domenica 22 dicembre 2013

I PONTI SOSPESI







Gli angeli dimorano le case in rovina
agghindate dalle stagioni,
i ponti sospesi
tenuti su da un solo sguardo distratto,
le vie di folla ferita
ad acquistare
anche questo Natale.

Gli angeli si addormentano
accanto ad ogni nostra speranza,
e siamo noi a vegliare.
Sui loro voli esausti,
sulle preghiere ipocrite
e sul nostro gesticolare
che non si libera dal fango.






Ed il commento stringato è presto fatto:

punto uno: noi diveniamo custodi degli angeli
una volta che loro hanno gettato la spugna.

punto due: siamo comunque pessimi custodi,
sia nostri che loro.

Da questa osservazione base partono poi diversi
ghirigori stilistici a commento dei nostri Natali
consumistici
oppure, 
immagine che a me piace molto

(e rimane sempre nell'ambito
dell’inversione del convenzionale)

l’idea dei ponti che stanno su
solo perché noi li guardiamo.

17 commenti:

  1. " l’idea dei ponti che stanno su
    solo perché noi li guardiamo."
    e se nessuno li guarda proprio mentre sul ponte ci sei tu?
    ma perché uno scrive kazzate? per farsele leggere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu guarda, pensavo la stessa cosa leggendoti... anche a me piace "sporkare" gli altri blog...solo che ci metto la faccia... ah già, dimenticavo.. bisogna avercela. La faccia.
      A meno che uno non sia solo il servo sciocco di chi lo segue a stretto giro... ;)

      Elimina
  2. Beh, è un mondo in cui da custodire forse c'è poco, è rimasto poco anche in noi stessi... chissà.
    Io penso che siamo noi stessi i nostri angeli custodi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è affatto escluso, ma dovremmo seguire dei "corsi"... ;)

      Elimina
    2. corsi di evocazioni angeliche? XD

      Moz-

      Elimina
  3. Voto per "l'idea dei ponti che stanno su solo perchè noi li guardiamo".
    a margine. lampur tu quando devi mandare al diavolo qualcuno usi la controfigura? io no. e secondo me neanche tu. (e questa mi sa che la capiamo in due - emoticon)

    RispondiElimina
  4. Gli angeli ci conoscono e per questo non perdono la pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ci siamo svelati completamente?

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. pare che Dio abbia esternalizzato la custodia angelica ad alcune ditte di sicurezza privata.
    l'idea dei ponti che stanno su solo perchè noi li guardiamo è fortemente combattuta dall'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti, specialmente dalla sottosezione degli Ingegneri civili ciechi e ipovedenti. La loro proposta è questa: l'ostacolo esiste finchè noi lo guardiamo, dunque se non lo guardiamo, il ponte non serve.

    RispondiElimina
  7. Meraviglioso. Mo' che ci penso ha baccagliato anche la Società Ponte di Messina, che ha l'esclusiva dei ponti che stanno su solo perché li guardiamo.. ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti hanno rinunciato in favore di una più pratica sparizione dello stretto di messina stesso

      Elimina
  8. Lo sai che non posso essere d'accordo sul fatto che gli angeli buttano la spugna .. ma di questo abbiamo parlato già sin troppo. Sono qui solo per farti gli auguri di Buon Natale e serene feste; li ho fatti dal mio blog a tutti, ma ci tenevo a passare e farteli qui. E se le campanelline sul mio albero suoneranno il giorno di Natale dirò: tié Lampur :).
    Auguri, auguri, auguri. Ciao. Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E andrai anche dal TUO ANGELO pasticcione?
      Ti aspetta con il SUO VI DEO sotto il FICO.

      Elimina
    2. Sappiamo entrambi, carissima Marilena, che gli angeli non mollano, ma non possiamo affidarci sempre ai nostri custodi. Dobbiamo imparare a custodirci, prima che sia troppo tardi. In tutti i modi. Con un sorriso donato, con un pasto caldo, sprecando meno acqua per fare la doccia. Grandissimi auguri. L'influenza mi ha permesso di passare un Natale intimo e meno festeggione. Forse ci voleva.

      Elimina

Sottolineature