giovedì 23 ottobre 2014

Trent'anni col Restivo di dieci

Restivo sta scontando 40 anni (reali) di carcere in Inghilterra per l'omicidio di una donna.
La Cassazione lavora, scartabella, archivia, timbra, e gliene appioppa trenta , in Italia,
per l'omicidio di Elisa Claps.



Poi parlano dei tempi lunghi (e inutili) della Giustizia.

31 commenti:

  1. Che poi in Italia quel caso mica è tanto chiaro... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il punto non è il chiaro o non chiaro. Il punto è: non abbiamo nulla di meglio da fare qui? Oltre a premiare gli amministratori di Genova o insistere su processi inutili? Io sbatterei dentro il legale difensore che parla di ingiustizia per i trent'anni affibbiatigli ieri in via definitiva? Glielo hanno detto che sta già dentro il suo cliente, e che non esce?

      Elimina
  2. Dopo i 40 anni in Inghilterra tornerà in Italia per gli altri trenta. Questo Restivo si è assicurato 70 anni di vitto e alloggio gratuiti. Chiamalo fesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando tornerà, se tornerà, ne avrà oltre settanta. Anche se ne stanno chiedendo l'estradizione perché, come noto, trent'anni qui durano più di quarant'anni lì; sai com'è, magari l'alimentazione, oppure l'ora legale, sicuramente il clima.

      Elimina
  3. ma che strana questa cosa, veramente.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. E noi che ancora ci stupiamo..

      Elimina
    2. C'era pure la chiesa a difendere quell'assassino

      Elimina
    3. Si l'ergastolo è una pena eccessiva. Per una mela però, la Chiesa ci ha condannato per l'eternità.. punti di vista evidentemente...

      Elimina
  4. io metterei in galera pure chi l'ha coperto per tantissimi anni dopo che aveva già ucciso la povera Elisa, permettendogli in questo modo di fare un'altra vittima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La chiesa (intesa come edificio.. cosa avete subito pensato!..) è come la casa: nasconde ma non ruba.

      Elimina
  5. Dovessero mai gli inglesi fargli uno sconto importante di pena, avrebbe qualche altro decennio da scontare in Italia. Basta chiedere l'estradizione e sarebbe in carcere qui.
    Non è sciocco né inutile quello che fa la Cassazione. Forse lento, ma non senza senso.

    RispondiElimina
  6. Sono infinitamente più propenso a credere che l'eventuale sconto di pena, in caso, lo faremmo noi. Io spero che l'estradizione non venga concessa, come anche che l'intero sistema giudiziario nazionale venga regolamentato ex-novo da un... norvegese. ;)

    RispondiElimina
  7. Un'altra porcheria. Sono stufa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. io ero già stufo prima, ma stiamo arrivando - tutti - alla passività, all'inerzia, alla rassegnazione... o quel che è peggio - come spiega Mia Euridice - alla giustificazione.

      Elimina
    2. Sono stufa e incazzata come sai. Ma non mi arrendo e non giustifico.

      Elimina
    3. Ha ragione Francesco. L'ignavia ci tiene al guinzaglio. Stiamo qui coi nostri blogghetti, la pizza, il cinema, il calcetto.. finché avremo la pancia piena la nostra sarà indignazione/spettacolo. Molta scena, pochissimo costrutto.

      Elimina
    4. Non ho capito il collegamento con me Franco. Io il mio blogghetto lo uso pure per denunciare. Devo prendere il bastone?

      Elimina
    5. Ahah!.. ma no carissima.. ce l'ho un po' con tutti noi - ad iniziare da me - che denunciamo tanto ma non succede un bel nulla... e li riandrò a votare come sempre, 'sti cialtroni... :(

      Elimina
  8. è il classico malfunzionamento dell'Italietta e purtroppo non siamo in grado di cambiarlo :-(

    RispondiElimina
  9. Esatto. L'italiettadi Renzi che dice: "Servono due miliardi? Eccheccevò .. mo' non c'ho spicci, ma stanotte aumento benzina, iva, luce, gas, autostrade e telefono e domani te ne porto tre.." :((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però "Non abbiamo aumentato le tasse"! Eccerto mi freghi sui consumi però mio caro Fonzie!

      Elimina
    2. Oppure eliminano una tassa e ne istituiscono una uguale ma più pesante e con un nome più appetibile (?)

      Non fa una piega.
      W l'Italia ^.^

      Elimina
  10. E lo chiamano bel paese. Qua di bello non c'è rimasto manco il mare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo le Maldive hai voglia a farmi girare per l'Italia.. ;)

      Elimina
  11. > "Stiamo qui coi nostri blogghetti, la pizza, il cinema, il calcetto.. finché avremo la >pancia piena la nostra sarà indignazione/spettacolo.

    'A rasote'... gnente-gnente... ce l'avessi con me?!
    .
    .
    .

    ^___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "rasote'.." è meraviglioso .. si, siamo rasoterra, e tra un po' sepolti di impotente insofferenza. Ce la ridiamo amaro. Finché ne avremo forza e possibilità.

      Elimina
    2. Sul riso amaro...pienamente d'accordo, oltretutto è un bellissimo film ;-)

      Elimina
  12. Non ho seguito la vicenda e ignoro quasi tutto di essa.
    Non ho capito la pagina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Strano perché state sempre sul pezzo su sprechi e svarioni dello Stato italiano.. e questo è un classico.. in soldoni: abbiamo ritardi mostruosi su tutte le cause, civili e penali, e perdiamo tempo a ricondannare un già condannato.

      Elimina
    2. Grazie per la precisazione, franco.
      Diciamo che non posso (o possiamo, usi la persona persona plurale) stare su tutte le incoerenze, su tutti gli sprechi.
      Del resto, se pensi, ha anche un senso che la magistratura italiana arrivi alle sue conclusioni. Supposto che vogliamo pensare ancora ad una qualche identità e sovranità italiane (l'identità è ancora da fare, passati 150 anni).

      Elimina

Sottolineature