lunedì 1 luglio 2013

MULTISALA MULTIVISION...



Ma è possibile entrare in un multisala di quelli faraonici, tipo l’UGC Cinecitè a Roma, con 24 mega sale sparse su tre piani, alle 14 del pomeriggio, ed uscirne alle due di notte, pagando per la visione di un film e vedendone indisturbati almeno cinque di seguito combinando orari e sale? La risposta è: si, è possibile. Certo non vuol essere un invito a delinquere, ma giusto una monellata goliardica che prevede, oltretutto, una serie di controindicazioni per nulla sottovalutabili:
1) Quella più ovvia consiste nell’essere beccati in flagranza di reato da eventuali controlli (controlli?! Mai subito niente di simile…), al che le giustificazioni potrebbero essere le più svariate, sempre considerando che sul ticket c’è stampigliata l’ora del film per cui avete regolarmente pagato: si và dal “Ho lasciato l’ombrello la settimana scorsa, lo stavo cercando, al: “ho avuto una colica che mi ha tenuto tre ore al bagno” passando per “Ah! Lo dicevo che non era questo il film…Brad Pitt non si vede mai!!”, fino ai “e mi pareva un po’ troppo lungo stò film”, “Ah finalmente, ma dov’è l’uscita? Stavo giusto chiamando la Protezione Civile”, “Porca miseria, devo essermi addormentato!”
2) overdose da film con rischio ottundimento capacità cerebrali
3) attacchi di gastrite convulsa causati da overdose di popcorn e coca cola
4) attacchi di fame convulsa causati da mancato accessoriamento di neanche quei deleteri approvvigionamenti di cui al punto 3
5)causa di divorzio/separazione intentata dal partner mollata/o a casa



6) Lo studio di una scaletta possibile nell’intersecazione filmica della maratona ammette (e l’esame del time table lo ammette) nell’ordine: 2012, Up, La battaglia dei tre regni, L’uomo che fissa le capre e Gli abbracci spezzati. Dubitiamo giusto del fatto che, non solo durante la proiezione dell’ultima pellicola, ma già in una fase antecedente, oltre agli abbracci, “spezzati”, potremmo risentire dello spezzamento anche di altri organi abitualmente usi alla disgregazione in contingenze ripetitive e sfioranti l’abuso, come suol dirsi, dell’uso. Potremmo rischiare amnesie confusionarie e deliranti che condurrebbero a commenti sulla serata del tipo: “Nel 2012 uscirà una recensione molto up sulla battaglia delle capre nei regni spezzati da un uomo con tre abbracci”. Ora, l’unico dubbio che rimane è: chi potrebbe mai accompagnarmi nella messa in pratica di una simile, canagliesca, impresa? 


Ma il nostro inossidabile Bradipo ovviamente! L’unico utente fruitore di cinema a getto continuo ed in quantitativi mostruosamente industriali… secondo me s’inietta chiavette “emulemente” scaricate, anche nel sonno… ;) Emidio ti aspetto a Roma per sfidare le convenzioni!


2 commenti:

  1. Gianni - Savona3 luglio 2013 08:51

    Ah!Ah! Beati Voi che potete vedervi cinque film in una botta. Anche se in effetti i rischi che elenchi sono reali (e non sottovalutabili).
    Personalmente visto un film me ne vado a casa a rimuginare, a meno che non sia una stupidata.
    Tra le scuse da presentare agli addetti, si potrebbe infilare anche un "sto scappando da mia moglie che mi vuole menare" (da usare solo con addetti uomini per far scattare la solidarietà maschile),oppure "non lo vede! Sono Claudio G. Fava e sto lavorando. Se ne vada o rovino la reputazione di questa sala!" (nel mio caso mi aiuta anche l'accento.....).
    In quest'ultimo caso le reazioni sono due: 1) pensano che tu sia davvero un celebre critico, viene il Direttore a porgerti le sue scuse e ti invitano a cena nel miglior ristorante dei dintorni 2) pensano che sei un matto e ti accompagnano all'uscita compatendoti.
    Quale delle due è la più probabile? :-)

    RispondiElimina
  2. Which is better Coke or Pepsi?
    ANSWER THE POLL and you could get a prepaid VISA gift card!

    RispondiElimina

Sottolineature