venerdì 10 aprile 2015

I FIGLI DEGLI UOMINI (2006)



E' un film d'amore, I figli degli uomini.
Anche se uno dei ricordi più vivi è un piano sequenza pazzesco di guerriglia urbana con macchina a spalla e schizzi di sangue sull'obiettivo.



E' un film che dona un immenso e sempre vivo messaggio di speranza.
Anche se ci troviamo in un mondo apocalittico dove un virus non fa nascere più i bambini e gli adulti spendono gli ultimi anni di un genere destinato a sparire, scannandosi.


E' un film dove un vagito può zittire le mitragliatrici.
Anche se la disperazione si tocca con mano perché tempi, dinamiche sociali ed ambientazione sono tutte ad un passo da noi.
Dalla nostra quiete apparente e dall'egoismo che monta.

E' un film con un eroe che combatte lo sfacelo
e vede morirsi e morire gli amici più cari.



E' un film con un antieroe che non vorrebbe esserci,
condannato a salvare un briciolo di umanità residua.

Un film folle che ci tiene sull'orlo dell'abisso per insegnarci a riconoscere quel vuoto che potremmo sfiorare a breve.

Un Cuaron magistrale.   

Ed il suo premiato Gravity, un grande passo indietro.






27 commenti:

  1. E' un film che vale molto ed andrò a vedere certamente, ma non concordo su quanto affermi di "Gravity", pellicola che, pur non avendo contenuti di portata sociale, ha comunque un respiro umano e rappresenta la dimostrazione della spettacolarità, cui è pervenuto oggigiorno il Cinema, capace di regalare suggestioni senza precedenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente reduce da questa enorme pellicola, non ho potuto che constatare la pochezza di Gravity e la sua barzellettistica incoerenza nel tentare un goffo ingresso nel "meccanismo" Hollywood.
      Per "spettacolarità e suggestioni" rivolgersi a Interstellar..

      Elimina
  2. Ecco dove trascorri le tue serate.... a cinema, a vedere film vietati! ;-)
    Comunque anch'io sono un'accanita cinefila.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo combinare ottime serate mia cara... (liberi da impegni entrambi..ahahah..) ^_°

      Elimina
  3. Ricordo il film con piacere, le scene che descrivi poi erano particolarmente emozionanti, soprattutto perché di quella speranza si era tentato di fare mercimonio. La storia poi è arricchita di particolari che la rendono verosimile e coinvolgente come la vicenda di Baby Diego, e di Nigel col figlio Alex. Consigliatissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MI ha coinvolto come pochi, come storia e come cinema..

      Elimina
  4. Visto al cinema quando uscì, qualche annetto fa.
    L'ho rivisto altre due o tre volte.
    Mi piacque e mi piace sempre molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pellicole fuori contesto, ma di un futuribile che senti - timorosamente - a pelle

      Elimina
  5. a 'sto giro sono d'accordissimo. gran film, lo consigliai a UUIC quando parlava di fenomeni migratori

    RispondiElimina
  6. Non l'ho visto quando uscì. Ma per una irriducibile come me e' perfetto. Spero passi presto sui canali a pagamento! Buona giornata:-)

    RispondiElimina
  7. Non l'ho visto, Clive Owen comunque a me piace come attore, potrei quindi pensare di darti credito e vederlo.... chissà... :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh...anche a me Owen piace moooooolto come attore ;)))))

      Elimina
    2. ..tranne in quella ciofeca di Inside man...

      Elimina
  8. La descrizione è buona ma per esprimere una valutazione devo vedere il film e conoscere l'impatto sulla mia sensibilità.

    RispondiElimina
  9. davvero un bel film l'ho visto parecchio tempo fa, questo è un genere che mi piace

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia interdetti soprattutto perché non ci leggi futuro, fantascienza, apocalisse. Ma ti ci vedi quasi dentro, come coinvolto..

      Elimina
  10. Bene a sapersi Franchino, lo memorizzo subito e lo andrò a vedere senza alcun dubbio. Tu sei come Arrigoni, si compra a scatola chiusa, un nome , una garanzia..
    Baciotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, si pure lei ...na garanzia...

      Elimina
  11. Curiosa come....Vorrei sapere: ma vai tutti i giorni al cinema? e perchè le recensioni? Per una scelta o per lavoro?
    I miei film variano...questo non andrei mai a vederlo.....La tensione salirebbe alle stelle. Ieri sera su RAI 5024 c'era "Figli di un Dio minore" ecco ciò che fa per me! comunque grazie e buona serata.

    RispondiElimina
  12. na schifezza, no, non annamo propRio a vederlo
    ...ma noooo, li scarica prima ancora che pubblicano...si chiama pirateria informatica. :-)
    ovviamente scherzo...

    RispondiElimina
  13. L'ho visto in tv, bello toccante, sembra ambientato in una Iugoslavia, ai tempi della guerra e della divisione, dello sterminio etnico...
    Ma il bello, e' l'unica possibilità dell'umanità di esistere ed andare avanti e' in quel grembo di quella piccola e fragile ragazza.
    Un saluto.

    RispondiElimina

Sottolineature