domenica 22 giugno 2014

IL PAPA SCOMUNICA I MAFIOSI

Previsto un risparmio netto di due/trecento milioni di euro in ostie.


Altro che IOR da abolire.. eccoli i risparmi vivi...

Oddio, poi ci sarebbe anche quell'appello di Papa Francesco a liberare i conventi in disuso o dismessi da utilizzare per gli immigrati... ma lì suore e frati sembra abbiano fatto orecchie da "mercanti" del tempio...

è dura France'.. è dura... c'ha ragione Bertone che se ne sta chiuso a "casetta" sua...

37 commenti:

  1. Sai che ti dico? Che questo papa mi ha rotto un po' il cazzo, che e' tutta teoria to pratico non si vede una cippa, anzi mi pare solo marketing e basta... Chiedilo a loro !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... un po' come dire che fino all'altro ieri gli scioglitori di bambini in acido godevano comunque di una qual certa tolleranza..

      Elimina
    2. p.s comunque, negli spot Chiediloaloro ci sono anch'io.. come testimonial della mensa Caritas romana.. sono, renzianamente, per la Chiesa del Fare... ;)

      Elimina
  2. Il discorso in cui li ha scomunicati è stato quello fatto proprio qui in Calabria, no?
    Bello, per carità, toccante, suggestivo (letto, eh, non mi sono scomodata ad andarlo a sentire personalmente xD)...però, o sono io che sto diventando sempre più blasfema o non so. Mi accodo al commento su, di Francesco, anche per me è tutto fumo e niente arrosto. Lui come tutti. Si scagli contro i mafiosi, li scomunica, e poi?
    Io vedo che quando succede qualcosa, nessuno reagisce.
    Fanno le indagini sul nulla, arrestano gente random e poi vedi boss con la barba un po' più lunga a fare la spesa al supermercato.
    Ah, però sono stati scomunicati, quindi bene così.

    Ci vediamo in Chiesa Domenica prossima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tra l'altro andrebbero ricordate le ultime toopiche del papa, tipo quella sulle persone che non fanno figli perche' vogliono edonisticamente divertirsi e che moriranno in tremenda solitudine

      Elimina
    2. Ahahah si, quella in cui rimproverava chi 'sceglieva gli animali al posto dei figli'..come se uno dovesse procreare per non rimanere solo >.<
      Io sono Cristiana (anche se chi mi conosce mi dice che a volte si chiede se sono atea) ma non riesco proprio a concepire come il Dio in cui credo possa essere uguale a quello in cui credono i sostenitori accaniti della Chiesa.
      E pensare che questo Papa era partito bene, alla mia prima valutazione..

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. E poi niente Paole'.. chiacchiere e distintivo.. del resto anche ambienti vicinissimi alla Chiesa non pensano che il Papa goda di eccessivo credito, dell'autorevolezza necessaria a fornire scosse. Io credo che possa invece, se non lo fanno fuori come Giovanni Paolo I...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei sapere che cacchio combini e scateni l'ira funesta di certi commentatori xD

      Elimina
    2. Il dialogo ci sta sempre.. e qualche sciocco anonimo anche .. ;)

      Elimina
  4. ambienti VICINISSIMI alla chiesa... ma chi frequenti, tu?
    ..non pensano che il papa goda di eccessivo credito...ma come scrivi, tu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frequento focolarini ad esempio, molto vicini ai gesuiti.. tutte sotto specie di cristianesimi molto pompati.. e tu anonimo bello, come scrivi, con l'inchiostro simpatico?

      Elimina
  5. Come sempre, chiacchiere.
    Pergiunta estive.
    Vogliamo vedere concretezza.
    Iniziasse a dire "vi abbiamo preso per il culo da 2014 anni!"

    Moz-

    RispondiElimina
  6. Certo se fosse Dio avrebbe cambiato il mondo in sette giorni.
    Di sicuro ci si aspettava solo questo da lui. Arriva e con un colpo di "mitra" o di "pastorale" ti rivoluziona uno stato millenario come il Vaticano in un niente.
    Invece agendo in profondità, istituendo commissioni di vigilanza, agendo ai vertici dello Ior, cercando di scuotere tutto dalle radici,è fare nulla. Come se fosse semplice percorrere una strada nuova rischiando di fare ancora più danni, invece che riparare.
    O meglio si pensa che vada per proclami. O per operazioni pubblicitarie. Che di sicuro alzano la sua popolarità ma che non tolgono nulla al suo operato fatto senza troppi strombazzamenti.
    Insomma bisognerebbe informarsi. Ed evitare di caricarsi a mille nel volere cambiamenti immediati, che non sono possibili è evidente.

    Poi il Papa deve anche fare il Papa, ovvero la guida spirituale di un popolo. Che è ben al di là del suo piccolo stato.
    Siamo tutti molto bravi a giudicare solo da quello che vediamo.
    E di solito quando si vuole rifondare, si vede poco partendo dalla superficie.
    Questo è naturalmente il mio punto di vista. Di sicuro gli sto dando fiducia. E mi domando: perché no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resto un ammiratore di Papa Luciani, uno che sembrava volerli replicare quei "sette giorni" rivoluzionari.. non ne ha avuto modo, ne' tempo. E non voglio ribadire facili illazioni... vorrei vedere solo cose adeguate ad un Papa che si prende il nome di Francesco: quello di un reale rivoluzionario. Sono disposto ad aspettare ovviamente, ma basta anche con sciocchezze del tipo "i romani sono razzisti perché invitano a stare attenti quando salgono gli zingari sull'autobus"... chessò, hai chiesto di liberare i conventi per gli immigrati? Mossa per me splendida. Non lo fanno? Agisci in autonomia, chi te lo può impedire? Insomma, ce ne sarebbero di "piccoli" gesti che avvicinerebbero alla Chiesa una quantità pazzesca di disamorati.. sarebbe marketing anche quello forse, ma certo utile alla causa... lo ammetto, Bergoglio mi aveva caricato a mille.. magari comnciare a togliere quei vergognosi settecento metri quadri a Bertone, mi renderebbe già più tollerante...

      Elimina
    2. ecco, mi hai fatto venire in mente l'altra enorme topica bergogliana, quella sui rom e sui romani razzisti solo perchè vigilano sul loro portafogli in autobus.... pollice versissimo !

      Elimina
  7. non è che il papa parla solo per voi.

    RispondiElimina
  8. Per adesso diciamo che lo si ricorda per le telefonate estemporanee, per le carezze ai bambini e per la bella, bellissima immagine... Lo IOR non mi sembra sia statao trasformato in qualcosa di diverso da una banca di stato costretta a maggiore trasparenza non dal suo magistero ma dalle regole finanziarie internazionali che avevano messo il Vaticano nella black list.

    Ma questa e' l'epoca dei grandi incantatori di serpentio dare speranza, non importa sia esso un popolo o un gregge di fedeli. A Roma per adesso ne abbiamo due: uno giovane con la faccia piena di nei e questo un po' più' anziano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo Francesco.
      Comunque si sa parlando di un capo di stato che è anche un capo di un mondo di cui conosciamo molto poco e a quanto vedo solo per sentito dire.
      E non ho altro da aggiungere.

      Elimina
    2. Ah sì. Il paragone con Renzi te lo potevi risparmiare.

      Elimina
    3. Sono ateo. Non riconosco alle parole del pontefice valore superiore a quelle di un qualsiasi capo di stato.

      Elimina
    4. Abbiamo pazienza Mariella, e come cristiani - almeno io - anche speranza e fiducia. Ma vorrei sentire cose meno superficiali come la condanna alle torture o il deprecare la fame nel mondo. Quella fame che certo non attanaglia la macchina Chiesa. C'è da smuovere coscienze ed apatie. E non solo a chiacchiere. Amen.

      Elimina
    5. Tutti ambiamo a sentire cose meno superficiali.

      Elimina
    6. .. e non tutti facciamo il Papa, infatti ;)

      Elimina
    7. La critics ci sta Franco. Io per prima sono piena di dubbi. E Francesco d'Assisi e' stato il rivoluzionario piu' grande, concordo. Sono le parole di un ateo e miscredente che in questo contesto lasciano il tempo che trovano ;)

      Elimina
    8. non è che all'ateo e miscredente puoi togliere il diritto di critica, a meno che non ammettiamo l'infallibilità del papa e allora stiam parlando di niente

      Elimina
  9. Mi chiedo solo come possano fare i sacerdoti a capire o sapere che un tizio che chiede la comunione è un mafioso.
    Oppure, nel caso in cui lo capisca o lo sappia, avrà mai il coraggio di non farli comunicare?

    RispondiElimina
  10. Dobbiamo pretendere, e sperare, che gli atei si esprimano Mariella. Non siamo integralisti, non potremo mai esserlo.

    RispondiElimina
  11. Sempre arguto e con un fine e sottile velo di sarcasmo, giusto per colpire il centro del bersaglio, condivido le tue risposte Franco..
    Meno teoria e più pratica!
    :::)))

    RispondiElimina
  12. ...è bravo, è bravo papa Cecco...
    un solo dubbio...
    non sarà TROPPO bravo?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, quelli TROPPO bravi muoiono subito...

      Elimina
    2. infatti, NON è TROPPO BRAVO !

      Elimina

  13. Penso che infliggere la pena dell'immigrazione di massa sia massimamente giusto nei confronti di tutti coloro che non la contrastano o la apologizzano pure.
    La miglior cosa da fare per gli svampito-buonisti dell''accoglienza senza se e senzadi altri milioni di sardine nella scatola italica è sottoporli proprio agli effetti della loro ideologia.
    Sì sì.

    RispondiElimina
  14. Il problema è che se il papa li scomunica ma i preti di paese continuano a benedirli comunque non funziona la cosa...

    RispondiElimina
  15. Ma in tutto questo, i mafiosi sono là che si disperano ? Forse li ha scossi ed ora anziché il giuramento di sangue sui santini dovranno giurare sulle carte del Mercante in Fiera ? Che senso ha la parola SCOMUNICARE verso gente che di mestiere ammazza altra gente e poi la domenica va a messa o regge la Madonna durante la processione del paese (con la connivenza di tutti che sanno e tacciono)? Se volesse veramente scomunicare non dovrebbe limitarsi ai mafiosi ma includere una pletora di persone: sono da scomunicare anche tutti quelli che scaldano i banchi delle chiese recitando la messa a memoria, salvo poi comportarsi come degli infami nella loro quotidianità. Questa sarebbe coerenza e rispetto verso i veri credenti e verso la fede. Il resto sono solo chiacchiere. Amen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inaftti. Dovrebbero mettersi paura di un anatema questi che acidizzano i bambini? Siamo seri, per favore.

      Elimina

Sottolineature