domenica 6 aprile 2014

La ladra di cinema.. ops! di libri


Questo film mi ha scosso. In negativo però.
Comodamente slavato e fastidiosamente didascalico, ingenuamente edulcorato e svenduto alla commozione facile, alla stregua di un libro Cuore dei poverissimi di spirito.

Mannaggia papà!! Hanno ribbruciato l'arosticini!!..

Un film dove rare parentesi pregevoli, come l'ebreo custodito in cantina che chiede a Liesle di descrivergli il cielo fuori ispirandole l'amore per l'esposizione, o gli episodi nei quali la bimba “prende i libri a prestito”, o mentre tiene compagnia con le sua fiabe ai compaesani nei rifugi antiaereo, o urla sul lago “Hitler nun te sopporto!!” assieme all'amichetto dai capelli giallo limone, vengono risucchiati maldestramente da una miriade di scene (finte) madri o da semplice zavorra filmica, e da personaggi tagliati con l'accetta ad evoluzione standard: 

come la mamma adottiva presentata ultracarogna e che si rivelerà tenera e premurosa (forse c'aveva le sue cose quando è arrivata Liesle..), mille frangenti con la simil Shirley Temple sempre coi boccoli piastrati che gioca a pallone ed entra in tackle come il miglior Beckembauer (tradizione teutonica non c'è che dire.. ), l'immancabile ragazzino carogna scemo (questo resterà carogna e scemo però, chissà..) e il biondino buono innamorato, o il padre adottivo arruffato (almeno con la coscrizione 'na pettinata je la daranno..) e alleato fin da subito; e che dire delle parole incise tutte in inglese sui muri della cantina dove la tedeschina imparava a leggere e scrivere? 

Shirley Temple me fa' un baffo!!..

O del libro ripescato nel fiume gelido che manco l'unità di salvataggio della Costa Concordia l'avrebbe recuperato? O dell'ebreo nascosto in cantina col tedesco cieco che ispeziona, e ancora del borgomastro che brucia i libri ma tiene una biblioteca che se la sognava pure Benedetto Croce?
Tutti escamotage da bassissimo profilo e dal facile acchiappismo patetico e lacrimevole.

Ma è possibile che come te leggo qualcosa t'addormenti!!  Uff!!

Senza considerare una lentezza esasperante, paesaggini da mondo delle favole, quasi sempre invernali ed innevati, ed una guerra cosi ai margini che sembra di stare in un altro paese. 


Il titolo del libro (non l'ho letto, ma ovvio immaginarlo di ben altro

 spessore) da cui è tratto questo obbrobrio mette subito in guardia


sull'operazione fasulla in corso: La bambina che salvava i libri.

Già un chiaro risvolto poetico di ben altra espressione.

Questa Storia di una ladra di cinema incitrullisce lo spettatore ben

 disposto con una serie di didascalici luoghi comuni che lo fanno

 apparire per quello che è: un filmetto mal confezionato.

Eppoi alla fine, ecco la Morte in voice-over (ma che c'ha fatto

 grattare per tutto il film “tutti dovete schiattare prima o poi”)

 che sbaglia obiettivo perché “si sono mischiati gli indirizzi”.


Guarda se 'ntelo  buco 'sto pallone!!


Ai margini di una guerra sempre sfiorata, l'unica volta che non

 gracchiano le sirene ad annunciare i bombardamenti, coglierà tutti

nel sonno, tranne Liesel, trasformandosi da scena di commozione

 madre, in un cult comicissimo considerando che la sbarbina, 

anziché in pigiama come tutti gli altri, è bella che vestita e pure con

 le scarpettine!! Gli mancavano i boccoletti d'oro però, sfoggiati 

per tutta la pellicola...


25 commenti:

  1. Ma pensa! Io lo volevo vedere solo perché parlava di libri e di un certo Max .. ( ihihihi)
    Una cosa che noi lettori dobbiamo tenere a mente e che i film tratti dai libri non saranno mai belli come i libri. Al massimo diversi. Un libro che ha fatto eccezione è stato lo strano caso di Benjamin Button il film è un capolavoro il libro un po' pressappochista che nulla a che vedere con alta filosofia del film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso, cosi al volo, a Shining, Alla leggenda del pianista o Qualcuno volò sul nido del cuculo. Ci sono grandi trasposizioni cinematografiche. Non è questo il caso...

      Elimina
  2. ma il titolista del post stamattina era in sciopero? Il film ce l'ho lì,ma gne la fo'...'sta domenica passo dopo Nymphomaniac...

    RispondiElimina
  3. No ti prego. Il buonismo di Cuore no, eh. Non lo reggo. Grazie dell'avvertimento.
    Io sono protagonista inconsapevole di "la ragazza che faceva copia e incolla"...

    ps nonono. non me li romanizzare, gli aRRosticini, tassativamente, la doppia (anche tripla) R :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti appoggio anche le tre R. Quando si parla di arrosticini, trasfiguro... ;)

      Elimina
  4. il buonismo è una gran cacca...
    nella vita come nei film, e nel libro non era particolarmente rintracciabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho letto ma già dal titolo si comprende come non sia, almeno il libro, furbetto.

      Elimina
  5. tu e pensieri cannibali mi avete convinto... non lo andrò a vedere! investo i miei soldi in altro!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio spendere per Ti ricordi me? allora...

      Elimina
  6. Film bello e commovente. Rivisto la vergogna e gli orrori della germania nazista. Ovviamente non è stato comico come Di Caprio quando in" The Wolf of Wall Street " si faceva di coca. Non ho mai riso così tanto in poche ore! Non rido facilmente, purtroppo :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato brutto, lento e patetico. Riguardati Schindler's List se vuoi rinfrescare la Memoria.

      Elimina
  7. Errata (non) corrige: mi fanno notare (alla faccia dello spoiler) che nella scena finale la bambina viene sorpresa dai bombardamenti notturni completamente vestita perché forse assopitasi in cantina mentre traduceva in tedesco tutte le centinaia di parole che il bambino inglese adottato prima di lei aveva inciso sulle pareti. Ipotesi sensata e vagamente affascinante che voglio prendere in considerazione sulla base del sacrosanto assioma per il quale "solo gli imbecilli non cambiano idea".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. 'solo gli imbecilli non cambiano idea' è una arma affilata ma a doppio taglio :), pensaci......

      Elimina
    3. .. è prova di saggezza che pochissimi riescono a far propria. Pensaci.. eh eh.. specialmente quando ti riviene in mente Sacro Gra.. ;)

      Elimina
  8. Praticamente lo scivolamento dalla morale al moralismo.

    RispondiElimina
  9. Era patetico già nel trailer

    RispondiElimina
  10. Madonna, hai ragione... basta con 'sti film buonisti e patetici :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un film che te se scioglie il Winner Taco prima che lo scarti... ;)

      Elimina
  11. Ciao! Grazie Moz per avermi fatto scoprire questo blog di cinema - amo il cinema - e grazie Franco per avermi fatto capire che non vedo questo film!

    RispondiElimina
  12. .. questo weekend mi butto su Noah.. ma assolutamente senza 3D.. poi ti saprò dire.... p.s. e grazie a te!!

    RispondiElimina
  13. Un'amica mi ha consigliato questo film dicendomi "piangerai, eccome se piangerai!!" (mi sembra di sentire una canzone dei Modà in sottofondo...)

    Beh, dopotutto il film non era male. E' vero, sempre la solita storia sui nazisti la guerra, gli ebrei...

    Quello che mi è piaciuto di più è stato il fatto di aver pianto... Dalle risate. Sorvolando sul fatto che ho visto il film con un adorabile cinico bastardo che con le sue battute ha fatto ridere tutto il cinema, si può sapere perché la morte s'era affezionata così tanto a quella comunista bionda?! A me sembrava solo una porta-sfiga, insomma... :D

    RispondiElimina
  14. Ho comprato il libro in tempi non sospetti... :-)

    RispondiElimina

Sottolineature