sabato 12 aprile 2014

BISOGNEREBBE CHIEDERE IL PERMESSO QUANDO SI ENTRA IN UN BLOG...

...ma in realtà no. 



Perché la porta di un blog è, per forza di cose, aperta.



E spesso con tanto di frecce, corsie preferenziali evidenziate, spot che caldeggiano la visita (come certi ristoranti che piazzano il cameriere/a fuori ad attirare clienti), nonché sfoggio di link e indicatori lampeggianti.








Tra un po’ ci metteranno pure sul 
Tripblogadvisor: 

 (“Buon accesso ma alla fin fine non c’è niente da leggere”, “Ambiente simpatico ma il proprietario è un cafone, neanche risponde ai commenti”, "Splendida prosa, taggheremo con piacere", "Layout orrendo con colore di sfondo che affatica la vista. Mai nel mio blogroll")




In realtà, da bravi ospiti, bisognerebbe entrare in punta di piedi, rispettare i toni e gli usi che si trovano, intuire se si è i benvenuti o se ci squilla il cellulare come al cinema...


Ci sono blog dove si percepisce fragrante aria di casa, di delicato distacco da tutta l'irrequietezza appena fuori; blog dove puoi accomodarti nel salotto buono, anche da perfetto sconosciuto, e sorseggiare un aromatico te’ in compagnia di fine pasticceria e deliziosi bisbigli.

Altri dove si strilla, si denuncia, si entra a gamba tesa, si viene tirati dentro per  un braccio e la polemica diviene subito tua, cavalchi proteste e dichiari guerre, e si strepita cosi forte che pure a passarci solo accanto, si ode frastuono.












Ma le sfumature sono molteplici: 


dal blog intimista, dove sembra peccato anche solo accennarlo un commento, con i posti in tenue spatolato veneziano, scritti piccini quasi a non disturbare, e senza foto o, proprio al massimo, ombrature in bianco e nero; 



a blog più trendy ed informali, dove la compagnia è subito briosa e festante, i colori sgarzullini,  svariati i riferimenti, foto e grafica acchiappanti 












a quelli monotematici, 


dove si narra e si insiste, fondamentalmente, di un solo fenomeno esistenziale, sia che riguardi lo spettacolo (cinema su tutti), la politica, sport, letteratura, ma anche cucina, religione, viaggi; 


fino ad arrivare agli immancabili diari minimi, dove l’intimo viene sfoggiato in tutte le salse grondando dal design ed emanato da colorature improbabili, nell' "hai visto mai" tentativo di somatizzarne effetti e lati oscuri. 
Blog oltretutto cosi mimetizzati tra le pieghe della blogosfera, che non ricordiamo neanche più come possiamo esserci capitati... ma che ci hanno imprevedibilmente catturato. 



Spesso una psicoterapia a costo zero che elegge ad analista il blogger ospite di turno, permettendoci di vestire, a nostra volta, l'ambito “camice” durante le nostre curiose esplorazioni.

Insomma, fossimo tutti, noi bloggers randagi (a cominciare da me che cerco maldestramente di ficcare nel mio blog tracce di tutti quelli sopra descritti), in costante ricerca di psicanalisi addomesticata?




57 commenti:

  1. mi piace molto questa idea di psicanalisi addomesticata. mi ci trovo.
    grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, forte della nonchalance con la quale mi muovo sul web, ho cercato di capire dove scrivi, ma oltre agli svariati Google +, i follouers, le cerchie, i link a sette/otto piattaforme diverse ed un paio di blog spagnoli che, chissà perché, gravitano attorno alla tua orbita, non sono risalito a nulla di umano. Secondo me potresti anche essere un fake della Blogspot che cerca di capire chi è 'sto scemo di Postodibloggo.. ;))

      Elimina
  2. il Tripblogadvisor è un'idea figa ^_^
    condivido anche io la psicanalisi a costo 0 e il randagismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quasi quasi ci metto il copyright.. eh eh..

      Elimina
  3. Bellissima e garbata descrizione di un microcosmo in cui io, figurati, sono capitato per puro caso! (un giorno ti racconterò...) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu eh! A chi lo dici... ma io so' a chi dare la colpa.. ;))

      Elimina
  4. Hai voglia di complicarti la vita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono milanista.. complicamela un altro po'!..

      Elimina
  5. Un sorriso... ci voleva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorridere pensandoci su, rimane l'ideale.. ;)

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Sei davvero brava, ti impegni molto, e, mi pare, niente copia-incolla.
    Meriteresti di diventare una blogger professionista.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops, scusa mi ero appena svegliata, si a mezzogiorno :(. Pensavo di essere nel blog in uno zaino. Da Marilena. :)
      Ciao.
      Ps comunque non scandalizzati tanto. Sai quanti blog...maschili sono scritti da donne e viceversa? che dire, si divertono così. :(

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ah ahaaah ahhaaa ahhhha ahhha :DDDDD
      (mi sto sganasciando dal ridere per il "brava")

      Elimina
  8. Alla fine si cerca sempre di specchiarsi negli altri e credo che, molto spesso, nel mondo virtuale ne escano delle cose davvero bellissime.

    Ora mi scervello nel cercare di capire a quale categoria io possa ascrivere il mio blog ahahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considera che estremizzavo.. eheh.. ;-)

      Elimina
  9. toc toc è permesso? si può entrare? c'è il padrone di casa?
    più vado avanti e più vedo che ci sguazzi nella blogosfera...e ne sono felice :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..sguazzerei di più negli arrosticini.. eh eh.. tocca organizza'.. magari con quell'altro abruzzese acquisito di Moz - (quello ci manda in delirio tutta Pianella!!...)

      Elimina
  10. Padrone di casa, mi piace! Anche se mio blog sembra più un cassetto dell'intimo disordinato (cosa lontanissima dalla mia realtà).
    Certo è che non potevo fare scelta migliore, il mio blog mi ha portato anche a varcare i confini della blogosfera, cosa che mai avrei pensato.
    Non potevo avere idea più geniale, quel giorno, quando ho deciso di sputtanare i miei affari sul web.
    E sulla psicanalisi da dannatamente ragione. WF è nata per caso, e me la porto dietro da quasi due anni. Magari le darà un minimo in più di credibilità con il mio vero nome. O magari no.

    :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (le darò)
      non cancello il commento giusto perché poi ti rimane la curiosità di cosa ci fosse scritto!

      Elimina
    2. Io il vero nome l'ho infilato smaneggiando con Google da incompetente che sono.. ma sono contento cosi.. (tanto il mio alter ego lampur mi segue a vista.. )

      Elimina
  11. allora restituiscimi quei 15 € che mi hai chiesto per poter commentare i tuoi post !!!!

    RispondiElimina
  12. Ma non erano 20?! È un blog questo, mica una onlus!! ;-)

    RispondiElimina
  13. bel blog.... complimenti decisamente originale e sopra le righe e non è poco di questi tempi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. grazie! vengo a leggerti.. non si finisce mai di scoprire in blogosfera... !!

      Elimina
  14. Io pensavo di non resistere ed invece almeno 1 anno è durata questa avventura (mo’ vediamo se arrivo a 2). A me manca lo spatolato veneziano e i caratteri piccini e quanto alle foto, se potessi ne metterei anche di più (visto che ho fatto la fatica di scattarle !!). Beh, mi manca anche l’aromatico thè, anche il monotematico, e…. E basta Lampur, pure una crisi di identità mi deve venire a leggerti ?? Ora non so neppure se il mio si può chiamare blog (però quelli a cui squilla il cellulare ce li ho !! conterà qualcosa!?). Ciao Franco, buona serata. Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu hai un sacco di cose che mancano a me, a cominciare dalla tenerezza... ;))

      Elimina
  15. Il blog DEVE rispecchiare il blogger a cui appartiene, altrimenti, al di la' di un esercizio di stile o ad una prova d'attore, credo che sia una presa in giro sia per chi lo scrive che per chi lo legge. ci sono poi i blogger che sul loro blog fanno i perbenisti e poi su quelli altrui scaricano le loro frustrazioni; quelli che sul loro sono sempre "sopra le righe" e quando commentano invece sono molto educati e discreti.
    Per quanto riguarda noi (io e te, caro Lampur) forse all'inizio non ci siamo presi o capiti subito, ma io sono felice di averti conosciuto come blogger e, credo e spero, come persona.. ma come sono buona e smielata stamattina ; )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sei piaciuta subito (smielato anch'io).. sai che non ricordo di incomprensioni?! Però sono uno che rimuove subito.. e comunque mo' faccio un po' di passaggi a ritroso.. come i salmoncini... cosi controllo.. eheh..
      per quanto riguarda il blog.. mi vanto di essere un libro aperto... almeno ci provo.. ;)

      Elimina
  16. Ti evito di perdere tempo: tu mi hai tacciato di conflitto di interessi su una mia affermazione di avere un blog ed essere una persona riservata ed io ti ho chiesto di non fare commenti allusivi sul mio blog in proposito a mattarelli e ad Antonio Banderas. Quello era iltuo primo commento. Magari oggi ci avrei scherzato su! ;)

    RispondiElimina
  17. .. no no.. ammetto che l'uscita su Banderas è stata di dubbio gusto.. specialmente come primo commento.. quasi imperdonabile.. eh eh

    RispondiElimina
  18. Ho letto il post. Io sono "quasi" a monotema. He sì caro il mio Franco. Io parlo quasi esclusivamente di religione. Cosa debbo fare per non perderti come amico e raro commentatore? Non credo di riuscire a cambiare...tu mi vai benissimo! Ah, dimenticavo: Buona settimana Santa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia era solo una personalissima descrizione, Lucia cara, non devi cambiare di una virgola, ma essere quello che sei e che ti fa stare bene... farsi piacere agli altri diventa un mestiere deformante e faticoso... buona settimana Santa anche a te.. e perdona le polemiche che non faccio mai mancare.. ;)

      Elimina
    2. Sai Franco che ci sono rimasta malissimo?Dicevo tra me: ma "che male ti fo?"
      Grazie per esserti spiegato. Mi piacerebbe che anche tu, un po, solo un pochino, vivessi questa settimana pensando al dolore del mondo, che è poi il dolore di Cristo, ma Domenica si Risorge!!! Abbracci cari!

      Elimina
  19. Io nel tuo ci sto entrando in punta di piedi. Poco a poco. Mi piace e ci torno volentieri.
    Chissà cosa penseresti del mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si entra, si legge, si guarda in giro, difficile si torni molto indietro nel tempo (una cosa che mi rimprovero sempre...), si annotano piccoli dettagli - un po' come sfogliare volumi in libreria -. Spesso è toccata e fuga. Ma siamo sempre alla punta dell'iceberg...

      Elimina
  20. non reggo i blog che parlano di cinema, trucco e parrucco, cucina e medicina
    quindi per me sei occhei, oltretutto sei romano (mi pare di capire), quindi un valore aggiunto: commento a simpatia, mai ad antipatia ;-)

    RispondiElimina
  21. Direi che tanto esistono case diverse se non quasi incompatibili per stile, conduzione, ospitalità, confort, accoglienza, cultura, goliardia etc. così sono pure i nostri diari pubblici.
    Se esiste la diversità pure nella faccine (: esiste, per fortuna, la diariodiversità! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. per non parlare delle autocontraddizioni.. ;)

      Elimina
    2. Diffidare sempre dai troppo incoerenti e dai troppo coerenti!

      Elimina
  22. Hai descritto benissimo il nostro micromondo... ci sono entrato 6 anni fa e non ne sono più uscito, non lo avrei mai detto francamente ma è successo. In rete si trovano cose bellissime, autori promettenti e anche spazzatura... insomma una sorta di copia di quello che c'è fuori.
    bravo
    un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' come avvicinarsi ad uno seduto al bar e scartabellargli i pensieri...

      Elimina
  23. E' un bel post.
    A me piace moltissimo leggere gli altri e son felice come una Pasqua (dato che ora è pure periodo) quando trovo un blog che rientra nelle mie corde.

    Io cerco sempre di entrare in punta di piedi nello spazio altrui, tanto che a volte mi rendo conto potrei essere presa per disinteressata o per una 'snobba blogger' xD

    Il tuo post si abbina bene ad un pensiero che ho fatto qualche giorno fa mentre tornavo qui all'Università. Bello.
    Buon inizio settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione. Un buon feeling lo creano le considerazioni affini... ;)

      Elimina
  24. Chissà a quale categoria appartiene il mio blog? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sto scoprendo.. nel frattempo puoi accarezzare tranquillamente tutti i miei post che dovessero trovarti simpatica... ;)

      Elimina
  25. Io nei blog non ci entro, mi ci acquatto

    RispondiElimina
  26. Mi hai trovato con la famosa ricerca... rand(agio)m.. ;-)

    RispondiElimina
  27. Le cose belle che si scoprono per caso, agli angoli, nelle pieghe dell'universo.
    Leggere e essere letti, che è una psicoterapia a basso costo, ma anche una infinita vanità... Siamo tutti un po' narcisi, qui dentro ;)

    RispondiElimina
  28. ...mi chiedevo come sia il mio blog...
    intimissimo?
    paranoicissimo?
    pesantissimo?
    da curare lo sono di sicuro!

    RispondiElimina

Sottolineature