attendermi.

48 commenti:

  1. Risposte
    1. ..ogni tanto ne butto una là; tra un film, un viaggio, una mostra e una stronzatella di attualità.. ;)

      Elimina
  2. L'attesa verso qualcosa di piacevole. Come si fa a non amarla?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'attesa preserva sorpresa anche.. non sempre piacevole a volte...

      Elimina
  3. Quasi meglio l'attesa del finale.
    A ben guardare è sempre l'attesa che si ricorda...

    Tante volte del finale restano solo ricordi sfumati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se il finale è un figlio?

      Elimina
    2. Questa ipotesi non l'avevo neppure contemplata.

      Elimina
    3. Ah Fra'. .. Ma de che :)

      Elimina
  4. Si vede che sei prossimo alla pensione, Franchì :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovane a chi?!? Io vojo anna' in pensioneeee!!!!

      Elimina
  5. Sergio_Corazzini

    Come due dolci bocche ansiose, prese
    A un tratto da la febbre di baciarsi,
    Attendono l'union soave, accese
    Dal desiderio; come umani arsi

    Di sete, con le braccia al ciel protese,
    Attendono con rabbia stanca, sparsi
    Per il deserto, con le membra offese
    Da un sole ardente, di che dissetarsi;

    Come ogni foglia attende il suo fiore
    Come ogni fiore attende il suo frutto
    Come ogni notte attende il suo sole;

    Così, così col cuore che mi duole
    Nell'attesa, dimentico di tutto,
    Così, così t'attendo, dolce amore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace! L'attesa è la speranza
      dell'avverarsi di un sogno.
      Abbraccio e buona domenica

      Elimina
    2. Un gioco a due, l'attendere. Un desiderio di vita, uno scambio di fremiti.
      Sembra dispiacere, ma ci si crogiola, noi esperti... ;)

      Elimina
  6. Bella... ma letta a 23 anni è deprimente, non per questo meno poetica. ;)

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano.. l'attesa a 23 anni permette scenari pazzeschi... che col tempo vanno inesorabilmente restringendosi... noi l'affiniamo l'attesa, ne dobbiamo avere cura.. noi che attendiamo sempre meno.. dovremmo essere noi i depressi... Dovremmo. ;)

      Elimina
    2. Grandissima risposta... :)

      Elimina
  7. Versatile come sempre il nostro Franchino...
    Non la amo l'attesa a dire il vero, mi mette ansia, mi innervosisce e a volte cancello tutto quello che devo fare proprio per non aspettare...Sono normale???!!!
    Bacio adorabile|!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu la odi perché per te, frizzante e frenetica, ogni istante di attesa è un istante perso... e fai bene così.. un bacio grande Nellina!!

      Elimina
  8. Bravo Franco! Mi piace un certo tipo di attesa......
    Agli appuntamenti arrivo sempre in anticipo.

    Irrompe la verità
    nell'attesa.
    Amplificati dalla
    quiete della notte
    parlano i sogni.
    Abbracci. Ora riposo, con lettura! Buona domenica.

    RispondiElimina
  9. Ecco la poesia giusta per me. Sto attendendo in riva al mare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende, a volte non lo è punto. Ma stavolta sto assaporando la quiete prima del ritorno.

      Elimina
  10. Oddiooooo, qualche giorno fa ho letto un mio vecchio diario.
    27.05.12
    Scrivevo di provare una strana sensazione; quella di un'attesa senza capire però COSA stessi aspettando.
    Davvero particolare.

    Col senno di poi, in realtà sapevo benissimo cosa avrei voluto veder comparire nel buio riciclato. Per un pochino ho vissuto così, dopo quasi tre anni siccome io sono una per la quale 'l'unico modo per liberarsi di una tentazione è cedervi', l'ho fatto. Ho interrotto la mia attesa. Non ho ottenuto quello che volevo, però...adesso sono libera.

    In conclusione, bella poesia, ma temo che tu in qualche modo mi spii perché più volte hai scritto qualcosa cui avevo pensato xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei folletti sbirciano spesso i tuoi diari... ;)

      Elimina
  11. A poco a poco conosco molte sfaccettature di questo blog e del suo autore.
    Piano piano e con calma si attende.
    L'attesa deve essere equilibrata però, troppa fa un tantino male..
    Buna giornata!

    RispondiElimina
  12. E' la grande assente della nostra società: l'attesa. Non sappiamo più aspettare. Vogliamo sapere tutto prima ancora che le cose succedano. E’ come rinunciare alla vigilia e saltare immediatamente alla festa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. perdendo il gusto di vigilie intense... io parto per la Corsica il 13.. ma è già una settimana che di testa siamo là, organizziamo, leggiamo, programmiamo, spulciamo.. e un saporitissimo pre-partire .. ;)

      Elimina
  13. "Amo l'attesa" ...

    e allora non ti sarà seccato il mio ritardo...
    .
    .
    ^___*

    P.S.
    Un brano efficace, proprio perché ispirato.

    RispondiElimina
  14. Caro Franchino "Attesino" ^^, ti ho risposto da me per il banner, anche se me sa che Blogger ha risolto da solo ^^ però t'ho risposto, è che Miss Crotone non mi lascia molto tempo libero, mi totalizza.... ma vabbè, direi che non me possa lamentà ;)))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. me la sono immaginata Miss Crotone ieri davanti a Tizianuccio suo in prima serata... ;)

      Elimina
    2. Trovo solo io che il blu del vestito si abbinasse particolarmente bene al multiplatino? :-P

      Elimina
    3. Trovo solo io che il blu del vestito si abbinasse particolarmente bene al multiplatino? :-P

      Elimina
    4. .. no.. stava gran fighetto ieri sera, mi ha ricordato Jude Law in qualche atmosfera di viso..

      Elimina
    5. Uhm...forse vagamente. Ma Tiziano è meglio xD
      ps scusa il doppio commento ma in autostrada prende male e pubblica due volte xD

      Elimina
    6. ..spero solo che non stavi pure guidando.. ahah

      Elimina
  15. Finché si attende non si finisce... e il non finire ci rende eterni ma in realtà la perenne attesa è essa stessa una fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è una fine, osservato con l'occhio fine a se stesso. Ma se attendiamo - qualsiasi cosa -, anche senza che arrivi mai nulla, forniamo un alibi alla nostra disperazione.

      Elimina
  16. Io ho imparato l'attesa, e ho imparato ad esser paziente, molto più di tante persone alla fine... ma tra qui è l'amarla.. ne passa.

    Anche se so, conosco, e riconosco, quello stato d'animo dell'attesa che è il preludio al.. ma spesso i preludi son solo proiezioni.

    Insomma no, non amo l'attesa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giureresti?!.. mi sembra che la intrattieni affabilmente, l'attesa. Da lì all'amore, è un attimo..

      Elimina
  17. Dopo tutto 'sto tempo....non amo più...la tua attesa! Ciaoo!

    RispondiElimina
  18. Ora ti parlo di un'attesa appena vissuta....
    Appuntamento: ore 15,15. (logicamente, visto il periodo, dal medico; privato)
    Arrivo in anticipo, come sempre. Paolo mi "scarica". Io mi avvicino e suono il campanello. Silenzio! Via dei Mille a Novara. Tutto il sole ha brillato come non mai nel cielo novarese! Era felice (il sole) di illuminare, di riscaldare, marciapiedi, strade, balconi e noi umani che eravamo colà!
    Arriva un ragazzo, carino, in bicicletta e si ferma al portone: "Per caso abiti qui? Hai le chiavi?"
    "Sì, sì se le ho trovate, apro.!" . "Grazie, torni da scuola?" "sì'" "Che classe fai?" "prima liceo" "All'Antonelli?" "Sì" "Anche la mia nipotina, Lei è in seconda" "Come si chiama?" "Elena...." "Ah sì, la conosco: è carina e simpatica". "Meno male! E tu come ti chiami?" "Filippo" "Ciao Filippo, Buon pomeriggio.Grazie per avermi permesso di stare all'ombra!" "Arrivederci Signora!.
    Salgo nell'ascensore. Ho già dimenticato la calura! Il Signore ha creato anche l'ombra!!!"
    Primo piano. Suono. Nessun rumore di passi. Ma almeno l'infermiera....
    4,00 Mi siedo sui gradini freschi. Inizio a leggere un libro:"Il gioioso mendicante" (Louis de Wohl)
    Si spegne la luce.
    Mi alzo cerco l'interruttore. Mi risiedo.
    Riprendo a leggere,
    La luce delle scale scatta ogni due minuti.....non mi ricordavo più.
    Ritiro il libro e mi risiedo.
    Silenzio assoluto. Meditazione.....eh no! Penso: ma avrò capito bene l'ora (16,30)
    Telefono a Ada e le chiedo di telefonare al medico per essere ben informata sul caso in questione.
    Ada mi richiama (16,45) "Mamma , l'appuntamento è per giovedì 11. Adesso arriva il babbo a prenderti"
    Attesa......del mal di testa che m'è venuto!!! e non sono nemmeno incavolata, però come apro la portiera della macchina dico a Paolo: "Per piacere non dire niente!" e scoppio a ridere e lui mi imita! Ciao Franco!!

    RispondiElimina
  19. faccio parte della generazione del "tutto qui e subito", quindi vivo in modo discordante la faccenda dell'attesa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..e questo frega anche le altre, di generazioni.. non credere.. è una vita che pretende ritmi "smart" a tutti livelli...

      Elimina
  20. In genere detesto l'attesa, salvo poi rendermi conto che così facendo accelero inutilmente il tempo.
    Buonagiornata!
    Cri

    RispondiElimina

Sottolineature