sabato 15 marzo 2014

ALLACCIATE LE CINTURE (2014)


Siamo abituati, ormai, al consueto cinema ozpetkiano.
C’era stato un leggero e piacevole deragliamento con Magnifica presenza, ritorniamo ora alle abituali turbolenze di cuore (dalle quali, appunto, il consiglio del titolo) che vedono ambienti allargati e ripetuti siparietti tra generazioni diverse.
E caratteri opposti anche, dove possono intrecciarsi amori viscerali e amicizie profonde (fantastico e bravissimo, in quest'ottica eterogenea, Filippo Scicchitano, che inizialmente ricorda un incredibile Renzi adolescente..)
La Smutniak fa la tosta in una parte dura e puntigliosa, che la coinvolge in diverse scene emotive, ad esibire facce affrante o allegre tenerezze.
Dove non convince, invece, sono gli eccessi estremi, come nella fase della malattia, oppure nella scena clou del film, quella chiave, la svolta, per cosi dire, che si trasforma in una tamarrata biblica che difficilmente avrebbe visto la luce, anche sotto l’egida di un Vanzina o di un Neri Parenti: la Smutniak folgorata dal fascino rozzo del superboro (appena sfanculato per questioni di razzismo qualche giorno prima), gli serve, al bar dove lavora, una media chiara, che il primate tracanna tutta d’un fiato (ma senza rutto libero finale.. si vede che fatto 30, Fernan non se l’è sentita di fare pure 31..) e lei và in brodo di giuggiole davanti alla performance cammelliera, si fa prendere dalle caldane, molla il banco e vola via appresso al richiamo della barbarie (che sicuramente “ha pure da puzza'.. ”), ed entrambi via in moto (e senza casco ovviamente, che me voi rovina' i capelli al vento e l'occhio ebete?..)
Il protagonista maschile, Francesco Arca, è un autogol micidiale, fisico palestrato, cervello mai pervenuto.

"Minchia.. me so' scordato er casco pure oggi... ma 'ndo ce l'ho la capoccia?"  Ner casco.

Vero che si vuole giocare agli opposti che si attraggono ma, come sull’ottovolante, prima della discesa c’è una salita e passare d’incanto da un estremo all’altro, se da un lato snellisce l’impianto di sceneggiatura, evita anche al regista pigro di impelagarsi in una molteplicità di dinamiche a malapena sfiorate.
Il nostro ominide non esprime un concetto che è uno per l’intera durata del film... quando gli viene chiesto se per caso è dislessico, gira i tacchi e va via, chiedendosi, probabilmente, per quale nazionalità l’abbiano scambiato...).
Apprezziamo gli stacchi spazio/tempo che ci ripropongono tutti gli elementi, amici e familiari, tredici anni dopo a gestire le loro pieghe di vita. Ed anche gli incroci temporali, anche se grondanti simbolismi spesso elementari (mare calmissimo prima, in burrasca poi).



Ci piace meno il quadro che propone una deriva tragica senza che i rari elementi narrativi a sorpresa prendano il sopravvento o incidano più di tanto sulle palate di commozione sparse generosamente... insomma l'Ozptek che in fondo conosciamo a memoria. 
Garanzia per molti, accenno di noia per altri. Me compreso. 

45 commenti:

  1. Io ho visto "La finestra di fronte" e "Saturno contro" e mi sono bastati.
    Faccio parte di quelli che sono annoiati dal cinema di Ozpetk e che lo ritengono sopravvalutato. Kasia in generale e' una brava attrice da fiction per la tv, ruolo che ingabbia un po' gli attori.
    Ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I primi erano buona cosa.. mo' basta!

      Elimina
  2. 'Le fate ignoranti' è il mio film del cuore. Ma effettivamente difficile che gli altri film possano reggere il confronto.
    Però questo lo guardo, che Ferzan mi piace parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe sorprenderti Magnifica presenza... ;-)

      Elimina
  3. Brutta cosa quando uno scrittore o un regista arrivano a essere "conosciuti a memoria". Questo in effetti è bravino, ma da tempo l'uscita di un suo film non mi fa scattare la scintilla del "devo vederlo a tutti i costi"...

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, siamo giunti all'assuefazione. Urge disintossicarsi.. :-P

      Elimina
  4. A me piace quando gli attori si trasformano, mi interessa per questo^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sarai un appassionato di Trasformers!! ahah..

      Elimina
  5. Sei tu allora il mio cassiere? *--*
    Ahah io l'ho visto con il mio migliore amico,non mi e' dispiaciuto anzi..commosso. Vabbe' che me commuovo sempre con i film romantici etc..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, alla birra tracannata volevo uscire dal cinema... ;)

      Elimina
  6. non l'ho visto, non mi ispira proprio... per il fatto che c'è lui, Francesco Arca! Un tizio che fino a pochi anni fa stava a massaggiare i piedi di Lele Mora! ma che avrà mai da dire!?!? di Ozpetek ho adorato pure io "le fate ignoranti"... ma "saturno contro".... proprio non ce l'ho fatta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco Arca mi da l'idea di essere realmente cosi tonto...

      Elimina
  7. Io avevo in programma di andare a vederlo domani... ma insomma ... vado o non vado ?
    Se è romantico lo reggo ma romantico noioso no !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devia su La mossa del pinguino...

      Elimina
  8. mi vien da sbadigliare già dalla sinossi, forse persino dal titolo, sicuramente dal nome del regista :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il nome del regista, però, può ricordare qualche ameno luogo di tue battaglie interplanetarie... ;)

      Elimina
  9. Risposte
    1. .. pensa che tutto il pezzo gira attorno a questa definizione.. ;)

      Elimina
  10. Carissimo (devo decidermi a inserirti tra i miei preferiti) avevi messo un commento ma su che cosa? Non lo trovo più. Mi pareva parlasse dei miei tulipani. Mah, non so. Ritorna se ti viene in mente! Buona domenica di luce, di sole, di un'Altra Luce.

    RispondiElimina
  11. Ma che brutto film.
    Ma brutto, brutto, brutto, brutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..in effetti, anche qualche bel passaggio viene sommerso dal fatuo...

      Elimina
  12. Bene, tanto non mi ispirava più di tanto :)
    Depennato dalla lista, avanti così :)
    Buona domenica :)

    RispondiElimina
  13. Il tuo commento mi è proprio piaciuto! Tanto da pensare di affrontare questo tema con un post. Sono andata alla Messa delle 18, ma sono partita presto da casa (le 17) Camminavo e sentivo che stavo bene. Nel mio Quartiere, una volta periferia, ora....con tanti palazzi abbastanza nuovi è diventato un po' ricercato....Sono rimaste, oggi ristrutturate, molte villette. ho guardato i loro giardini....non voglio farla lunga ma è stata una bella passeggiata! A casa ho visto il post di Gus, proprio per te.....
    Io volevo dirti principalmente: se non hai ancora commentato il film "la grande bellezza" vai perfavore sul blog di Alessandro D'Avenia, Prof2.0 E' lo scrittore di "Bianca come il latte.e...." (girato film) e di "Cose che nessuno sa" Due bei libri adatti specialmente ai ragazzi/e. Io trovo che le cose che scrive siano interessanti. Sono logorroica? Scusa e buonanotte.

    RispondiElimina
  14. Eppure certe volte ho come la sensazione che "te le vai proprio a cercà"... ; )

    RispondiElimina
  15. Lo ammetto. Me c'hanno trascinato.. eh eh..

    RispondiElimina
  16. e c'hai speso pure i sordi? E i cinturini li hai allacciati? Passa da me che c'è posta per te...http://bradipofilms.blogspot.it/2014/03/my-boomstick-award-2014.html

    RispondiElimina
  17. Che te possino Bradipí... ;-)

    RispondiElimina
  18. A me era piaciuto invece proprio Magnifica Presenza e anche Un giorno perfetto: quando si mette con le commedie romantiche, Ozpetek non lo digerisco.
    Un abbraccio
    Mary

    RispondiElimina
  19. .. infatti anche a me!! ;-)

    RispondiElimina
  20. ...ok faccio la parte della "figa" del gruppo...
    a me non è dispiaciuto, okey non ci faccio la ola, però nemmeno lo condanno senza possibilità di assoluzione, ha momenti okey...
    non epici, non memorabili, ma okey...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non disconosco i momenti decenti. Sono tutti gli altri ad infastidire alquanto... ;)

      Elimina
  21. Le fate ignoranti mi era piaciuto molto, così anche La finestra di fronte... Saturno Contro a tratti e qualcuno del cast...
    un saluto

    RispondiElimina
  22. Ringrazio anche te di averlo visto al posto mio.
    Già dal cast odoravo aria di bruttezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualcuno deve pur sacrificarsi... ;)

      Elimina
    2. .. anzi che il giovane Scicchitano se regge pure...

      Elimina
  23. Ahaha, bella la didascalia della foto, in effetti, pare dire proprio quello! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .. le didascalie taroccate sono un must di Pensieri Cannibali che mi ha sempre mandato in brodino di giuggiole.. un piacevolissimo "format" che plagio volentieri.. ;))

      Elimina
  24. ... eppoi sennò come le fai le stroncature..eheh..

    RispondiElimina
  25. Ciao LAMPUR, questo film non lo vedrò sicuramente e neanche soffrirò per ciò!
    Ti ho aggiunto fra i blog che seguo ^__^
    Ciao, buon pomeriggio!
    Dani

    RispondiElimina
  26. Grazie Dani!!! .. soffrire per un film non visto poi!!... casomai, soffrire vedendolo!! ahah

    RispondiElimina
  27. Questo è il link per i commenti recenti:
    http://imaniaci.blogspot.it/2010/01/commenti-recenti-widget-blogger.html
    Spero di esserti stata d'aiuto, se hai qualche dubbio fammi sapere.
    Ciao, buonanotte!
    Dani

    RispondiElimina
  28. Ho pensato esattamente le stesse cose per:
    - Renzi adolescente
    - Mancato rutto libero alla fine della birra

    Ma poi, solo io non ho capito il senso del titolo?? Ma che c'entra???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Turbolenze.. d'amore..... allacciate le cinture!! ..ma te vojo ammazzà... ;)

      Elimina

Sottolineature