martedì 18 novembre 2014

"SMITH & WESSON" Ariecco Baricco!


Un lampo nel buio. Una pièce fucilata che tira dritto.

Niente curve o rallentamenti.
Baricco nel suo stile a raccontarti la vita come viene,
come la vede fuggire via.

Squarci fulminanti, romanzi fiume a cascata iperbolica, cento film in ognuno di quei 21 giugno a racchiudere mondi incredibili.

Poi luce poi buio poi silenzio poi frenesia
poi ancora serena coscienza. 

Traslucida analisi.

Il teatro di Baricco è come il suo cinema: evocativo. 
Immaginifico  come le sue pagine.

Avrei voluto essere in quella sala di teatro a farmi avvolgere di vapori e carillon.

E - magia - c'ero.

47 commenti:

  1. Io no. Non c'ero. E penso che non ci sarei stata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. appoggio in pieno. se l'Italia non avesse Baricco sarebbe un paese migliore

      Elimina
    2. Ma che non t'hanno preso alla Holden?! ;)

      Elimina
    3. guarda, essendo torinese di formazione conosco bene quel movimento. ma non è di quello che voglio parlare.qualcosa di Baricco ho letto, ed è completamente illeggibile. roba senza alcun senso, alcuno. ma quello sarebbe il meno. il problema è che Baricco è L'INTELLETTUALE piegato al potente per eccellenza. alterntaivo, ma non troppo. e quando arriva quello che spacca (Renzi) lo annusa prima e si appiattisce totalmente. è anche per gente così che questo paese è fottuto.

      Elimina
    4. Io l'avrei visto Baricco alla Cultura.. ma ha fatto marcia indietro da solo (senza appiattirsi poi troppo).. eppoi Renzi l'ho votato pure io. A suo tempo. Ora è un'altra storia. ;)

      Elimina
    5. a Torino 20 anni fa o era venerato o stava sui coglioni.

      Elimina
    6. Povero Baricco. Fabio Volo è peggio, dai...

      Elimina
    7. Oddio, Baricco alla cultura. Ma sto mangiando eh...

      Elimina
    8. Baricco lo vedrei bene in Uzbekistan. fuori dai coglioni insomma

      Elimina
    9. Noi cerchiamo proprio questo da Baricco, vogliamo renderci indistinti e spiazzati “..è come vedere vincere il monco, all'ultimo colpo, quattro sponde, una geometria impossibile” (eccolo il Nolan della carta stampata...); mentre l'Hervè di Seta vola in Giappone, sepolto dagli sguardi di un amore simbolico e totalmente immaginato, a frantumare il cuore contro le distanze, noi piccoli Hèlene radicati a Lavilledieu, manchiamo il cardine dell'irrequietezza di Hervè, l'ombra del sogno che lo rende vulnerabile, e rimaniamo a salvaguardare il nostro giardino coi suoi piccoli fiori delicati, salvo vederci lungo alla fine, perché ci appaghiamo di “sogni/pretese”.
      Volete toglierci anche le nostre storie adesso?
      Non vi ci provate. Mandaci Mazzarri in Uzbekistan.. già fatto dici? ;)

      Elimina
    10. ok, dopo questo tuo commento, lo dico

      l'Italia è finita

      :-)

      Elimina
    11. Hai ragione... e non mi aspetto miglioramenti.. Neanche dal derby.. ;)

      Elimina
  2. Risposte
    1. E' uno che se gli fai leggere il Vangelo in Mondovisione ti converte mezzo Islam in due/tre ore.. ;)

      Elimina
  3. Chissà perché... a me Baricco piace più quando parla che quando scrive.
    Ho detto un'eresia? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu no. L'eresia l'ha detta Diamanta qui sotto.. eheh..

      Elimina
  4. Ammetto non ho mai letto nulla di suo, e di conseguenza non dico nulla.
    Ho ascoltato in televisione in suo "pezzo teatrale" e si diciamolo è bravo, un pò lento in alcuni momenti, ma bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il consiglio è Questa storia. Ma potresti trovare Seta in cartaceo a tre euro. In digitale no. Ti deve frusciare tra le dita e scivolare sugli occhi...

      Elimina
    2. ..e ora ti consiglio anche La Sposa giovane... ;)

      Elimina
  5. Stai bello "furminato" cò Baricco eh? ^^
    Ahaha, scherzo, e il teatro in genere è molto bello... molto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' come voi co' Tiziano.. ahah!

      Elimina
    2. No no, Tiziano è roba sua, io penso solo a Gervinho :D

      Elimina
    3. Non nominate Tiziano senza il mio permesso xD

      Elimina
    4. A Maurizio mettigli sulla torre Tiziano tuo e Gervinho suo.. così vediamo se è amore vero.. ahah..

      Elimina
  6. Non tutto (quel che ho letto) di Baricco m'è piaciuto^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono presunti bariccofoli che non hanno letto Novecento o Questa storia. Bocciati. ;)

      Elimina
  7. Ho letto un solo libro, forse nemmeno il migliore. E' vero che ci marcia, nel senso che il suo stile di scrittura "acchiappa" pure chi non è abituato alla lettura, lui lo sa e spinge sul quel tasto però a me non dispiace. Anche se dovrei approfondire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un solo libro (anche se il migliore, che per me è Questa storia "Se ami, qualcuno che ti ama, non smascherare mai i suoi sogni. Il più grande e illogico sei tu!") non basta.

      Elimina
  8. Baricco ed io? Incompatibili. Letto e straletto. Scivola via senza lasciare traccia. Riesco a nominarlo solo per un titolo amato: Novecento. Il resto e' nulla. Franchi' mi spiace ma non lo reggo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Baricco crea lui lo spazio, la musica, il tempo, l'odore della stampa e quello della camera dove viene assaporato. Crea nuovo senso al tatto, nuovi orizzonti all'occhio affogato di riga imprevista e nuova percezione a cuore e mente subbugliati al solo fruscio di pagina che si volta, ed in libreria, mentre spulciamo scaffali, gli altri libri si autoemarginano, avvertendosi insulsamente di troppo... nei suoi scritti c'è voglia di disarginare oceani di pessimismo ed un attimo dopo, con uno schiocco (lieve) di dita, ripristinare la speranza. Ma c'è di più, c'è la necessità di non perdere mai il senso e la misura di tutto ciò che accade, di non confondere gli entusiasmi con la felicità e tenerli ancorati alla depressione, di non abbattersi di delusioni ma restare aggrappati ad Icaro che costantemente ci fa svolazzare oltre tutte le nubi" Franco Battaglia - Baricchismi -

      Elimina
    2. Mica mi hai convinto eh...

      Elimina
    3. Tu come me fan di De Luca, sei già a posto così.. ;) un bacio!

      Elimina
  9. MI associo a quanto ha detto Giovy: lo preferisco parlante, tuttavia sono pronto a giurare che è un ottimo scrittore.

    P.S.
    Solidarietà fra blogger maschietti ^___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la solidarietà. Baricco si odia o si venera, solitamente.
      Conosce le corde sensibili. Posso commuovermi leggendo un Baricco. Posso accedere in un mondo dalle mille entrate, perché tante ne forgia Alessandro. Crea il lettore attivo. E l'ascoltatore attivo, Come giustamente fai notare. Il Nolan denoantri (non ho detto Tarantino sennò scatenavo l'inferno.. eheh..)

      Elimina
  10. Ho preso il libro, non per me, ma per mio fratello che, se leggesse le tue parole, ti farebbe una statua. Una delle nostre maggiori querelle culturali ha come protagonista proprio Baricco e le sue opere. Puoi capire chi dei due sia l'avvocato difensore!

    RispondiElimina
  11. Non credevo che Baricco potesse suscitare reazioni così tanto diverse. A me piace, però. Ha un non so che..che mi colpisce. Poi son gusti, la scrittura è bella proprio perché riesce a suscitare tante cose diverse con una sola frase e con una sola frase, ancora, si possono riscontrare emozioni contrastanti già solo modificando il modo in cui è costruita.

    O no?^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Baricco piace pure come và
      a capo. ;)

      Elimina
  12. Mmh.. Non lo so.. Quasi quasi... Me ne pentirò, lo so, e ti darò la colpa.
    u.u

    RispondiElimina
  13. Baricco non riesco a farmelo piacere.
    Ciao

    RispondiElimina
  14. mah.. se posso esprimere la mia, non capisco tutto questo accanirsi contro Baricco. C'è di peggio, ma mooooolto peggio. Io lo salvo.

    RispondiElimina
  15. ..e io me lo tengo bello stretto.. eheh..

    RispondiElimina
  16. ok chiudo gli occhi e via, mi butto a capofitto nel mischione.

    Baricco si/Baricco no

    Baricco è bravo, dannatamente bravo ma....
    si piace troppo per i miei gusti.
    io lo leggo e sento che lui, scrivendo, si sta leggendo e compiacendo di ciò che scrive e legge.

    e allora chiudo il libro e dico "va bene, ho capito, vi lascio soli!"

    RispondiElimina
  17. Dannatamente, si. E guai se non fossero da soli Alessandro & Baricco mentre scrivono, un po' Smith & Wesson, sbruffoni e potenti. Armati dell'arma più terribile che c'è: il sogno. ;)

    RispondiElimina
  18. Eccomi ancora sul luogo del delitto ^__^
    Io non ho letto molto di Baricco, né è tra i miei preferiti, ma devo riconoscere che è uno scrittore fantasioso, immaginifico e affabulatorio, qualità che emergono ancor più quando fa una lezione o una conferenza.
    Ricevuta la mia mail al recapito alternativo?

    RispondiElimina

Sottolineature