sabato 31 gennaio 2015

E SE CHIUDE IL RE DEI BLOGGERS?!?



No ragazzi, non parliamo di Moz, ma di Andrew Sullivan, il creatore di The Dish. 
Uno che quando ha cominciato a bloggare Moz c'aveva davvero dodici anni anche se già digitava post sul citofono di casa.
Voglio tornare nel mondo reale” uno dei motivi addotti.


E qui mi ha fatto storcere un attimo il naso. E' stato nel mondo delle favole per quindici anni?
Mi interessa il vostro pensiero a riguardo, esserini virtuali inesistenti che schiacciate compulsivamente tastini scambiando opinioni con creature digitali impalpabili.
Chissà se quando s'è arricchito (realmente) con l'abbonamento in crowdfunding (microfinanziamento dal basso: come se Moz ci chiedesse un euro a trimestre per leggerlo - e io glielo darei pure -), l'ha trovata poco reale la villa che s'è costruito in riva all'oceano.
Comunque, ognuno è libero di fare ciò che vuole ma “voglio trascorrere del tempo vero coi miei genitori”, a me personalmente fa un po' ridere...



56 commenti:

  1. Magari il tizio su Internet ci passava davvero 24 ore al giorno e si sarà rotto le scatole.
    Noi siamo blogger da strapazzo mica ci campiamo con questa roba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. apposta perché ci campi (e bene) dovresti fare meno il pirla... per mangiare/benzina/vestirmi/mutuo/bollo/assicurazioni/bollette etc etc mi parte la gran parte della giornata che vorrei occupare in millemila altre cose (anche trascorrere del tempo "vero" coi miei genitori). Peccato siano tutte attività molto remunerative, queste ultime, a livello di spirito, ma affatto traducibili in moneta di scambio alla cassa del supermercato... ;)

      Elimina
  2. Non lo so Franchi'. Forse era lui che viveva in maniera distorta la realtà virtuale.

    A me mi mancate già tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. pure Moz è obbiettivamente distorto (e je tocca pure lavora'.. ).. tu vedi de riapri' er blog intanto, senno' te segnalo a tutte le HR del mondo.. eheh..

      Elimina
    2. No, ma non te le dico di-Etro... :)

      Elimina
  3. Che stronzata che ha detto. La vita reale è sprechi "reale"? Che so, al lavoro siamo reali? Questo qui, che non conoscevo, è un coglione totale. Non è che stava in lotta continua?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insieme a Erri?!? ahah.. ma sei monello!!

      Elimina
  4. Andrew Sullivan non lo conosco, quindi non è un re. Sarà una regina di picche.
    Moz è un professionista. Su qualsiasi blog della rete va a piazzare il suo faccino da dodicenne alla ricerca di chi intervistare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per Gus c'è un solo re, e lo sappiamo.. ma di re in terra ce n'è a bizzeffe.. certo non possiamo conoscerli tutti.. e se a Moz gli dai del professionista potrebbe offendersi.. io credo realmente che lui sia "solo" ferocemente appassionato...

      Elimina
  5. Io gli do ragione sinceramente. Le frasi "voglio passare più tempo con i miei genitori" fanno molto americano, ma per il resto internet è estraniante. Non conosco molto di questo Sullivan (anzi nulla), ma penso che il web non sia solo contribuire a far crescere la rete, ma portare la rete anche fuori.
    Ne parlerò, ma intanto stacco :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la rete mi ubriaca il conto in banca ce ne passo pure quindici di ore: mi diverto e m'arricchisco. Un piccolo Totti praticamente.. ahah

      Elimina
  6. Mi sa che vuole passare del tempo a spassarsela nella sua villa con donnine & champagne, altroché con i genitori. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuoi mollare molla.. ma non ci fare la morale sul virtuale e il reale..

      Elimina
  7. Risposte
    1. Che infatti pure uno sticazzi virgolettato non ce sta male... :)

      Elimina
  8. vabbè ha detto che sta mal messo in salute, i soldi li ha fatti, mi sembra rientri nella mentalità tipica americana, che poi alla fine dei giochi, ti ritiri nella villa in Florida, ci sta.
    Discorso diverso per chi, come penso, la maggioranza di noi, fa tutt' altro nella vita, e qui ci passa del tempo, in maniera ludica, poi arriva il perido delle vacanze o altri fatti ed il blog va congelato, lui ci campava e queato sì che logora...anche io agli inizi del mio lavoro mi divertivo( eeehhh lo so, pensate che sia folle, ma lo giuro) adesso due palle...vorrei andare in pensione e ritirarmi nella mia villa sul mare ...O_o scherzavo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io no invece: voglio REALMENTE andare in pensione e passare un saaaacco di tempo sul blog... ;)

      Elimina
  9. A me fa pure piangere dalla rabbia Franco, altro che mondo reale! E poi 'sto re dei blogger..ah..saranno le medicine..ma sto diventando paurosamente sboccata compulsiva..
    Non stiliamo classifiche, blogghiamo finchè ne abbiamo voglia, tranne la sottoscritta, che è stata presa da raptus di improvvisa chiusura fermata da questi atroci lavori sulla carta , che mi fanno bene se mi fanno esprimere liberamente. Sconosciuti virtuali a parte che spesso valgono molto di più che i reali...
    Un po' sciroccata lo sono, scusami amico mio...ti auguro una splendida domenica e un abbraccio sincero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo e sottoscrivo: un sacco di virtuali si rivelano molto meglio dei reali che snobbano il virtuale.. ;)

      Elimina
  10. Credo che un bel giorno Sullivan si sia accorto di trascorrere tutto il suo tempo davanti al pc, senza lasciare spazio ad alcunché, che è veramente un'aberrazione; ma la distinzione fra "reale" e "virtuale" mi fa ridere, in quanto dietro a un computer c'è un essere umano in carne ed ossa e dunque (a meno che non si tratti di un perditempo oppure di un pagliaccio) che merita rispetto e possibilmente verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avrei rispettato Sullivan sulla base di altre premesse... non sulla marea di sciocchezze che ha tirato fuori.. sputazzando sulla ricca tavola che si è imbandito col tempo...

      Elimina
    2. Infatti, non merita rispetto, perchè facendo distinzione fra reale e virtuale ha dimostrato di non aver capito un tubo.

      Elimina
  11. Ahaha, e se davvero chiedessi dei soldi? Secondo me mi leggereste in 10 :p
    Comunque, non so chi sia questo tizio, non capisco le sue dinamiche né quelle di quanti guru-blogger stranieri hanno deciso, ultimamente, di chiudere i commenti...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...basta che non esageri e non tiri fuori la storia di Cipro che quella c'ha il copyright...

      Elimina
  12. Secondo me sarebbe stato più onesto nel dire che s'è rotto le balle. Se stiamo ancora qui, nell'era dei social network, a parlare di reale e realtà non abbiamo capito molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha toppato l'uscita. Come certi olimpionici alle parallele...

      Elimina
  13. Beh, dai, vorrà vivere di rendita. Chiamalo fesso xD
    Io non lo conosco, ma magari davvero viveva solo ed esclusivamente per il blog e non aveva altra vita. Quindi, fatti i soldi, costruite le ville, adesso se le gode pienamente. Chissà, certo è triste quando un blog chiude...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo chiamo fesso, ma un po' stronzetto si..

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  14. Onestamente Framchi' non me ne può fregare di meno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. m'interessava il pensiero a riguardo di voi "inesistenti"

      Elimina
    2. Io più che inesistente so' de "sostanza" ahahah

      Elimina
  15. non sapevo chi fosse... e continuerò a ignorare bellamente la sua esistenza! ;)

    scherzi a parte, come dici te... si è stancato della vita virtuale e ne vuole una reale... scommettiamo che quando si troverà a corto di soldini ritornerà sul suo blog!?!? comunque... Moz... questo tuo aspetto di scrittore di post sul citofono mi mancava!! ahaha!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Moz ha scritto per anni sul citofono, e il suo primo corto è andato in onda su un videocitofono...

      Elimina
  16. io non so di chi tu stia parlando...
    ignorerò gioiosamente per un altro pezzo chi lui sia, e la sua chiusura non mi impensierirà minimamente... anzi...
    più posto per noi, no?!
    :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto.. che in blogosfera si sgomita ormai...

      Elimina
  17. Sarà che spesso ci si prende tropo sul serio? E si finisce per credere di essere unici, insostituibili, fino a perdere la bussola? Il punto è che, secondo me, questa situazione si può verificare in qualsiasi contesto, non soltanto nel web. Perdere il contatto con la realtà, è quanto di più semplice possa accadere se si è presi troppo da se stessi. Villa compresa... -_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perdere il contatto con la realtà può accadere e si rimedia. Perdere le chiavi del Porsche può risultare più problematico...

      Elimina
  18. Beh leggo qui: http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/2015/01/29/pioniere-dei-blogger-getta-la-spugnafine-era_cb7d32a7-9008-41a3-8b7f-481ac09c549b.html
    una certa frase che dice: Gay, cattolico, thatcheriano e poi neo-con ma transfuga nelle file democratiche dopo il flop della guerra in Iraq considerando quel cattolico concludo che è meglio che chiuda...
    Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il gay col cattolico che non ti sconfiffera, o il cattolico che bloggeggia? ;)

      Elimina
    2. Il cattolico che bloggheggia, credevo che fosse ovvio...
      I gay hanno tutta la mia simpatia e stima...
      C'è stata una persona (la psicopaticaper intenderci) che diceva che sono una trans pittrice...Io non mi sono mai offesa anzi ...
      Buona domenica caro amico

      Elimina
  19. Però dai, voler passare più tempo coi genitori mi sembra un ottimo motivo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la sottolineatura de "il tempo VERO" che mi fa sorridere amaro.. hai finto sapendo di fingere per quindici anni? Hai perso la cognizione di vero/falso o non l'hai mai veramente considerata?

      Elimina
  20. Io sono d'accordo con Andrew. Io non sono nessuno in confronto a lui, ma spesso vivo quel bisogno di andare offline... e lui, che con l'online ci si è fatto un nome e un conto in banca, a mio avviso, c'ha lo stesso diritto di staccare la spina. Ci sarà un giorno in cui non esisteranno più solo hotel con wifi gratis, ma posti creati di proposito per staccare la spina... e credo che ciò sia tutto dire.

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non contesto il diritto a staccare la spina. Ma il considerare fasullo il mondo virtuale - come se non sapessi che c'è un Ispy che passeggia in spiaggia - ^_*

      Elimina
  21. Io questi che dicono che vogliono tornare a vivere nel mondo reale davvero non li capisco.
    Che cavolo significa tornare a vivere nel mondo reale? Nella realtà io vivo ogni giorno, mi alzo dal letto tutte le mattine alle sei, vado in università, esco con il mio ragazzo, leggo, scrivo, viaggio e scrivo anche in un blog, perchè anche un blog è vita reale. Probabilmente a questo tizio ora che ha fatto i soldoni il mondo del web sta molto stretto oppure non sa più distinguere il mondo reale dalle pippe mentali che si è sparato fino ad ora.
    Ciao
    Xav

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poco da aggiungere Xavier: hai centrato lucidamente il mio pensiero. ;))

      Elimina
  22. Se chiude il re dei blogger, ci resto male ma così male...che organizzo una festa!
    Ciao, mattacchione ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo portiamo all'Angolo il pirla... ahahah

      Elimina
  23. il termine tecnico, mutuato da discipline trasversali-interculturali-intergenerazionali-interazziali, che ritengo sia opportuno per questa dichiarazione è (e qui sarebbe probabilmente meglio aggiungere un imho) :paraculata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ammuina".. direbbero a Napoli (ma anche a Palermo..). Forse tutta scena per rivitalizzare... gli abbonamenti!! ;)

      Elimina
    2. siiiii
      in un momento in cui il de-social è al centro di un sacco e una sporta di dibattiti socio-psico-antropologici
      ti vuoi sloggare? sloggati!
      ti vuoi slogare? fai due passi con me ed è un attimo!

      per il resto
      "il re è morto" viva il re!"

      Elimina
  24. Non conosco il tipo in questione: diciamo che anche tenere un diario (blog) può portare ad eccessi, saturazioni, dipendenze.
    Si sarà stufato.
    O forse qualcosa è cambiato nella vita di tale spippolatore di tastiera.
    Forse si è solo reso conto che gli homo hanno vissuto migliaia di anni senza rete e senza diari in linea.

    RispondiElimina
  25. Sai che io lo capisco con quella frase?
    Non perchè questo mondo non lo sia, ma perchè con l'andare degli anni questo mondo è cambiato e si è riempito sempre più di gente che nel reale non frequento (si lo so.. dicendolo appaio arrogante, ma chissà forse lo sono...).

    La tipologia di persone della rete è cambiata, e tanto, del resto se quando ho preso il primo collegamento in rete trovavo il 4% delle persone del reale e ora trovo che son 29 milioni (potenza degli smart), qualcosa è cambiato.

    Io lo capisco sai e tanto, poco tempo fa ho scritto che ho avuto le stesse perplessita e una parte di me ancora ha questo istinto ad andarsena da qua, solo che un'altra mia personalità non vuole rinunciare alle belle persone trovate :)

    RispondiElimina

Sottolineature