mercoledì 21 gennaio 2015

IL GUFO ROTTO


Il mio sguardo uccide gli insetti, per adesso. Principalmente zanzare e moscerini.
L'utilizzo di questo talento a danno di organismi più complessi fino ad arrivare ai mammiferi è, credo, questione di fortuna e non di applicazione o volontà omicida.
Per questo mi limito solo a guardarmi in giro e fissare le persone che non mi piacciono sperando semplicemente la fortuna giri”

Folgorante, sognatore, stralunato, caustico. Davide Predosin, con una prosa in bilico tra Gene Gnocchi e Giorgio Manganelli, riesce ad estrapolare storie fantastiche dove solitamente regna l'ordinarietà più assoluta. 
L'esaltazione massima del Punto di Vista.

L'ho scoperto spulciando curiosamente avido, nell'annuale edizione di Più libri più liberi, manifestazione dedicata alla media, piccola (e invisibile) editoria, quella che apre i cassetti di tutti noi e tira fuori miracoli di scrittura. Nello stand di un corridoio secondario, dedicato agli editori più innovativi.


Ed enorme la soddisfazione quando, proprio in questi giorni, mi sono visto il mio gufetto rotto arrivare in bella mostra nientepopodimeno che sullo scaffale di Feltrinelli dedicato agli Scelti per Voi

Mi sono sentito un piccolo talent scout dall'olfatto sopraffino.


Ed ora ribalto anche voi la scoperta.   

39 commenti:

  1. Bene. Intanto cerco il libro. E poi mi applico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..se incrementa le vendite voglio la percentuale!!.. ;)

      Elimina
  2. Se il libro funziona e mi trasmette il fluido gufesco, comincerò ad esercitarmi su quel rompiscatole del guardiano ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. il gufo è rotto proprio per l'uso improprio in testa ai guardiani.. hihi..

      Elimina
  3. agente letterario Franco Battaglia a rapporto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ahah! ..io lo cerco l'agente letterario France'.. è diverso... ;)

      Elimina
    2. Sarà il caso, visto che non c'è modo di recuperare una copia del tuo libro in internet!

      Elimina
  4. Il frammento che proponi mi piace moltissimo e mi spinge a segnarmelo. Spero solo sia impreciso il tuo riferimento al Gnocchi: l'ultima volta che mi fece ridere era il periodo in cui avevo a malapena cominciato a farmi la barba... :)
    Speriamo solo che quei poteri vengano alle persone intelligenti, o siamo fottuti... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi riferisco all'ultimo, sorprendente, Gnocchi. Quello de L'invenzione del balcone.. un gioiellino imperdibile... ;)

      Elimina
    2. Forse è il destino dei personaggi-prezzemolo. Quando mi capita di leggere le sue banali battute sulla prima pagina della Gazzetta, mi viene da dirmi che se lui è divertente io sono Groucho Marx. Però mi è simpatico, e voglio fidarmi di te anche su questo. :)

      Elimina
    3. ... non è proprio il Gene della Gazzetta... intanto si aspetta tutti la tua uscita.. mi raccomando!

      Elimina
  5. ...è uno stile che mi piace moltissimo...

    RispondiElimina
  6. Potrebbe piacermi. ;)

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
  7. Io quando ero un ragazzino con lo sguardo gufesco mi limitavo a bucare il vestito di qualche fanciulla.

    RispondiElimina
  8. In questo mondo ci sono persone il cui lavoro consiste nel far ridere gli altri. E' un assurdo. Perché dovrei ridere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se mi intrometto nella discussione Franco, ma non riesco a capire il signor Gus, quando dice che e' assurdo che ci siano persone che lavorano per far ridere gli altri...
      Io penso, che ridere sia la piu' bella cosa che ci sia, puo' aiutare gli ammalati, gli anziani e le persone sole, e perche' no, noi tutti perche' ci dovremmo privare di ridere?
      Mi sembra di leggere il nome della rosa, dove il frate benedettino, chiuso nella biblioteca, diceva che non si doveva ridere, perche il riso, trasformava il viso e non era consono verso gli occhi di Dio,
      Che e' torniamo nel Medioevo?
      Beh, stasera cilicio e frustate sulla schiena.
      Un saluto Franco.

      Elimina
    2. Stavolta non l'ho capito neanch'io il nostro Gus. Perché non si dovrebbe ridere? Se c'è rimasta una cosa bella e sana è il sorriso. Ben venga chi lavora per procurarcelo, anche se talvolta paga con la vita questo tanto osare.. cilicio per tutti!

      Elimina
    3. Gus, perchè dovresti ridere? Per non essere una persona triste dentro e fuori, per prendere la vita con più leggerezza, per vivere meglio. Poi vedi tu!
      Xavier

      Elimina
  9. Grazie per questa chicca! Irresistibile il piccolo stralcio che hai selezionato...mi hai incuriosito e così ho cercato in rete e trovato un racconto inedito dell'autore "Carrozza 105". Forte Predosin!!!
    Ma io ti ho detto di fatto che non mi sono fidata del tuo olfatto visto che sono andata a spulciare anche altrove no??? ;-b
    Grazie davvero, non me lo lascio sfuggire questo!
    Un saluto carissimo talent scout!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Quando instillo curiosità vuol dire che stuzzico le corde giuste... ;)

      Elimina
  10. Non conoscevo, e ti dico che potrebbe piacermi!!^^

    Moz-

    RispondiElimina
  11. Segnato... Al primo giro da Feltrinelli sarà mio. Non fosse altro che per "fare agli altri quello che vorrei fosse fatto a me" ;-)

    RispondiElimina
  12. Io vorrei tanto scoprire, ma in questo (lungo) periodo non riesco a leggere.... non so come mai, ma mi risulta difficilissimo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non trovi niente che possa interessarti. Il libro in fondo è il pensiero di un altro.

      Elimina
    2. Forse accade perchè sono le 'scelte' a fare la differenza.
      La maggior parte del mondo abituale sta
      con il nero e il bianco insieme,
      insomma un coperchio per ogni pentola
      pur di aver una vita tranquilla, ma l'adrenalina
      che distingue i giorni (spesso anche nella sofferenza)
      è la fedeltà a una 'scelta' che
      ti costringe a schierarti e a rimanere 'vivo',
      come diceva Oriana Fallaci, sempre con il fucile
      in mano alla finestra, a difesa dei tuoi valori.
      Vero è che spesso le persone a sostegno
      delle stesse scelte, possono fare la
      differenza, anzi, ci sono momenti
      in cui sono necessari per non 'mollare il passo',
      ma l'Amico per eccellenza è sempre uno solo
      e Lui non ci abbandona. Mai.

      Elimina
    3. Diamanta fatti sempre solleticare.. da tutto quello che ti ispira.. e non dar retta a Gus, che ce l'ha coi libri ma ti cita una scrittrice. I pensieri degli altri possono solo arricchire il tuo, che ne andrà ad arricchire un altro... ;)

      Elimina
  13. Talent scout tipo Pippo Baudo, che ogni due per tre "l'ho inventato io!"? ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..ehhh.. magari! Ma 'sta cosa di Predosin mi ha colpito particolarmente...

      Elimina
  14. Esistesse davvero un fluido capace - non dico di ammazzare - ma di allontanare gli stupidi, mi fionderei ad acquistarlo immediatamente ^__*
    Ciao, Franco, a rileggerci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un raccontino paradossale esposto con disarmante normalità. Questa una delle peculiarità di questo ragazzetto...

      Elimina
  15. Ah, è questo il libro che hai citato sul mio blog dunque.
    Buono a sapersi...

    RispondiElimina
  16. non è che lo scannerizzi e me lo mandi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che oltre al gufo.. me s'è rotto pure lo scanner!!! ;))

      Elimina
  17. Manderò nonna Bea in missione, il libro sarà mio :-)
    Ciao!

    RispondiElimina

Sottolineature