sabato 8 novembre 2014

UN FENOMENO DI ...COSTUME



All'inizio, l'arredo umano cinematografico, era “solo” una questione di costumi, ma era logico che, specialmente con l'avvento del colore, la componente civettuola si facesse strada ed a quel punto (e croce) il fashion designer si è calato sempre più nei panni del costumista e la piega, si è, potremmo dire... plissettata, stile gonna della Marilyn in Quando la moglie è in vacanza, e che tutti noi ricordiamo nel suo micidiale svolazzo sexy.
Anzi, il cinema è diventato mezzo principe di pubblicità e diffusione, per tutto ciò che concerne il messaggio stilistico.


Oggi i grandi disegnatori di moda preferiscono anche un solo red carpet a cento anonime sfilate.

E con l'occasione non vorremmo fare solo un cappotto 
(di Astrakan o di cammello come insegna il buon Marlon) alle nuove tendenze, confezionando un attillato drappeggio delle peggiori frange d'eleganza, spulciando per bene nel guardaroba, ma senza fare spalline, sia chiaro, e senza neanche nasconderci dietro un paravento.


Possiamo serenamente affermare che moda e costumi si sono cuciti il loro spazio dando filo da torcere e confondendo spesso le acque all'utenza più candida... e non temiamo di rimanere troppo abbottonati svelando che, ad esempio, con i film di cappa e spada, di tuniche, spolverini western, mosche di velluto, crune dell’ago per finire ai cacciatori di taglie, o ai sotto il vestito niente (ma proprio niente, neanche il cinema.. hihi!) a quali vestiari ci si riferisca, siamo abbastanza elasticizzati da non fare brutti figurini.


Ma ora è meglio una chiusura lampo per questo post, prima che prenda una brutta piega, del resto chi ha stoffa ha ben compreso il messaggio: l’abito ha sempre fatto il monaco, altroché... ;)


34 commenti:

  1. Franco ma 'sto post come ti è uscito ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il mio spirito cinematografaro accorpato alle mire abbigliatare solitamente soddisfatte la domenica mattina presto a Porta Portese (famosa credo anche a Milano..)

      Elimina
  2. Sì, l'abito fa il monaco. In un mondo dove è scomparsa l'appartenenza l'apparenza detta legge solo l'apparenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra un po' c'affideremo a un layout personalizzato (apparentemente) pure quando apriremo bocca. Ma sarà sempre uno standard.

      Elimina
  3. L'abito fa il monaco, ma sta a noi cucirci quello giusto!!

    RispondiElimina
  4. L'abito fa più che altro la fortuna di chi lo vende. E di chi riesce a imporre stupide mode grazie al pecoronismo del pueblo... :)
    Io la penso come Erasmo da Rotterdam: prima libri, poi cibo, poi, forse, se avanzano soldi, qualche cazzo di straccio da mettersi addosso...

    RispondiElimina
  5. p.s. del resto, me ne vado tranquillamente in giro a commentare... in canottiera estiva. :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. M'anfatti.. e te la poi mette pure oggi 8 novembre, a Roma... mo' ritiro fori pure l'infradito.. ahah..

      Elimina
  6. Felpa e jeans, sia per uomo e sia per donna, sono la cosa migliore. :D

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
  7. Complimenti Franco: vedo che sei molto bravo a giocare con le parole adattate al tema del post.
    Comunque, per me, essere fuori moda è il modo migliore per essere alla moda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..tanto la moda è ciclica.. dopo un po' ti ritrovi trendy con la stesa roba che non hai mai cambiato...

      Elimina
    2. Anche Remigio ha capito alcune cose.
      Eheh

      Elimina
  8. Hai scritto un post geniale.
    E ti sto commentando in pigiama, che è sabato per tutti XD

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove c'è pigiama c'è casa... me sa che lo già sentita questa.. ;)

      Elimina
  9. Oggi a Roma si sta da dio. A Fra' mi stupisco sempre piu'. A quando la carriera di fescion blogger? Ahahah

    RispondiElimina
  10. Franco mitico in questo post con l'infradito e i bermuda,mentre qui al nord siamo con piumotti, cappotti e fagotti...pronti per la prossima ondata di piena....
    Bacio da diluvio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accidenti, leggo cose turche.. pure le trombe d'aria... siete flagellati... in bocca al lupo per tutto!!!

      Elimina
    2. Fescionblogghe mai.. al massimo li posso prenne in giro... !!

      Elimina
  11. Io direi che ora lo facciamo leggere a quei tipi di Real Time che cagano il ciufolo a tutti riguardo le loro abitudini nel vestire.

    RispondiElimina
  12. Che poi metà dei vestiti alle sfilate o sul Red Carpet..io li trovo terribili.
    Ma tuta e felpa..mai nella vita xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..acc.. devo dire a Maurizio di cambiare regalo.. ahah!

      Elimina
    2. Lo so già che le odia... per lei solo abiti firmati! ^^ ihihi, però se li compra da se! :))))))

      Elimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Sei riuscito a mettere a nudo il cinema parlando di vestiti. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..il cinema nasce nudo.. a volte me lo agghindano pure troppo.. ,)

      Elimina
  15. Questo post è un esercizio di scrittura meraviglioso.

    RispondiElimina
  16. Acuta e ironica disamina sui rapporti fra cinema e industria dell'alta moda.
    Complimenti per l'impeccabile articolo, scritto come sempre con mano maestra ^__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..grazie! Anche se a volte devi fare "sarti" mortali...

      Elimina
  17. Un bel pezzo "su misura" insomma ^^ E il messaggio, forse, l'ho compreso pure io, anche se di stoffa non so se ce l'ho... ma al limite la compro :D

    RispondiElimina

Sottolineature